Astronomia : Perchè vogliamo che Betelgeuse si tramuti Al Più Presto in una Supernova

Perchè un solo Sole e una sola Luna non ci bastano.

In passato abbiamo già assistito ed ammirato , seppur per non molto tempo, due Soli e due Lune nel nostro cielo.
Probabilmente riaccadrà quando Betelgeuse esploderà, se non sia già esplosa ora mentre sto scrivendo, dato che Betelgeuse pare sia una supergigante rossa e quindi si aspetta che il suo nucleo alla fine collassi, producendo un’esplosione di supernova che molto probabilmente ci negherà la notte piena per diverso tempo, se vivremo abbastanza per averla negata.

La Nebulosa Granchio è ciò che resta dell’esplosione stellare, la Supernova, e i nostri antenati la osservarono nell’Agosto del 1054 d.C. in tutte , o quasi, le parti del globo.
La luce prodotta dall’esplosione rimase visibile per due lunghi anni nel cielo notturno medioevale, tale da farla pensare come una seconda luna.

Mentre per 23 giorni consecutivi, dopo la prima apparizione, fu come se ci fossero due Soli in cielo, uno grande e uno piccolo, proprio quello che avverrà quando assisteremo all’esplosione di Betelgeuse.
Gli Indiani d’America del Chaco Canyon dipinsero questa meraviglia in caverne ed anfratti secondo i ricercatori:

La Nebulosa che scaturì a seguito dell’esplosione fu osservata per la prima volta nel 1731 dall’Astronomo britannico John Bevis.

Le leggende narrano che un Cavaliere fu tramutato in quella Stella brillante dopo che aveva superato diverse prove e missioni per ordine dela sua Regina, ma morì dopo l’ultima battaglia stremato tra le lacrime di questa…e scomparve.

Non fu come nel quarto capitolo di Guerre Stellari, Una Nuova Speranza ma simile. La Terra ebbe due Lune nel 1054 d.C.

Storie come Supernovae…che come si è visto precedono ogni nebulosa.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *