Giornalismo e Deep State : Conferme Con Prove ed Ammissioni, La Siria Non Ha Mai Prodotto e/o Utilizzato Armi Chimiche

_χρόνος διαβασματός : [ 5 ] minutes

 

Grazie ad un giornale corrotto sono stati uccisi innocenti, un legittimo sovrano è stato infangato, il mondo è stato ingannato, la BBC britannica e tutte le testate giornalistiche che hanno appoggiato la sua Fake News sono dei Criminali di Guerra.

Alan Friedman : la quintessenza del Deep State Sionista in Italia:

Non esistono i giornalisti. Un tempo forse esistevano. Oggi esistono solo sguatteri che scrivono sotto dettatura dei Governi, figure assimilabili benissimo a quelle dei criminali di guerra, e che quindi, come a Norimberga, vanno impiccati per Alto Tradimento.

Heise.de:

Nel contesto di una controversia che va avanti da anni per un presunto attacco di gas velenoso nella città siriana di Douma, la BBC britannica ha ora ammesso di aver fabbricato dichiarazioni diffamatorie sui critici dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW ) e violando le norme giornalistiche. Lo riporta il quotidiano britannico Daily Mail.

Le persone interessate si erano lamentate del fatto che l’OPCW avesse immediatamente attribuito l’attacco dell’aprile 2018 alla leadership di Bashar al-Assad e censurato i risultati che contraddicono questa tesi. Con il suo rapporto, l’organizzazione ha giustificato gli attacchi aerei di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia.

Dopo il presunto attacco chimico a Douma, sono stati recuperati i corpi di circa 50 civili. Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia hanno bombardato le strutture del governo di Assad e dell’esercito siriano pochi giorni dopo i fatti, mentre l’indagine dell’OPCW era ancora in corso.

Nei mesi successivi ci furono violenti scontri all’interno dell’organizzazione. Gli esperti dell’OPCW che sono stati coinvolti nell’indagine hanno accusato il team di gestione di aver modificato il rapporto in modo tale che una responsabilità della leadership di Assad sembra conclusiva.

Dopo la presentazione unilaterale nel corrispondente rapporto OPCW, un dipendente della cosiddetta missione d’inchiesta a Douma e Damasco ha informato per la prima volta un gruppo interno di esperti delle manipolazioni nell’autunno 2019.

Di conseguenza, la dirigenza dell’OPCW aveva sistematicamente ignorato o addirittura censurato tutti i risultati che contrastavano con la tesi del gas tossico. Inoltre, quasi l’intero team FFM è stato sostituito.

L’incontro con l’ispettore dell’OPCW, organizzato dalla Courage Foundation, che è vicina a Wikileaks, è stato preceduto da mesi di tentativi da parte dei membri della FFM coinvolti di impedire la manipolazione e di elaborare un testo di compromesso.

Dalla fine di ottobre alla fine di dicembre 2019, Wikileaks ha quindi pubblicato ampi documenti interni in quattro lotti, che confermano tutte le accuse.

Uno dei due informatori era l’ex funzionario dell’OPCW con lo pseudonimo di “Alex”.

Nello scandalo delle fake news che circonda la BBC britannica, l’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) e un presunto attacco di gas velenoso in Siria, ora si sono espressi esperti provenienti da Germania e Gran Bretagna. Hanno reagito all’ammissione da parte dell’emittente britannica che un dipendente aveva manipolato i rapporti su una controversa questione siriana in località centrali.

L’oggetto del falso rapporto della BBC aveva avuto un ruolo più volte in Germania, sia nei media che nel Bundestag.

Una settimana fa, il comitato di controllo interno della BBC ha pubblicato una recensione di un servizio radiofonico della giornalista Chloe Hadjimatheou e ha revocato diverse dichiarazioni in questo rapporto. Hadjimatheou aveva attaccato diversi critici dell’OPCW nel suo contributo The Canister on the Bed, trasmesso su Radio 4 il 20 novembre dello scorso anno.

Le persone interessate si erano lamentate del fatto che l’OPCW aveva immediatamente accusato la dirigenza di Bashar al-Assad di un presunto attacco con gas velenoso nell’aprile 2018 e censurato i risultati che contraddicevano questa tesi. Con il suo rapporto, l’organizzazione ha giustificato gli attacchi aerei di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia.

Dopo il presunto attacco chimico a Douma, sono stati recuperati i corpi di circa 50 civili. Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia hanno bombardato le strutture del governo di Assad e dell’esercito siriano pochi giorni dopo i fatti, mentre l’indagine dell’OPCW era ancora in corso.

In una polemica che va avanti da anni per un presunto attacco di gas velenoso nella città siriana di Douma, la BBC britannica ha ora ammesso di aver fabbricato dichiarazioni diffamatorie sui critici dell’organizzazione per la messa al bando delle armi chimiche e la violazione degli standard giornalistici.

Gli investigatori interni della BBC hanno concluso che Hadjimatheou aveva fatto accuse ingiustificate contro un informatore dell’OPCW e contro il giornalista britannico Peter Hitchens del Daily Mail. Hadjimatheou non ha risposto alle molteplici richieste di Telepolis negli ultimi giorni.
Ex diplomatico delle Nazioni Unite: seguiranno ulteriori ammissioni

L’ex diplomatico tedesco dell’Onu Hans-Christof von Sponeck ha dichiarato a Telepolis di essere convinto che “all’ammissione della BBC ne seguiranno altre”.

Von Sponeck è uno dei cofondatori del “Berlin Group 21”, un’associazione di esperti che si impegna a chiarire il presunto falso rapporto dell’OPCW. Il sito web del gruppo ha affermato che agiva preoccupato per la lunga controversia e le ramificazioni politiche che circondano il rapporto dell’OPCW e le indagini sul presunto attacco con armi chimiche a Douma, in Siria, il 7 aprile 2018:

Da quando l’OPCW ha pubblicato il rapporto finale nel marzo 2019, una serie di sviluppi preoccupanti ha sollevato preoccupazioni serie e materiali sulla conduzione di questa indagine. Uno di questi sviluppi è che gli ispettori dell’OPCW che sono stati coinvolti nell’indagine hanno identificato errori procedurali e scientifici significativi (…) che sono stati presentati al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. È noto che alcuni alti ispettori (…) non sono d’accordo su come l’indagine suffraga le loro conclusioni.

Accusano la leadership dell’OPCW di aver accettato risultati infondati o forse manipolati con le più gravi implicazioni geopolitiche e di sicurezza. Sono state ignorate anche le richieste fatte da alcuni membri del Comitato Esecutivo dell’OPCW per consentire a tutti gli ispettori di essere ascoltati.

Le preoccupazioni degli ispettori sono condivise dal primo direttore generale dell’OPCW, José Bustani. Un numero significativo di persone importanti ha chiesto trasparenza e responsabilità all’OPCW.
Berlino Gruppo 21

Von Sponeck ha detto a Telepolis che “l’evidenza che ora è diventata disponibile al pubblico, secondo la quale l’OPCW, con il sostegno, o meglio, sotto la pressione, dei paesi occidentali, ha giocato un pericoloso gioco di imbrogli, è diventata evidente”. Il suo gruppo è quindi ancora in contatto con le Nazioni Unite e altre organizzazioni internazionali per fare chiarezza.
Diffamazione invece di illuminazione

“Le critiche ufficiali alla serie Mayday della BBC sono un’ulteriore prova che coloro che fanno domande legittime sull’indagine dell’OPCW a Douma sono esposti a una campagna diffamatoria”, ha affermato Piers Robinson, capo dell’Organizzazione per gli studi di propaganda, gruppo di ricerca del Regno Unito.

Nel caso di specie, la BBC ha ipotizzato che uno degli informatori dell’OPCW fosse motivato da un guadagno finanziario, sebbene non vi fossero prove di ciò.

Nel corso di questa “campagna diffamatoria” si è cercato di distogliere l’attenzione “dalla grande quantità di prove che viene mostrata che l’indagine Douma dell’OPCW è stata manomessa.” Ciò è stato confermato da una serie di documenti trapelati, dichiarazioni di ex dipendenti dell’OPCW come l’ex ispettore dell’OPCW Ian Henderson e il primo direttore generale dell’OPCW Jose Bustani in una riunione delle Nazioni Unite Consiglio di Sicurezza.

“Nella più recente dichiarazione del Berlin Group 21, guidato da Hans-Christof von Sponeck, si chiede quindi ancora una volta all’OPCW di occuparsi delle questioni aperte relative all’indagine di Douma”, ha affermato Robinson. La dichiarazione è stata firmata da 28 esperti, tra cui cinque ex funzionari dell’OPCW.

In un’intervista a Telepolis, l’esperto di disarmo britannico ha descritto il programma della BBC Mayday come un “goffo tentativo di propaganda di nascondere tutto questo sotto il tappeto attaccando personalmente coloro che hanno posto domande”. Nella serie anche Jose Bustani, il primo direttore generale dell’OPCW, è stato calunniato.

È tempo che la diffamazione e la disinformazione cessino e che le domande sollevate dagli stessi ispettori dell’OPCW ricevano una risposta adeguata in modo che possiamo scoprire la verità sul presunto attacco con armi chimiche a Douma”, ha affermato Robinson. (Harald Neuber)

Lunga Vita a Bashar Al Assad e agli Alawiti

Leave a Reply