Teatro Europa, Gli Esperti avvisano: La Russia potrebbe Essere Vincente Nell’Incubo di Uno Scenario da III Guerra Mondiale

_χρόνος διαβασματός : [ 3 ] minutes

 

Chi non ha vissuto gli anni della guerra fredda, specialmente gli 80, non può capire. Eravamo come il bambino della Intro di Conflict Europe…in attesa dell’arrivo dei missili.

La recente analisi di Esperti della Difesa Svedesi sullo scenario bellico simulato da Day After dopo un ipotetico inizio delle ostilità tra NATO e Russia ci riporta indietro di quaranta lunghi anni.

Mommy I’m scared…

RT.com:

Una guerra a tutto campo nell’Europa settentrionale potrebbe vedere le truppe russe tagliare fuori le nazioni baltiche, ritardare le forze della NATO dal venire in loro aiuto e assicurarsi una presa sulla regione, afferma una nuova analisi dell’Agenzia di ricerca per la difesa svedese.

Nel rapporto, i ricercatori hanno eseguito un wargame simulato per determinare l’equilibrio di potere nell’Europa centrale e settentrionale in un cosiddetto – anche se improbabile – “scenario da incubo” che ha visto la Russia attaccare la Lituania attraverso la vicina Bielorussia. L’ipotetica campagna presupponeva che l’intera alleanza guidata dagli Stati Uniti sarebbe stata trascinata in un conflitto diretto del tipo che non si vedeva nel continente dalla fine della seconda guerra mondiale, ma l’uso di armi nucleari era escluso.

“Sulla carta, la correlazione delle forze offre alla Russia buone prospettive di successo”, afferma il rapporto, “se il conflitto può essere mantenuto breve e il risultato deciso in anticipo”. Un attacco a sorpresa che consentisse agli eserciti di Mosca di regolare i conti nel Baltico e di collegarsi con le truppe di stanza nell’exclave di Kaliningrad sarebbe essenziale, continua, prima che gli attacchi aerei a lungo raggio americani, britannici e francesi potessero iniziare sul serio.
Anche su rt.com le truppe di Mosca potrebbero dominare la NATO nella regione baltica, prevede il massimo generale polacco … ma la Russia insiste che semplicemente non è interessata

D’altra parte, sostengono gli analisti, la migliore possibilità della NATO di raggiungere una situazione di stallo sarebbe negare la superiorità aerea alla Russia e resistere fino all’arrivo degli aerei da guerra. Tuttavia, aggiungono, “un problema per la NATO è che le sue forze di terra leggera, con la loro debole artiglieria, per avere una ragionevole possibilità dipenderebbero dal supporto aereo ravvicinato”. Se Mosca potesse ribaltare le prime battaglie in aria a suo favore, la campagna potrebbe essere conclusiva.

Anche se la simulazione è stata interrotta dopo quattro giorni e nessun vincitore era uscito in testa, “la Russia era in una buona posizione per garantire il successo operativo sul campo”. “I fattori principali dietro i successi russi”, afferma il rapporto, sono stati avvantaggiati nell’iniziativa e sorpresa, numeri, meccanizzazione e, non ultimo, nel volume e nella portata dei fuochi indiretti [come l’artiglieria e altre munizioni a lungo raggio].

Tuttavia, le persone che vivono nei Paesi baltici potrebbero non aver ancora bisogno di ripararsi sotto i loro tavoli. All’inizio di questa settimana, i funzionari russi hanno deriso le affermazioni di un generale polacco in pensione, Waldemar Skrzypczak, che ha avvertito che il paese potrebbe eseguire una manovra simile e tagliare le forze della NATO in Lettonia, Lituania ed Estonia in soli due giorni.

Anton Alikhanov, il governatore della regione di Kaliningrad, dove il generale ha detto che l’attacco potrebbe avere origine, ha criticato l’idea che Mosca stesse cercando una rapida conquista. Secondo lui, la Russia non metterebbe in atto questi piani di battaglia “perché non auguriamo danni ai nostri vicini”.

L’aumento dell’attività della NATO vicino ai confini russi potrebbe un giorno portare a un “grave incidente”, afferma un alto funzionario della difesa di Mosca.

Ovviamente non vincerà nessuno se si metterà mano alle testate atomiche, ma il minuto dopo che una testata verrà lanciata saremo tutti assolti dalle nostre responsabilità. La fine non solo della società ma dell’intera civiltà.

E per esorcizzare queste paure giocavamo a questi videogiochi di strategia geopolitica militare.

Theatre Europe della PSS era avanti nel suo tempo, prevedendo schermate multiple, per un controllo delle forze in campo, e dell’arsenale chimico e nucleare.

Interessante il pannello di controllo delle atomiche, dove l’opzione “Sistema Reflex On,Off” permette di lanciare automaticamente un missile se il nemico lanci per primo un ICBM.

Immortale il quadrante d’immissione della password per autorizzare i lanci nucleari.

Per ottenere la password bisognava telefonare ad un numero di una utenza inglese alla quale avrebbe risposto una voce registrata che scandiva il nome in codice da utilizzare: Midnight Sun, Sole di Mezzanotte

Distruggere Parigi con una bomba atomica? In Theatre Europe puoi farlo.

Leave a Reply