Governi e Privacy : Un Racconto di Due Nazioni. Il Governo Australiano Spia I Suoi Cittadini Attraverso la Covid App Nonostante Avesse Assicurato il Contrario

_χρόνος διαβασματός : [ 3 ] minutes

 

Questa è una storia sul perchè non bisogna credere al tipo di governi dove figurano starlette televisive, maestrine d’asilo, geometri, e marxisti, questa è una storia sull’Australia…..

Gizmodo:

La polizia dell’Australia occidentale ha avuto accesso ai dati privati ​​dall’app di check-in covid-19 dello stato almeno due volte per aiutare in un’indagine penale, nonostante le promesse che l’app sarebbe stata utilizzata solo dai traccianti dei contatti. È probabile che le rivelazioni inducano le persone a pensarci due volte prima di utilizzare l’app, uno strumento di salute pubblica obbligatorio per tutti i rivenditori, sebbene il mandato venga applicato solo in modo approssimativo.

L’Australia occidentale, uno stato di circa 2,6 milioni di persone, ha lanciato l’app SafeWA alla fine del 2020 per rendere più facile per i traccianti dei contatti rintracciare possibili infezioni dopo che un caso di covid-19 è stato identificato nella comunità. Ma c’erano promesse pubbliche fatte dal governo statale che qualsiasi informazione raccolta dall’app sarebbe stata privata.

La polizia ha difeso l’uso dei dati dicendo che è tutto scritto in piccolo, aggiungendo che stanno cercando di rintracciare i testimoni dell’omicidio del leader della banda di motociclisti locali Nick Martin. Un uomo di 34 anni senza nome è stato arrestato e accusato dell’omicidio e l’imputato non può essere nominato a causa di un ordine di soppressione del tribunale che non è raro in Australia.

“Accetto che le persone non leggano sempre la stampa fine sulle polizze assicurative o altro, e questo è un principio molto importante, ma la polizia ha avuto informazioni solo due volte su 240 milioni di transazioni ed erano circostanze eccezionali, ed è lecito, Il commissario di polizia dell’Australia occidentale Chris Dawson ha detto a una stazione radio locale.

“La polizia ha il dovere di indagare sui crimini”, ha continuato Dawson. “E stiamo parlando di un uomo che è stato colpito in un’arena pubblica con un’arma presumibilmente ad alta potenza, e altre persone sono rimaste ferite”.

I politici locali hanno introdotto la legislazione martedì sera per assicurarsi che la polizia non possa accedere ai dati in futuro, ma questo è probabilmente un freddo conforto per tutti gli australiani attenti alla privacy che credevano di fare qualcosa per la sicurezza della comunità.

“Ho detto che ci piacerebbe che finisse. La polizia ha risposto che è legale secondo la legge. Non possiamo non fare cose che sono lecite secondo la legge”, ha detto il massimo funzionario politico dello stato Mark McGowan in una conferenza stampa mercoledì. “Pertanto, abbiamo deciso di legiferare per assicurarci che la situazione sia resa totalmente chiara”.

“Sai, ci sono discussioni da entrambe le parti, ma penso che la strada più ragionevole da seguire sia assicurarsi che non sia possibile accedere a qualsiasi informazione fornita se non per scopi di tracciamento dei contatti. Le leggi lo renderanno assolutamente completamente chiaro”, ha continuato McGowan.

Secondo quanto riferito dall’Australian ABC News, McGowan, l’equivalente approssimativo del governatore di uno stato negli Stati Uniti, ha scoperto che la polizia stava utilizzando i dati dell’app ad aprile.

L’Australia è andata eccezionalmente bene durante la pandemia, con solo poche dozzine di casi di trasmissione comunitaria del virus nell’ultimo anno, grazie in gran parte a controlli alle frontiere molto limitati. I controlli alle frontiere australiane sono così rigidi che ai cittadini non è nemmeno permesso lasciare il paese senza un’esenzione speciale.

Ma quella stessa fortuna ha dato allo stato e all’Australia una mano difficile da giocare. L’esitazione vaccinale è eccezionalmente alta perché le persone in Australia non sentono alcun senso di urgenza a farsi vaccinare. Di conseguenza, è probabile che i confini australiani rimarranno chiusi per il prossimo futuro, poiché solo circa 695.000 dei 25 milioni di residenti in Australia sono stati completamente vaccinati.

Gli australiani vivranno con il covid per un bel po’ di tempo in un modo o nell’altro, il che significa che questo è il momento peggiore possibile per la polizia che sta minando gli strumenti di salute pubblica. Bene, polizia dell’Australia occidentale.

Ecco come i governi distruggono la loro credibilità insieme alla salute pubblica.

Nessuno si fiderà più delle loro balle.

Faranno una brutta fine come nel 1789, una brutta fine.

Leave a Reply