PFAS : La Recente Notizia dei Fanghi Tossici di Brescia Svela Il Livello di Disinformazione in Italia

_χρόνος διαβασματός : [ 5 ] minutes

 

Il recente caso dei fanghi tossici venduti come concimi per i campi rivela un’ennesima volta la grande disinformazione disgustosa che impera in Italia grazie ai giornalisti e agli ambientalisti pappagallo-marxisti.

Lol.

Gli scienziati non parlano? Non si esprimono? E gli studenti di scienza? I dottori?

I fanghi trattati dai depuratori vengono venduti da decenni per concimi. Nel caso di Brescia non avevano subito qualche trattamento in più ma questo non vuol dire nulla.

Theguardian:

I fanghi di depurazione che i distretti di trattamento delle acque reflue in tutta l’America confezionano e vendono come fertilizzante domestico contengono livelli allarmanti di PFAS tossici, noti anche come “prodotti chimici per sempre”, ha rivelato un nuovo rapporto.

I fanghi, che vengono leggermente trattati e commercializzati come “biosolidi”, vengono utilizzati dai consumatori per fertilizzare gli orti domestici e i livelli di PFAS sollevano preoccupazioni sul fatto che le sostanze chimiche stiano contaminando le verdure e danneggiando coloro che le mangiano.

“La diffusione di biosolidi o fanghi di depurazione dove coltiviamo cibo significa che alcuni PFAS entreranno nel terreno, alcuni saranno assorbiti dalle piante e se le piante vengono mangiate, allora questa è una via diretta nel corpo”, ha detto Gillian Miller, un co -autore e scienziato senior presso il Centro di ecologia con sede nel Michigan.

I test, condotti con Sierra Club, hanno trovato le sostanze chimiche in ciascuna delle nove marche di biosolidi che ha controllato e a livelli che superano gli standard stabiliti per due tipi comuni di PFAS. I marchi biosolid sono venduti in negozi come Home Depot, Lowes, Menards e Ace Hardware.

I PFAS, o sostanze per- e polifluoroalchiliche, sono una classe di circa 9.000 composti utilizzati in dozzine di industrie per rendere i prodotti resistenti all’acqua, alle macchie e ai grassi. Sono anche collegati a una serie di gravi problemi di salute come cancro, difetti alla nascita, disturbi endocrini e malattie del fegato. Sono conosciuti come prodotti chimici per sempre a causa della loro longevità nell’ambiente una volta introdotti.

Le industrie che utilizzano o producono PFAS spesso scaricano le sostanze chimiche nei sistemi fognari pubblici dove viaggiano verso gli impianti di trattamento delle acque reflue, insieme ad altri rifiuti industriali e umani. L’acqua viene estratta dai rifiuti, trattata e reimmessa nei corsi d’acqua. Ciò che rimane negli impianti di trattamento è una massa semisolida di fanghi che è costosa per gli impianti di trattamento delle acque da smaltire nelle discariche.

I fanghi contengono azoto, fosforo e altri nutrienti che aiutano le colture a crescere, quindi con sempre maggiore frequenza negli ultimi anni vengono trattati e venduti come fertilizzante domestico o regalati agli agricoltori. Nel 2019, circa il 60% dei fanghi di depurazione prodotti dagli impianti di trattamento è stato sparso su terreni agricoli e giardini, oltre a cortili scolastici e prati.

Gli escrementi umani da cui derivano i fanghi si sono mescolati con un numero qualsiasi di 80.000 prodotti chimici artificiali che vengono scaricati dai tubi dell’industria o altrimenti pompati nel sistema fognario. Sebbene il processo di trattamento uccida la maggior parte degli organismi viventi nei biosolidi e gli impianti di trattamento schermano i fanghi alla ricerca di metalli pesanti, può ancora pullulare di prodotti farmaceutici, PCB, PFAS e altre sostanze chimiche tossiche che non vengono rimossi.

L’Ufficio dell’ispettore generale dell’EPA nel 2018 ha identificato più di 350 inquinanti in un campione di fanghi, di cui 61 che classifica “come inquinanti acutamente pericolosi, pericolosi o prioritari”. Ciò ha richiesto un divieto o una regolamentazione molto più severa dei fanghi e i sostenitori della salute pubblica affermano che i recenti test sono un’ulteriore prova che i biosolidi non sono sicuri.

Il nuovo studio non è sottoposto a revisione paritaria, ma ricercatori indipendenti che lo hanno verificato per The Guardian hanno affermato che la sua metodologia è valida. Gli autori dello studio hanno controllato 33 singoli composti PFAS e hanno trovato che ogni prodotto biosolido conteneva tra 14 e 20.

Ogni tanto penso a quegli idioti che leggono le notizie nei giornali italiani, primitivi che scoprono l’acqua calda, l’unico problema è che non ci si affogano con la testa dentro.

Questo è l’unico e vero problema non il fango tossico ma la gentaglia di fango tossica che c’e’ là fuori.

Nella placenta con gli embrioni c’e’ plastica.

Nel latte materno c’e’ lo schifo.

No?

C’e’ la stessa roba delle fogne, stupidi idioti.

theguardian:

Un nuovo studio che ha controllato il latte materno delle donne americane per la contaminazione da PFAS ha rilevato la sostanza chimica tossica in tutti i 50 campioni testati e a livelli quasi 2.000 volte superiori al livello consigliato da alcuni sostenitori della salute pubblica come sicuro per l’acqua potabile.

I risultati “sono motivo di preoccupazione” ed evidenziano una potenziale minaccia per la salute dei neonati, affermano gli autori dello studio.

“Lo studio mostra che la contaminazione da PFAS del latte materno è probabilmente universale negli Stati Uniti e che queste sostanze chimiche dannose stanno contaminando quello che dovrebbe essere il cibo perfetto della natura”, ha affermato Erika Schreder, coautrice e direttrice scientifica di Toxic Free Future, a Seattle senza scopo di lucro che spinge l’industria a trovare alternative ai prodotti chimici.

I PFAS, o sostanze per e polifluoroalchiliche, sono una classe di circa 9.000 composti utilizzati per realizzare prodotti come imballaggi per alimenti, abbigliamento e moquette resistenti all’acqua e alle macchie. Sono chiamati “prodotti chimici per sempre” perché non si decompongono naturalmente e si è scoperto che si accumulano negli esseri umani.

Sono collegati a cancro, difetti alla nascita, malattie del fegato, malattie della tiroide, calo del numero di spermatozoi e una serie di altri gravi problemi di salute.

Lo studio sottoposto a revisione paritaria, pubblicato giovedì sulla rivista Environmental Science and Technology, ha rilevato livelli di PFAS nel latte che vanno da 50 parti per trilione (ppt) a oltre 1.850 ppt.

Non ci sono standard per PFAS nel latte materno, ma l’organizzazione di difesa della salute pubblica Environmental Working Group pone il suo obiettivo consultivo per l’acqua potabile a 1ppt e l’Agenzia federale per le sostanze tossiche e il registro delle malattie, all’interno del Dipartimento della salute e dei servizi umani, raccomanda fino a 14 ppt nell’acqua potabile dei bambini.

Sebbene i ricercatori siano preoccupati dai risultati, i neonati sono difficili da studiare, quindi non c’è stata un’analisi approfondita di come i PFAS li colpiscano, ha affermato Sheela Sathyanarayana, co-autrice dello studio e pediatra dell’Università di Washington.

Ma ha aggiunto che studi su bambini più grandi e adulti hanno collegato le sostanze chimiche a disturbi ormonali e suggerisce che i PFAS danneggiano il sistema immunitario, il che potrebbe essere particolarmente problematico per i neonati perché il latte materno rafforza il loro sistema immunitario.

Sebbene lo studio abbia verificato una dimensione del campione relativamente piccola, la contaminazione ha attraversato i raggruppamenti socioeconomici e geografici, il che è “ciò che rende il problema così difficile a livello individuale”, ha affermato Sathyanarayana.

“Ciò di cui parla è che le sostanze chimiche sono così onnipresenti che non possiamo davvero prevedere chi avrà le esposizioni più alte”, ha aggiunto.

Ora dico, quando hai un titolo così:


Capisci che i giornalisti italiani sono degli scribacchini, che non abbiamo validi scienziati ed ambientalisti, che tutto il Sistema è formato da pappagalli che si sono laureati ripetendo a memoria i libri di testo davanti a professori marxisti del cazzo, ecco cosa capisci da titoli così.

Fottuti bastardi, i neonati SUCCHIANO PFAS DAL PRIMO GIORNO IN CUI VENGONO ALLA LUCE altro che “penso ai bambini mangiano mais tossico…”

Ecco gli ambientalisti moderni, ciarlatani dediti a culti bizzarri, intellettuali cultural marxisti e think tank con il fegato malandato.

Italia , nazione fogna.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *