Internet e Privacy : Perchè Molti Tra le Nostre Fila usano Pseudonimi

_χρόνος διαβασματός : [ 2 ] minutes

Molti personaggi pubblici su Twitter sono infastiditi dal fatto che molti Non Marxisti utilizzano Pseudonimi come nickname, e vengono così insultati ed etichettati in maniere piuttosto sconce e volgari. Chiariamo questo punto definitivamente.


Questi personaggi pubblici, capitalisti e marxisti, portano avanti accuse tipo: “Voi non siete veramente seri perché non mostrate la vostra vera identità.”.
Costoro cercano di diffondere slogan come “leoni da tastiera”, “guerrieri da tastiera”, “avatard” ed altre ignominie solo per delegittimare quelli che non operano sotto il loro vero nome.
Questi pupazzi televisivi pagati da personaggi squallidi, ad esempio Silvio Berlusconi, degnano con scherno e pretesa chi tra di noi usa gli pseudonimi, cioè chi presumibilmente ha bisogno di “fare qualcosa” per dimostrare il proprio impegno nel sociale, attaccare la feccia della propria Nazione, e al contempo proteggere la propria privacy e quella della propria famiglia. Dicono che qualsiasi tipo di discorso politico fatto sotto un pseudonimo e’ una forma di vigliaccheria.
Ma ora ditemi: Quando hai un popolo di non anonimi ma vigliacchi omertosi CHE MAI SCRIVERANNO QUELLO CHE AD ESEMPIO ΜEδουσα SCRIVE SULLA MAFIA SICILIANA, SULLA NDRANGHETA, SULLA CAMORRA, SULLA CORRUZIONE DELLE NOSTRE ISTITUZIONI, SU FATTI GEOPOLITICI MOLTO RILEVANTI perchè CONTINUARE A MENARLA CON IL FATTO CHE SIAMO ANONIMI E NON ABBIAMO DIRITTO ALLA PAROLA E ALLA STAMPA?
Avevamo anche già scritto cosa avveniva nell’Antica Roma, dove l’Insulto era indice di grande democrazia in Politica.
Ma ritornando al tema principale, questi personaggi pubblici ben pagati con ville , case, auto , scorte, privilegi, benefit, previdenza pagata, migliore sanità pagata, vogliono delegittimare i comunicatori sotto pseudonimo perché essi contano enormemente e sono tra i più efficaci all’interno del nostro movimento.
La Pseudonimia risale alla Storia profonda delle fondazioni politiche europee e americane, Italiane certamente, basti pensare ai MOTI CARBONARI DI EROI SOTTO PSEUDONIMO CHE PURTROPPO, CON LO SGUARDO DEI SECOLI, HANNO CONSEGNATO L’ITALIA AI BALORDI PERSONAGGI PUBBLICI DI OGGI che ci accusano di VIGLIACCHERIA.
I primi dibattiti politici europei e americani del Post Assolutismo Monarchico e che hanno modellato il futuro dell’Occidente sono stati fatti sotto pseudonimi.
Sia federalisti che anti-federalisti nel corso dei secoli hanno scritto i loro trattati, saggi, libri, pamphlet, in gran parte sotto pseudonimi.
Patrick Henry ha scritto sotto il nome Senex.
Publio, lo pseudonimo utilizzato per far avanzare gli argomenti dei federalisti incluso uno degli autori che fa un eco di ritorno a qualcuno come Alexander Hamilton, l’eroe immortale Padre Fondatore morto in duello, uno che utilizzava uno Pseudonimo che non si è tirato indietro ed è morto combattendo per difendere il suo Credo.

Il Credo che ha fondato una Nazione prima nel Mondo.
Ditemi…Hamilton, lo scrittore anonimo Padre di una Nazione, era forse un vigliacco?
Alexander Hamilton risiede sicuramente nel Walhalla, era un guerriero sotto pseudonimo e Vi confesso che volentieri combatterei al suo fianco come un fratello, come un Einherjar, fino all’avvento del Ragnarök.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *