Salute : Le Cellule Tumorali entrano in Ibernazione Quando vengono attaccate

E’ una spiegazione plausibile al fatto che la chemioterapia in molti casi fallisca miseramente ed inesorabilmente.


TechnologyReview:

Attingendo a un antico meccanismo evolutivo di sopravvivenza, le cellule tumorali entrano in uno stato pigro e di lenta divisione per sopravvivere al duro ambiente creato dalla chemioterapia o da altri agenti mirati.
Nella ricerca pubblicata il 7 gennaio su Cell, la dottoressa Catherine O’Brien, scienziata del Princess Margaret Cancer Center, e il suo team hanno scoperto che quando sono minacciate, tutte le cellule tumorali, piuttosto che solo un sottoinsieme, hanno la capacità di passare a questo stato protettivo, dove le cellule “riposo” finché la minaccia, o la chemioterapia, non viene rimossa.
È il primo studio a identificare che le cellule tumorali dirottano un programma evolutivo conservato per sopravvivere alla chemioterapia. Inoltre, i ricercatori dimostrano che nuove strategie terapeutiche mirate a prendere di mira specificamente le cellule tumorali in questo stato di lenta divisione possono prevenire la ricrescita del cancro.
Il tumore si comporta come un intero organismo, in grado di entrare in uno stato di lenta divisione, conservando energia per aiutarlo a sopravvivere“, afferma il dottor O’Brien, che è anche professore associato presso il Dipartimento di Chirurgia dell’Università di Toronto (U di T).
“Ci sono esempi di animali che entrano in uno stato reversibile e in lenta divisione per resistere ad ambienti difficili.”
“Sembra che le cellule tumorali abbiano abilmente cooptato questo stesso stato per il loro beneficio di sopravvivenza”.

Abbastanza inquietante ma scientificamente è una logica che credo sia conosciuta fin dall’antichità.
Stesso meccanismo di difesa di certi virus, stesso meccanismo di difesa delle cellule cancerogene.

Il dottor Aaron Schimmer, direttore dell’Istituto di ricerca e scienziato senior presso la principessa Margaret, osserva che questa ricerca mostra che le cellule cancerose vanno in letargo, come “gli orsi in inverno”.
Aggiunge: “Non abbiamo mai saputo che le cellule tumorali fossero come orsi ibernati. Questo studio ci dice anche come prendere di mira questi orsi addormentati in modo che non ibernino e si svegliano per tornare più tardi, inaspettatamente.
Penso che questo si rivelerà un’importante causa di resistenza ai farmaci e spiegherà qualcosa di cui non avevamo una buona comprensione in precedenza“.
Utilizzando cellule umane di cancro del colon-retto, i ricercatori le hanno trattate con la chemioterapia in una capsula di Petri in laboratorio.
Ciò ha indotto uno stato di lenta divisione in tutte le cellule tumorali in cui hanno smesso di espandersi, richiedendo poca nutrizione per sopravvivere. Finché la chemioterapia è rimasta nel piatto, le cellule tumorali sono rimaste in questo stato.
Per entrare in questo stato di bassa energia, le cellule tumorali hanno cooptato un programma di sopravvivenza embrionale utilizzato da più di 100 specie di mammiferi per mantenere i loro embrioni al sicuro all’interno dei loro corpi in tempi di condizioni ambientali estreme, come alte o basse temperature o mancanza di cibo.
In questo stato, c’è una divisione cellulare minima, un metabolismo notevolmente ridotto e lo sviluppo dell’embrione viene sospeso. Quando l’ambiente migliora, l’embrione è in grado di continuare il normale sviluppo, senza effetti negativi sulla gravidanza.
Il dottor O’Brien, che è un chirurgo specializzato in cancro gastrointestinale, spiega che le cellule cancerose sotto attacco dal duro ambiente chemioterapico sono in grado di adottare la strategia di sopravvivenza embrionale.
“Le cellule tumorali sono in grado di dirottare questa strategia di sopravvivenza conservata dal punto di vista evolutivo, anche se sembra essere persa per gli esseri umani”, dice, aggiungendo che tutte le cellule tumorali entrano in questo stato in modo coordinato, al fine di sopravvivere.
Ricordando un discorso tre anni fa sui meccanismi cellulari che guidano questa strategia di sopravvivenza negli embrioni di topo, il dottor O’Brien ha avuto un’intuizione.
“Qualcosa è scattato in me quando ho sentito quel discorso”, ha detto. “Le cellule tumorali potrebbero dirottare questo meccanismo di sopravvivenza per sopravvivere alla chemioterapia?
Così il dottor O’Brien ha contattato il ricercatore del Toronto Mount Sinai Hospital, il dottor Ramalho-Santos, che aveva tenuto il discorso originale alla principessa Margaret.
Ha confrontato il profilo di espressione genica delle cellule tumorali nello stato indotto dalla chemioterapia, a divisione lenta, con l’embrioosina di topo in pausa del laboratorio del Dr. Ramalho-Santos e ha scoperto che erano sorprendentemente simili.
Analogamente agli embrioni, le cellule tumorali in questo stato di divisione lenta richiedono l’attivazione del processo cellulare chiamato autofagia, che significa “auto-divorante”. Questo è un processo in cui la cellula “divora” o distrugge le proprie proteine ​​o altri componenti cellulari per sopravvivere in assenza di altri nutrienti.

Cioè il cancro mangia se stesso per sopravvivere. Cannibalismo cellulare.
Ecco perchè osservare, oltre ad uno sport quotidiano, un giorno di dieta totale almeno un giorno al mese aiuterebbe il metabolismo a smaltire le tossine e gli elementi superflui.
Ho deciso di praticare il Ramadan a questo proposito.

Il dottor O’Brien ha testato una piccola molecola che inibisce l’autofagia e ha scoperto che le cellule tumorali non sono sopravvissute. La chemioterapia ha ucciso le cellule tumorali senza questo meccanismo protettivo.
“Questo ci offre un’opportunità terapeutica unica”, afferma il dottor O’Brien. “Abbiamo bisogno di prendere di mira le cellule tumorali mentre sono in questo stato di vulnerabilità a ciclo lento prima che acquisiscano le mutazioni genetiche che guidano la resistenza ai farmaci.
“È un nuovo modo di pensare alla resistenza alla chemioterapia e a come superarla”.
Il dottor Ramalho-Santos, che è anche professore presso il Dipartimento di genetica molecolare, Uof T, è un co-autore senior di questo documento.

Una buona notizia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *