Sinistre ed Immigrazione : Povero Mimmo Lucano Unto da un Bene Superiore e Ora Martire

_χρόνος διαβασματός : [ 2 ] minutes

 

Sono sempre stato contrario all’immigrazione fatta come le Sinistre la fanno da sempre in Italia. Ma è proprio per questo che oggi devo difendere Mimmo Lucano.

ansa.it:

“Quando parlano di associazione a delinquere – dice Domenico Lucano all’indomani della sentenza di condanna – dovevano mettere insieme a me anche il ministero degli Interni e la Prefettura di Reggio Calabria perché allora mi chiamavano ‘San Lucano’ in Prefettura perché gli risolvevo i problemi degli sbarchi. Perché a Riace c’era un’organizzazione dell’accoglienza, c’erano le associazioni, le coop e alla fine lo Stato mi ripaga dicendo che ho fatto l’associazione.
Allora se ho fatto l’associazione anche loro sono partecipi perché mi chiedevano numeri altissimi per un piccolo borgo ai quali dicevo sì per la mia missione. E lo Stato come mi ripaga? Dandomi 13 anni e 2 mesi”.

Quadro d’epoca del PD.

Lucano ha fatto quello che ha fatto, violando la legge, perchè si sentiva coperto ideologicamente e politicamente da un ordine superiore che stava avendo il suo culmine proprio nel tempo in cui costui ha commesso i reati a lui ascritti e contestati, oggi giudicati.

Lucano violava la legge, e la violava per un Bene Superiore, crogiolandosi in una sorta di mandato che le Sinistre , con l’aiuto dei traditori delle Destre, stavano imponendo in Italia proprio durante il suo mandato ed operato: aiutare i fratelli e le sorelle africane.

Anche il Vaticano, grande forza influenzatrice della politica italiana, si era , e si esprime ad oggi, verso un’apertura delle frontiere, un’accoglienza incondizionata a chiunque, da ogni paese e luogo.

Così Lucano forte di questo movimento titanico Marxista e Cattolico (o Giudeo-Cristiano, n.d.R.) pensava che malgrado stesse violando, o forzando, o abusando, la legge lo stava però facendo convinto di agire nel giusto, unto dal Dio Giudeo-Cristiano e dal filosofo pensatore politico omosessuale Karl Marx.

Fandonie?

Per confermare quanto appena espresso mi è bastato leggere un titolo di giornale dove si riporta il commento sulla condanna di questo signore calabrese:

Ebbene, non tutta la Magistratura in Italia chiude gli occhi su violazioni di legge commesse da una parte ideologica piuttosto che da un’altra.

Lucano ha sicuramente violato la legge in maniera reiterata e plurima, così più Giudici hanno stabilito, ma ora le Sinistre non si dicono d’accordo con le toghe, tranne quando ci sono i casi opposti “alla Diciotti”.

Il messaggio che arriva non è un messaggio di sfiducia anzi aumenta il mio senso di fiducia nell’Istituzione della Magistratura dato che questa non deve assolutamente essere di parte, nè avere, professare apertamente, esprimere, politica in qualsivoglia veste e contesto.

La corrente c.d. Democratica, o Progressista, che si è insinuata tra i magistrati dal dopoguerra ad oggi ha avvelenato l’Istituzione, arrivando persino a creare una Mafia a tutti gli effetti, cioè uno Stato nello Stato, e questo non è tollerabile, accettabile, congruo con quello che un guardiano pubblico deve essere.

Leave a Reply