Pandemia Sars2 : Ulteriori Spiegazioni Sulla Pericolosità della Proteina Spike, Le Cascate di Patogeni Paradossali chiamati Prioni

 

Il nuovo danno è che i non vaccinati riceveranno nel loro organismo con altissima probabilità la proteina spike dai vaccinati. Ormai il problema non è più il virus ma sempre la sua matrice originaria: La Mafia Marxista Globale.

Ricerca : Ingegneria Inversa del Codice Sorgente del Vaccino BioNTech-Pfizer SARS-CoV-2

Il Mondo pensa che il Dio Loki Sars2 sia adesso nella sua gabbia di stalattiti di ghiaccio…

Lo è?

zerohedge:

A gennaio del 2020 c’erano alcune cose molto chiare:
Una è che c’erano persone e istituzioni che sembravano aver anticipato l’evento, e lo stavano pianificando da molto tempo. Gates, Fauci, il World Economic Forum e la Johns Hopkins School of Medicine erano tra i preveggenti. (Accredito i video (ora cancellati) di Spiro Skouras.)

La seconda era l’evidenza genetica che suggeriva che COVID avesse un’origine di laboratorio. I finanziatori dell’establishment scientifico hanno perso il tentativo di ridicolizzare questa idea, e ora è trapelata nel mainstream, dove si fonde con la classica propaganda del pericolo giallo: “La Cina ce l’ha fatta!”. Ho citato prove che l’America è probabilmente ugualmente colpevole.

La confluenza di questi due temi suggerisce la logica oscura che assumo per il mio argomento oggi: coloro che sapevano in anticipo, non solo che ci sarebbe stata una pandemia, ma che sarebbe stato un Coronavirus, erano in realtà responsabili dell’ingegneria di questa pandemia.

Immediatamente, penso: come possono persone capaci di tali enormità sociopatiche occupare i circoli più potenti dell’élite mondiale? E quale sarebbe la loro motivazione? Non ho risposte a queste domande e lascerò le speculazioni ad altri. Ma c’è una risposta interessante che trovo meno convincente: che è una fonte di guadagno per la grande e criminale industria farmaceutica. I nuovi vaccini mRNA sono già i farmaci più redditizi della storia, ma penso che l’arresto delle economie mondiali, l’assassinio dei leader mondiali, la profonda corruzione della scienza e il controllo a tutto campo della narrativa mainstream implichino una base di potere più ampia di quella plausibilmente comandato dall’industria farmaceutica.

Cercherò invece di seguire le implicazioni scientifiche e mediche dell’ipotesi che il COVID sia un’arma biologica.

 

La Proteina Spike

La proteina spike è la parte della struttura del virus che si interfaccia con la cellula ospite. I virus SARS 1 e SARS 2 hanno entrambi proteine ​​spike che si legano a un recettore cellulare umano chiamato ACE-2, comune nelle cellule polmonari ma presente anche in altre parti del corpo. Legarsi al recettore ACE-2 della cellula è come il lupo che bussa alla porta della nonna di Cappuccetto Rosso. “Ciao, nonna. Sono tua nipote. Per favore, fammi entrare.” Il virus è un lupo che indossa un mantello e un cappuccio rossi, finge di essere una molecola di enzima ACE-2 che cerca l’ingresso nella cellula.

Per entrare nella cellula, il virus deve staccarsi dalla proteina spike e lasciarla sulla soglia, per così dire. Questo è un passo importante e difficile, a quanto pare. Unico al virus SARS-CoV-2 è un trucco per fare la separazione. Proprio sul bordo della proteina c’è un sito di scissione della furina. La furin è un enzima che taglia le molecole proteiche ed è comune nei nostri corpi, con usi metabolici legittimi. Un sito di scissione della furina è una stringa di 4 particolari amminoacidi che richiama la furina, “ehi, vieni qui. Sono una proteina che ha bisogno di essere tagliata”.

La prova più convincente per un’origine di laboratorio di COVID è che i coronavirus non hanno siti di scissione della furina e fino all’anno scorso questo trucco non si è mai evoluto in modo naturale.

Come pensiamo alle malattie naturali

La comprensione classica di una malattia virale o batterica è questa: un parassita è un organismo che utilizza le risorse dell’ospite per la propria riproduzione. Si è evoluto per riprodursi in modo efficiente. Se si è co-evoluto con l’ospite, può essere evoluto per risparmiare la salute dell’ospite, o addirittura per promuoverlo, perché questa è la strategia a lungo termine ottimale per qualsiasi predatore o parassita. Ma i parassiti appena emersi possono fare bene per un po’ anche se disabilitano o uccidono i loro ospiti, e questo è il tipo di malattia che ci danneggia di più. Il danno è fatto perché la strategia del (giovane) virus è di riprodursi rapidamente e disperdersi nell’ambiente dove può trovare nuovi ospiti. Il virus non ha interesse a danneggiare l’ospite e non si è evoluto a tal fine, ma questo è un effetto collaterale del sequestro delle risorse del corpo per la propria riproduzione.
In che modo le malattie ingegnerizzate possono essere diverse

Un virus di arma biologica è progettato per causare un certo tipo di danno.

Che tipo di danno? Dipende dall’uso previsto per l’arma.

Il virus non deve riprodursi? Probabilmente, per la maggior parte delle applicazioni di armi; ma un’arma biologica non è necessariamente progettata per una riproduzione rapida. Un’arma biologica può essere progettata come un “dormiente” per rimanere dormiente per mesi o anni o per causare disabilità incrementale per un lungo periodo.

Se il COVID si fosse evoluto naturalmente, ci aspetteremmo che la sua proteina spike si sarebbe adattata per accoppiarsi bene con il recettore ACE-2 umano. Non c’è motivo di sospettare che sia altrimenti biologicamente attivo. Ma se il COVID è stato progettato, potrebbe essere che la stessa proteina spike sia stata progettata per farci ammalare.

Una ragione per cui questo è significativo è che i vaccini sono stati tutti progettati attorno alla proteina spike, assumendo che la proteina spike fosse metabolicamente neutra. Se il virus si fosse evoluto naturalmente, questa è un’ipotesi ragionevole. Ma se provenisse da un laboratorio (sia che sia trapelato o sia stato deliberatamente rilasciato) la proteina spike potrebbe essere effettivamente l’agente del danno. Ci sono diversi motivi per sospettare che sia così.

 

La Proteina Spike come Agente Patogeno Attivo

Nel febbraio 2020, questo articolo osservava che la proteina spike non era perfettamente ottimizzata per legarsi all’ACE-2 umano e lo proponeva come una prova che “SARS-CoV-2 non è un virus intenzionalmente manipolato”. Ma se qualcuno stesse progettando il virus per causare danni, la proteina spike sarebbe un luogo conveniente per il vettore del danno, quindi la spike potrebbe essere stata progettata con due scopi in mente, legame e tossicità. La proteina spike appare in molte copie attorno alla “corona” del coronavirus. Poiché ogni copia ha un sito di scissione della furina alla sua base, molte proteine ​​spike si rompono nel flusso sanguigno. Ora abbiamo diversi rapporti e ipotesi riguardanti la proteina spike come agente attivo di danno. Si sospetta che la proteina spike causi coaguli di sangue, induca danni neurologici di lunga durata e causi infertilità. Molti aneddoti descrivono lesioni a persone non vaccinate che sono state in prossimità di vaccinati, spingendo a speculazioni sullo “spargimento” della proteina spike.

“Gli individui con COVID-19 sperimentano un vasto numero di sintomi neurologici, come mal di testa, atassia, disturbi della coscienza, allucinazioni, ictus ed emorragia cerebrale. Ma gli studi autoptici devono ancora trovare prove chiare dell’invasione virale distruttiva nel cervello dei pazienti, spingendo i ricercatori a considerare spiegazioni alternative di come SARS-CoV-2 causi sintomi neurologici…

Se non l’infezione virale, cos’altro potrebbe causare lesioni a organi distanti associati a COVID-19? Il colpevole più probabile che è stato identificato è la proteina spike COVID-19 rilasciata dal guscio esterno del virus in circolazione. La ricerca citata di seguito* ha documentato che la proteina spike virale è in grado di avviare una cascata di eventi che provoca danni agli organi distanti nei pazienti COVID-19.

In modo preoccupante, diversi studi hanno scoperto che le proteine ​​spike da sole hanno la capacità di causare lesioni diffuse in tutto il corpo, senza alcuna prova di virus.

Ciò che rende questa scoperta così inquietante è che i vaccini mRNA COVID-19 prodotti da Moderna e Pfizer e attualmente somministrati negli Stati Uniti programmano le nostre cellule per produrre questa stessa proteina spike del coronavirus come un modo per attivare i nostri corpi a produrre anticorpi contro il virus. “

[Articolo di GlobalResearch, febbraio 2021]

Nota: anche i vaccini Astra-Zeneca e J&J si basano sulla proteina spike e provocano la creazione della proteina spike nella persona vaccinata.

La “ricerca citata di seguito” si riferisce a questo studio su Nature che riporta che la proteina spike, iniettata nei topi, attraversa il cervello, dove provoca danni neurologici.

Notizie più grandi sono arrivate proprio questa settimana da uno studio in cui ricercatori del Salk Institute della California hanno collaborato con virologi cinesi. Hanno scoperto che la proteina spike nuda senza il virus (iniettata nei topi) può causare danni alle arterie del tipo che portano a malattie cardiache e ictus negli esseri umani. Il documento originale è stato pubblicato su Circulation Research e il Salk Institute ha pubblicato un reportage che descrive la ricerca.

Uno dei pericoli più credibili della proteina spike riguarda la fertilità. Nessuno dei vaccini è stato testato su donne in gravidanza, eppure molti governi e altre autorità lo raccomandano come sicuro per le donne in gravidanza. Il VAERS ha segnalato fino ad oggi 174 aborti spontanei dopo la vaccinazione COVID. VAERS è notoriamente sottostimato. Trovo gli aneddoti meno preoccupanti del fatto che nessuno lo stia prendendo sul serio, e la ricerca viene attivamente scoraggiata nelle riviste scientifiche più rispettate.

Esiste un meccanismo credibile, in quanto la proteina spike è parzialmente omologa alla sincitina. La sincitina, infatti, era in origine una proteina retrovirale, inserita nel genoma dei mammiferi molti eoni fa, e si è evoluta nel corso dei secoli per svolgere un ruolo essenziale nella riproduzione, legando la placenta al feto. Ci si potrebbe aspettare che una risposta immunitaria che attacca la sincitina imponga un pericolo di aborto spontaneo. In tempi normali, questo sarebbe un argomento su cui i ricercatori medici si impegnerebbero, con test sugli animali e indagini sul campo per valutare il pericolo. Ma questi non sono tempi normali, e il rischio viene respinto su basi teoriche senza indagine. Ciò è particolarmente sospetto nel contesto della storia: un programma di vaccinazione della Fondazione Gates nel 1995 sarebbe stato promosso a giovani donne, causando infertilità. (Sì, lo so che ci sono molti fact-checker desiderosi di “sfatare” questa storia, ma non mi fido, non li trovo convincenti, e alcuni di questi fact-checker sono compromessi dai finanziamenti di Gates.)

 
Prioni

Anche se fa ciò che dovrebbe fare la proteina spike – legamento ad ACE2 – può essere un problema per i nostri polmoni e le arterie, che sono regolarmente protetti da ACE2.

La possibilità più pericolosa, sospettata ma non verificata, è che la proteina spike provochi una cascata di prioni.

I prioni sono patogeni paradossali, in quanto sono proteine ​​mal ripiegate che causano proteine ​​mal ripiegate.

La loro eziologia evolutiva è assolutamente misteriosa, tanto che Stanley Prusiner ha impiegato un decennio dopo aver descritto la biologia dei prioni prima che la comunità scientifica prendesse sul serio la biochimica dei prioni.

Ma i prioni producono potenti armi biologiche, che i laboratori possono progettare al di fuori delle dinamiche evolutive naturali.

La possibilità di strutture simili a prioni nella proteina spike è stata notata molto presto nella pandemia sulla base di uno studio computazionale.

Questa recente revisione combina prove teoriche, di laboratorio e osservative per suggerire cautela. Ancora una volta, trovo inquietante che questa possibilità venga scartata su basi teoriche piuttosto che indagata in laboratorio e sul campo.

Da dove è nata l’idea che tutti i vaccini siano automaticamente sicuri?

Perché così tanti giornalisti respingono il suggerimento che i vaccini dovrebbero essere testati con placebo individualmente, come tutti gli altri farmaci? Perché è diventata una routine ridicolizzare e denigrare gli scienziati che fanno domande sulla sicurezza dei vaccini come luddisti politicamente motivati ​​o “anti-vaccinisti”? Come siamo arrivati ​​a una situazione in cui il “principio di precauzione” significa fare pressione sui giovani che non corrono quasi nessun rischio di COVID grave per accettare un vaccino che non è stato completamente testato o approvato? Non ho risposte, ma so chi trae vantaggio da questa cultura.

Mettere insieme tutte le prove

-Conoscenza in anticipo

-Soppressione di trattamenti e cure

-Tossicità della proteina spike che, se fosse stata prodotta dalla natura, avrebbe dovuto essere benigna

-Inclusione della proteina spike

-Forte promozione di vaccini scarsamente testati e

-Censura di scienziati e medici che mettono in dubbio la sicurezza dei vaccini

… mettendo insieme tutte queste prove, è difficile sfuggire all’inferenza che persone e organizzazioni potenti hanno progettato questa pandemia con intenti mortali.

Qualcuno dimostri il contrario di quanto appena esposto.

 

1 thought on “Pandemia Sars2 : Ulteriori Spiegazioni Sulla Pericolosità della Proteina Spike, Le Cascate di Patogeni Paradossali chiamati Prioni

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *