Mondo : La Russia Potrebbe Reagire Presto Alle Provocazioni Occidentali, Attacco Ransomware Blocca La Più Grande Azienda di Lavorazione della Carne In Australia

_χρόνος διαβασματός : [ 3 ] minutes

 

Nel frattempo che l’Ovest è impegnato a difendere i leader nazisti come Navalny e i leader dell’Internazionale Anale Marxista come Protasevich…
Un ufficiale della top security russa, Nikolai Patrushev, Segretario del Consiglio di Sicurezza della Federazione Russa, così si esprime

RT.com:

Appena due settimane dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha rivelato che il Paese avrebbe “strappato i denti” a qualsiasi aggressore, il segretario del Consiglio di sicurezza ha avvertito che le azioni ostili contro Mosca potrebbero essere affrontate con la forza.

Parlando con il quotidiano Rossiyskaya Gazeta in un’intervista pubblicata lunedì, Nikolay Patrushev ha rivelato che la strategia di sicurezza nazionale rivista del paese significa che Mosca è ora disposta a usare la forza reale e non solo le sanzioni economiche.

“La nuova versione della Strategia per la sicurezza nazionale sottolinea il desiderio della Russia di aumentare la prevedibilità, la fiducia e la sicurezza nella sfera internazionale”, ha spiegato Patrushev.

“Allo stesso tempo, rileva la legittimità di misure simmetriche e asimmetriche per sopprimere e prevenire azioni ostili che minacciano la sovranità e l’integrità territoriale della Russia”.

In particolare, ha notato quelli che ha chiamato “metodi di coercizione forzati”, che sarebbero venuti dopo il fallimento di misure economiche speciali.

Mentre la Russia in genere risponde in modo simmetrico alle mosse degli avversari stranieri, spesso in modo tat-per-tat, Mosca ha recentemente mostrato disponibilità a misure asimmetriche. Ad aprile, dopo che la Repubblica Ceca ha espulso 18 diplomatici russi, il Cremlino ha deciso di espellere 20 cechi, alzando la posta. Due giorni dopo, al discorso annuale di Putin all’Assemblea federale, ha avvertito i paesi stranieri che chiunque minacci la sicurezza nazionale della Russia “si pentirà delle proprie azioni come se non si fosse mai pentito di nulla prima”, promettendo una risposta “asimmetrica, rapida e dura”.

Significa che la Russia reagirà con forza, perchè non può fare altro con chi da straniero vuole fare politica nel proprio paese, in Russia cosa si fa o non fa lo decidono ancora i Russi, e distruggeranno il mondo se non dovesse essere così. Non posso non essere d’accordo con questo.

 


Nel frattempo che l’Ovest è impegnato a distruggere la società con il Marxismo Culturale avviene che in Australia….

RT.com:

La più grande azienda di lavorazione della carne al mondo, JBS, è stata colpita da un attacco informatico che ha interrotto la produzione di carne negli Stati Uniti, in Canada e in Australia e ha costretto molti lavoratori a rimanere a casa.

L’intrusione di domenica ha preso di mira i server dell’azienda in Nord America e Australia, ha affermato JBS USA in una nota.

La società ha chiarito che i suoi “server di backup non sono stati interessati” e gli specialisti stavano lavorando per ripristinare le operazioni il prima possibile. Ha aggiunto che non vi erano prove che i dati di clienti, fornitori o dipendenti fossero stati compromessi.

L’Australian Broadcasting Corporation (ABC) ha riferito che numerose consegne di bestiame sono state annullate nello stato del Queensland, costringendo i camion di mucche a tornare indietro.

Grazier Colin Baker ha detto all’emittente che doveva rimandare indietro il bestiame perché “l’industria della carne sarebbe stata chiusa per un periodo di tempo indefinito”.

ABC ha citato Andrew Foden, capo dell’Australian Meat Industry Employees’ Union in Tasmania, affermando che migliaia di lavoratori della carne in tutto il paese sono stati mandati a casa a causa dell’hacking. Secondo AP, JBS gestisce 47 strutture e impiega circa 11.000 persone in Australia.

L’amministratore delegato di JBS Australia, Brent Eastwood, ha dichiarato domenica al sito web di notizie sull’industria della carne bovina australiana Beef Central che non è in grado di dire quanto durerà l’interruzione delle operazioni dell’azienda.

Il ministro federale dell’agricoltura David Littleproud ha dichiarato martedì che, sebbene JBS rappresenti circa il 20% della produzione di trasformazione dell’Australia, si aspettava “impatti significativi sulle esportazioni purché non si tratti di un arresto prolungato”.

Littleproud ha dichiarato a ABC Radio che il governo sta lavorando a stretto contatto con JBS ed è “troppo presto” per dire se l’azienda di confezionamento della carne è stata colpita da un attacco ransomware.

Gran carne ancora una volta all’Australia. La carnona al sangue di malware ;P


I cyberattacchi ransomware sono equiparabili, come danni prettamente economici, a quelli di un virus pandemico tradizionale e biologico, solo che con i virus cibernetici, o malware, nessun vaccino stile antivirus potrà mai essere in grado di funzionare o proteggere efficacemente.

Tuttavia, come i nostri migliori e più affezionati lettori sanno, le singolarità stanno per giungere, manca poco.

I computer quantistici faranno fare il salto di qualità all’intera rete, perfino le criptovalute tradizionali verranno frantumate, e questo dal 2023.

Un attacco ransomware di oggi ad una rete dotata di processori quantistici vorrebbe decriptare e trovare la password in poche ore, o secondi.

Anche un attacco che prevederebbe un qualsivoglia danneggiamento dei file dei server della vittima designata si rivelerà a quel punto solo acqua fresca, essendo i backup ormai un punto di forza collaudato, almeno per chi li fa, o con che software si gestisce l’intero processo copia.

Tuttavia, gli attacchi cibernetici tra Stati Nazioni continueranno….

🙂

Leave a Reply