Fahrenheit 451 : I Marxisti vogliono Proibire l’Insegnamento della Divina Commedia nelle Scuole

 

Perchè proibire la Divina Commedia?

Corriere:

MILANO – La Divina Commedia deve essere tolta dai programmi scolastici: troppi contenuti antisemiti, islamofobici, razzisti ed omofobici. La sorprendente richiesta arriva da «Gherush92», organizzazione di ricercatori e professionisti che gode dello status di consulente speciale con il Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite e che svolge progetti di educazione allo sviluppo, diritti umani, risoluzione dei conflitti.

ANTISEMITISMO – «La Divina Commedia – spiega all’Adnkronos Valentina Sereni, presidente di Gherush92 – pilastro della letteratura italiana e pietra miliare della formazione degli studenti italiani presenta contenuti offensivi e discriminatori sia nel lessico che nella sostanza e viene proposta senza che via sia alcun filtro o che vengano fornite considerazioni critiche rispetto all’antisemitismo e al razzismo». Sotto la lente di ingrandimento in particolare i canti XXXIV, XXIII, XXVIII, XIV. Il canto XXXIV, spiega l’organizzazione, è una tappa obbligata di studio. Il personaggio e il termine Giuda e giudeo sono parte integrante della cultura cristiana: «Giuda per antonomasia è persona falsa, traditore (da Giuda, nome dell’apostolo che tradì Gesù)»; «giudeo è termine comune dispregiativo secondo un antico pregiudizio antisemita che indica chi è avido di denaro, usuraio, persona infida, traditore» (così scrive De Mauro, Il dizionario della lingua italiana). Il significato negativo di giudeo è poi esteso a tutto il popolo ebraico. Il Giuda dantesco è la rappresentazione del Giuda dei Vangeli, fonte dell’antisemitismo. «Studiando la Divina Commedia – sostiene Gherush92 – i giovani sono costretti, senza filtri e spiegazioni, ad apprezzare un’opera che calunnia il popolo ebraico, imparano a convalidarne il messaggio di condanna antisemita, reiterato ancora oggi nelle messe, nelle omelie, nei sermoni e nelle prediche e costato al popolo ebraico dolori e lutti». E ancora, prosegue l’organizzazione, «nel canto XXIII Dante punisce il Sinedrio che, secondo i cristiani, complottò contro Gesù; i cospiratori, Caifas sommo sacerdote, Anna e i Farisei, subiscono tutti la stessa pena, diversa però da quella del resto degli ipocriti: per contrappasso Caifas è nudo e crocefisso a terra, in modo che ogni altro dannato fra gli ipocriti lo calpesti».

Come si può pensare di proibire un’opera immortale come la Divina Commedia retro-accusandola di considerazioni che appartengono esclusivamente alla modernità?
I Vangeli furono il primo testo antisemita della Storia, l’intera Cristianità da allora fino al Medioevo ed oltre, molto oltre, si è fondata su questi pilastri che solo oggi vengono visti per quello che sono, cioè menzogne.

Ma come potremmo mai svelare, come potremmo mai ritenere che una cosa sia falsa se non capendo come essa è stata concepita, in quale contesto è stata usata, e perchè?

Proibire la Divina Commedia equivarrebbe a soffocare la verità, quella verità che dovrebbe sempre prevalere al fine di non commettere gli stessi errori in cui l’essere umano ricade puntualmente poichè sconosce che sono deja vu storici.

E’ il passaggio a ritroso di Danny Torrance sulla neve per cancellare le sue tracce e disorientare il padre assassino, il padre confuso dalle ideologie fantasma e degenerate marxiste, che cerca di squartare il figlio che è in grado di vedere la verità. Solo andando a ritroso cancelleremo gli errori e gli orrori che l’umanità ha commesso nel corso della Storia e saremo in grado di evolverci.

MAOMETTO – Ma attenzione. Il capolavoro di Dante conterrebbe anche accenti islamofobici. «Nel canto XXVIII dell’Inferno – spiega ancora Sereni – Dante descrive le orrende pene che soffrono i seminatori di discordie, cioè coloro che in vita hanno operato lacerazioni politiche, religiose e familiari. Maometto è rappresentato come uno scismatico e l’Islam come una eresia. Al Profeta è riservata una pena atroce: il suo corpo è spaccato dal mento al deretano in modo che le budella gli pendono dalle gambe, immagine che insulta la cultura islamica. Alì, successore di Maometto, invece, ha la testa spaccata dal mento ai capelli.

L’offesa – aggiunge – è resa più evidente perchè il corpo “rotto” e “storpiato” di Maometto è paragonato ad una botte rotta, oggetto che contiene il vino, interdetto dalla tradizione islamica. Nella descrizione di Maometto vengono impiegati termini volgari e immagini raccapriccianti tanto che nella traduzione in arabo della Commedia del filologo Hassan Osman sono stati omessi i versi considerati un’offesa».

La Cristianità Medioevale si opponeva fermamente all’Islamismo, e viceversa.
Possiamo dire, e riassumere, che noi popolavamo i loro inferni, e loro i nostri.

Ecco il bello nel conoscere la Storia anche dai versi di Dante.
Infelice il musulmano che non può invece usare blasfemia contro Gesù Cristo , dato che per l’Islam Gesù era un profeta di Allah.

E poi come mostrato nel post su Haxan la Stregoneria Attraverso i Secoli, la Divina Commedia è anche la prima grande mastondotica scenografia e storyteller horror della Storia Umana.

I nemici della Fede, senza distinzione di religione, vengono immersi nella lava, schiacciati, soffocati, frustrati, maciullati, umiliati, oltraggiati, derisi, sviscerati, senza risparmiare i grandi nomi.

OMOSESSUALI – Anche gli omosessuali, nel linguaggio dantesco i sodomiti, sarebbero messi all’indice nel poema dell’Alighieri. Coloro che ebbero rapporti «contro natura», sono infatti puniti nell’Inferno: i sodomiti, i peccatori più numerosi del girone, sono descritti mentre corrono sotto una pioggia di fuoco, condannati a non fermarsi. Nel Purgatorio i sodomiti riappaiono, nel canto XXVI, insieme ai lussuriosi eterosessuali. «Non invochiamo nè censure nè roghi – precisa Sereni – ma vorremmo che si riconoscesse, in maniera chiara e senza ambiguità che nella Commedia vi sono contenuti razzisti, islamofobici e antisemiti. L’arte non può essere al di sopra di qualsiasi giudizio critico. L’arte è fatta di forma e di contenuto e anche ammettendo che nella Commedia esistano diversi livelli di interpretazione, simbolico, metaforico, iconografico, estetico, ciò non autorizza a rimuovere il significato testuale dell’opera, il cui contenuto denigratorio è evidente e contribuisce, oggi come ieri, a diffondere false accuse costate nei secoli milioni e milioni di morti. Persecuzioni, discriminazioni, espulsioni, roghi hanno subito da parte dei cristiani ebrei, omosessuali, mori, popoli infedeli, eretici e pagani, gli stessi che Dante colloca nei gironi dell’inferno e del purgatorio. Questo è razzismo che letture simboliche, metaforiche ed estetiche dell’opera, evidentemente, non rimuovono».

Anche i musulmani non accettano l’omosessualità. Ma nessuno in Occidente parla di proibire il Corano per questo.

CRIMINI – «Oggi – conclude Sereni – il razzismo è considerato un crimine ed esistono leggi e convenzioni internazionali che tutelano la diversità culturale e preservano dalla discriminazione, dall’odio o dalla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi, e a queste bisogna riferirsi; quindi questi contenuti, se insegnati nelle scuole o declamati in pubblico, contravvengono a queste leggi, soprattutto se in presenza di una delle categorie discriminate. È nostro dovere segnalare alle autoritá competenti, anche giudiziarie, che la Commedia presenta contenuti offensivi e razzisti che vanno approfonditi e conosciuti. Chiediamo, quindi, di espungere la Divina Commedia dai programmi scolastici ministeriali o, almeno, di inserire i necessari commenti e chiarimenti». Certo c’è da chiederci cosa succederebbe se il criterio proposto da «Gherush92» venisse applicato ai grandi autori della letteratura. In Gran Bretagna vedremmo censurato «Il mercante di Venezia» di Shakespeare? O alcuni dei racconti di Chaucer? Certo è che il tema del politicamente corretto finisce sempre più per invadere sfere distanti dalla politica vera e propria. Così il Corriere in un articolo del 1996 racconta come, al momento di scegliere personaggi celebri per adornare le future banconote dell’euro , Shakespeare fu scartato perchè potenzialmente antisemita Mozart perché massone, Leonardo Da Vinci perché omosessuale. Alla fine si decise per mettere sulle banconote immagini di ponti almeno loro non accusabili di nulla.

Questi marxisti nella loro opera di distruzione dell’umanità non si fermano davanti a nulla.

Nel famoso Fahrenheit 451 di Ray Bradbury non fu un Governo o un ‘Elite a decidere di proibire i libri..ma fu una semplice maggioranza di individui che decisero per tutti gli altri.

Trail 1945 e il 1947 le truppe alleate e le truppe sovietiche distrussero l’intera letteratura tedesca pubblicata tra il 1933 e il 1945.

Nessuno saprà mai cosa contenevano quei libri, così come quelli bruciati nella Biblioteca d’Alessandria, o in quella di Baghdad durante l’invasione americana.

Solo leggendo come realmente le cose sono andate nel corso della Storia potrà farci evitare di commettere gli stessi sbagli, se non conosciamo come realmente sono andate le cose allora ricommetteremo gli stessi errori.

I marxisti vogliono cancellare completamente il passato per condurre la razza umana verso l’estinzione, non farci non ricordare l’errore di chi stavolta può optare ad esempio per una guerra termonucleare.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *