Spazio : Sempre Più Frequenti Misteriosi Segnali Radio dal Cosmo, e Le Dissonanze Cognitive

_χρόνος διαβασματός : [ 5 ] minutes

 

Qualche post fa, riflettevo sul fatto che la nostra mente è materia del tutto oscura per la gran parte dei neuroscienziati, e che cambiare il modo in cui si studia il cervello umano potrebbe farci fare un passo avanti nella sua comprensione.

Allo stesso modo la nostra comprensione dell’Universo e dei suoi misteri galattici ed interstellari è molto limitata e suscettibile di modifiche e nuove spiegazioni.

Rt.com:

È stato scoperto un segnale radio ripetuto fantasticamente chiaro proveniente da miliardi di anni luce di distanza, solo il secondo del suo genere mai trovato. Gli scienziati ora credono che questi segnali siano molto più comuni di quanto si pensasse in precedenza.

Il segnale è un burst radio veloce (FRB), uno dei soli 60 di questi blip misteriosi mai registrati negli ultimi 13 anni, e la sua ripetizione fa luce sulle origini allettanti e misteriose di queste esplosioni lunghe millisecondi. Gli scienziati del radiotelescopio canadese Hydrogen Intensity Mapping Experiment (CHIME) sono riusciti a individuare la sua posizione a circa 1,5 miliardi di anni luce dalla Terra nel corso di sei ripetizioni.

Come il precedente ripetitore, rilevato nel 2012, il FRB di CHIME esclude la possibilità che le raffiche vengano da “eventi catastrofici”. Sei esplosioni provenienti dallo stesso identico luogo ma che si svolgono per diversi mesi non potrebbero provenire dalla stessa stella esplosiva. E l’esistenza di un secondo ripetitore significa che il 2012 non è stato un colpo di fortuna o un errore strumentale – qualcosa sta producendo questi lampi di luce ripetuti, ed è chiaramente fissato sul posto per lunghi periodi di tempo.

Con più ripetitori e più fonti disponibili per lo studio, potremmo essere in grado di comprendere questi enigmi cosmici – da dove vengono e che cosa li causano”, ha detto Ingrid Stairs, un’astrofisica dell’Università della British Columbia.

Nel 2017, gli scienziati di Harvard hanno scritto un articolo che spiega come gli impulsi potrebbero originarsi con un trasmettitore radio gigante costruito per alimentare un veicolo spaziale dotato di vela leggera. Gli autori di quella carta sono riemersi di recente per sottolineare che l’oggetto interstellare di cui tutti gli astronomi discussero quando passò attraverso il nostro sistema solare – Oumuamua – assomigliava fortemente a una vela leggera aliena.

Più probabilmente, dice Shiryash Tendulkar di CHIME, è la possibilità che provengano da una “stella di neutroni molto magnetizzata, a rotazione rapida chiamata magnetar del millisecondo“.

“È ancora presto per dirlo con certezza”, ha detto.

Tutto questo mi ricorda il mio esame di Biologia e Astronomia al Liceo. All’orale una bagascia professoressa marxista di Astronomia mi chiese delle Pulsar.
Mi ricordo che spiegai perfettamente cosa erano ma quella vecchiaccia inutile mi rispose che mi stavo confondendo con le quasar e volle avere ragione sul fatto che fosse in torto marcio. Tipico delle donne inutili in carriera che si ritrovano senza merito davanti degli astri nascenti indifesi.

Mi auguro che sia già cibo per vermi.

Comunque, in questo campo ho molti ricordi della scuola.
Ricordo perfettamente che davo le migliori spiegazioni dei fenomeni cosmici, e mettevo in dubbio le presupposizioni del professore di matematica, un ciarlatano che si divertiva ad umiliarmi.
Ricordo perfettamente questo maiale, che si divertiva ad avere dialoghi ravvicinati con le alunne troie della mia classe durante la ricreazione, quando spiegò a noi ragazzi che “un giorno l’uomo si sposterà da un astro all’altro della galassia alla velocità della luce”.
La cosa mi parve subito parecchio bizzarra.
Se per raggiungere Sirio che è la stella più vicina oltre il nostro Sistema Solare occorrevano 8 anni terrestri viaggiando alla velocità della luce, non vedevo la cosa tanto conveniente “nello spostarsi da un astro all’altro” a quella ridicola velocità.
Infatti criticai quel sudicio maiale, che liquidò la mia obiezione come una fesseria da cartone animato tra le risate dozzinali delle nullità di quella classe di merde.

Comunque, oggi gli scienziati infatti sono più propensi a credere nello sviluppare una tecnologia in grado di piegare lo spazio-tempo piuttosto che attraversarlo, cioè mettendo alle due estremità opposte di un foglio i punti A e B, sarà sicuramente più rapido congiungere fisicamente i punti A e B piegando il foglio piuttosto che tracciando una lunga linea retta tra A e B. Senza contare che un granellino di meteorite che colpisse un’astronave alla velocità della luce comporterebbe l’esplosione della nave stessa.

La comprensione della fisica quantistica sta aiutando molto in questo senso.

Per coincidenza junghiana oggi mi è passato davanti un libro di Isaac Asimov, nello specifico la lettura di un capitolo dedicato a Nicholas Constantine Christofilos, un tecnico di ascensori, che si dilettava in astronomia, e che spedì i risultati delle sue ricerche sulle particelle ad alta energia agli scienziati, ma questi lo snobbarono ritenendolo un dilettante acrobata.
Asimov dice a tal proposito: “C’e’ una tendenza dei professionisti di ogni categoria a snobbare quelli che considerano dei principianti.”

Tempo dopo gli Accademici di merda scoprirono le stesse cose che aveva scoperto anni prima Christofilos e, dopo un pò di anni, furono costretti a concedergli la scoperta come sua, e l’effetto di un tipo di schermatura elettromagnetica oggi porta il suo nome: Effetto di Christofilos.

Parafrasando Asimov: Esiste una tendenza dei Professori nelle Scuole ad esercitare forti pregiudizi verso tutti quegli alunni che contestano il Mainstream Educativo Cultural Marxista, o più ancora:
Esiste una tendenza del Mainstream dell’Informazione Globale a considerare estremisti e reazionari tutti coloro i quali contestano le sue considerazioni sulle realtà create dai giornali scambiando l’uso delle parole e applicando la convenienza a ciò che in altri momenti si riterrebbe spiacevole, un autentico lavaggio del cervello orwelliano, Orwell lo scrittore mortificato dal Mainstream Mondiale Moderno.

Leggere risorse alternative non è altrettanto facile come pigiare sui tasti del telecomando.

Questo sito non è un blog comune, nè un sito di eNews, è una Commentary Board, significa che prendiamo notizie dal Mainstream e le commentiamo, questo rende la nostra Informazione sull’Informazione molto più affidabile di una semplice re-informazione, re-tweet, o di leggere i titoli di news o fake news.

Credo altresì di aver avvertito in qualche pagina del Menù che questa Commentary Board crea dissonanze cognitive, nel breve e medio termine le D.C. creano stati di angoscia, tristezza, ma nel lungo termine possono farvi aprire definitivamente gli occhi.

La gente si rattrista quando le proprie credenze sono messe in discussione, la dissonanza cognitiva crea un vuoto tra i pensieri. Da qui si apre un autentico conflitto mentale tre le informazioni ritenute immutabili e quelle che ribaltano al di là di ogni dubbio le prime.
Questo conflitto attiva aree del cervello coinvolte nei processi dell’identità personale e della risposta emozionale alle minacce.
Gli allarmi del cervello smettono di funzionare quando una persona si sente minacciata su un profondo livello personale ed emozionale causando lo spegnimento e il disprezzo di ogni evidenza razionale che contraddice ciò che questa precedentemente considerava come una “Verità” immutabile.

E’ quello che è accaduto nel Medioevo, è quello per cui tanti illuminati sono morti o hanno dovuto abiurare il loro credo scientifico.

Passare dalla tristezza alla malvagità è un secondo di orologio per i c.d.pilastri delle istituzioni di una nazione.

Non provocate molte dissonanze cognitive o finirete sotto processo, non seguite il nostro esempio.

Non vi fate mai attrarre dal Potere del Lato Oscuro della Forza……

Leave a Reply