USA, Scandalo Facebook : Pare che Il Congresso Metterà Fine al Caos Senza Regole dei Social Una Volta Per Tutte

_χρόνος διαβασματός : [ 4 ] minutes

 

In questi giorni, e ore, non trovate cosa sta accadendo in America, se non minimizzato, o addirittura censurato, pubblicando addirittura solo ed esclusivamente la difesa di Mark Zuckerberg. Un’ignominia che svela quanto sia malsano il potere della stampa in Italia, quanto sia malsano il potere delle Istituzioni che collaborano come collaborazionisti con la Stampa al fine di far ingannare la gente, e i bambini. Vergognatevi.

Questo bordello deve finire in un modo o in un altro…

DailyMail:

La whistleblower di Facebook Frances Haugen ha detto al Congresso martedì che il gigante dei social media mette “profitti astronomici” in sicurezza, e ha accusato i dirigenti di sapere che i loro prodotti danneggiano i bambini ed anche che il sito è una minaccia per la democrazia e provoca violenza.

Le sue affermazioni sono state devastanti per l’immagine pubblica di Facebook e hanno spinto più senatori ad attaccare il fondatore Mark Zuckerberg, che secondo Haugen conosceva e incoraggiava le pratiche dannose del suo sito.

Haugen ha affermato durante la sua feroce testimonianza che Zuckerberg è solo “responsabile verso se stessa” ed è stato anche direttamente coinvolto nelle decisioni aziendali che hanno visto Facebook trarre profitto da “cambiamenti che avrebbero ridotto significativamente la disinformazione, l’incitamento all’odio e altri contenuti che incitano”.

Il senatore democratico Richard Blumenthal ha dato il via all’udienza definendo Facebook “moralmente in bancarotta” e ha criticato Zuckerberg per essere andato in barca alle Hawaii con la moglie Priscilla Chan invece di rispondere alle domande dei legislatori.

Il senatore Ed Markey ha anche accumulato sul miliardario della tecnologia assente, rivolgendosi a lui per nome durante l’udienza per avvertirlo che “il Congresso agirà” con o senza il suo aiuto.

“Il tuo tempo di invadere la privacy, promuovere contenuti tossici e depredare bambini e adolescenti è finito. Il Congresso agirà. Puoi lavorare con noi o non lavorare con noi, ma non permetteremo più alla tua azienda di danneggiare i nostri figli e le nostre famiglie e di far uscire la democrazia”, ha detto Markey.

Haugen ha detto ai senatori che nessun amministratore delegato di una società simile ha il controllo unilaterale di Zuckerberg.

“Mark ricopre un ruolo davvero unico nel settore tecnologico in quanto detiene oltre il 55% di tutte le azioni con diritto di voto per Facebook. Non ci sono aziende altrettanto potenti controllate così unilateralmente’, ha affermato. “Al momento non c’è nessuno che lo ritenga responsabile tranne se stesso.”

Ha detto che “la responsabilità si ferma con” il proprietario miliardario della tecnologia di Facebook, aggiungendo che “Facebook deve assumersi la responsabilità delle conseguenze delle sue scelte”.

Più tardi nell’udienza Haugen ha affermato che lo stesso Zuckerberg ha persino fatto scelte che mettono l’impegno sulla sicurezza pubblica.

“Abbiamo alcuni documenti di scelta che contengono note da briefing con Mark Zuckerberg in cui ha scelto metriche definite da Facebook come “interazioni sociali significative” rispetto a cambiamenti che avrebbero ridotto significativamente la disinformazione, l’incitamento all’odio e altri contenuti che incitano”, ha detto al senatore Ben Ray.

Chi difende in queste ore Zuckerberg è parte integrante del problema, e dovrebbe venire rimosso sia dalla Stampa che dal potere pubblico.

Poco fa mi sono complimentato -live- con la Haugen. Che Donna. Con la D maiuscola. Si.

Basta registrarsi a facebook e orientare l’account verso attivismo e politico di Destra o di Sinistra che immediatamente l’algoritmo che fa guadagnare miliardi a Zuckerberg e soci vi piazzerà suggerimenti e link verso una immensa galassia di account filo-nazisti, o filo-marxisti.

Anche i minori possono venire inglobati in questo, le loro menti assorbiranno la propaganda malsana sia marxista che fascista e i loro Io diverranno solo proxy di “intrattenimento” immersi in una guerra sopra le loro teste e più grande di quanto possano realmente capire.

Adesso il Senato dopo le rivelazioni della Haugen metterà mano a questo immenso bordello che fa il lavaggio del cervello alle masse costringendole a veri e propri scontri fisici, costringendole a pompare sangue rabbioso nelle loro vene e cercare di fare giustizia a modo loro, cioè nel modo sbagliato.

Il mondo non ha bisogno di nuovi Anders Breivik o Baruch Goldstein.

I minori devono venire protetti, i social devono essere proibiti a chi non è maggiorenne, ed al contempo deve essere lo Stato a mettere mano al controllo di questo settore privato.

Abbiamo così ragione di ritenere che il blackout di Facebook, WhatsApp, ed Instagram di qualche giorno fa non sia stato un errore tecnico. Hanno spostato i dati come, enorme masse titaniche di terabyte, e questi dati, i vostri dati, sono stati messi al sicuro prima che il Senato metta mano ai controlli per vedere quello che l’azienda di quel pezzo di merda dai capelli rossi sta realmente combinando, e ha combinato, con la vita delle persone nel mondo.

Hanno frodato il fisco per miliardi, hanno lavato i cervelli dei giovani per scatenare il caos nella società, hanno rubato la privacy delle persone per rivenderla e fare profitti titanici.

Qualsiasi cosa pubblicate su questi social del cazzo, i c.d. “contenuti”, fanno arricchire Zuckerberg e Company ed impoverire le nostre società, qualsiasi contenuto: dal commento banale, alla foto, al selfie, al video, al link, QUALSIASI FOTTUTO CONTENUTO.

Perchè con i vostri contenuti, i vostri dati, perfino idee postate in quei porcai non aiutano voio stessi o gli altri ma la cosa che sbalordisce è che chi pubblica/posta pensa veramente di far del “bene” a sè stesso e alla società, e di droga con la misera dopamina dei like, e più posta e più like si prendono più si crede in questa fottuta favola del cazzo.

Non c’e’ da soprendersi per milioni di idioti che credono ancora nelle stupide divinità abramitiche, o idoli semiti del cazzo: chiamala Bibbia, Totah, Corano, Dio, Allah o ancora Torah(dato che per gli ebrei la Torah è Dio e viceversa).

Avere fede in una favola del cazzo porta queste cose, e chiunque crede a queste cose del cazzo ne è complice:

Di questo magari i giornali ne parlano un po’ di più d’altronde sono marxisti e finocchi quindi ne parlano di più, perfino il Papa ne ha parlato, incredibile. Centinaia di migliaia di stupri in Francia operati da suore e preti cristiani.

LE SUORE ERANO SOLITE USARE CROCIFISSI PER STUPRARE LE RAGAZZE PER DECADI PROTETTE DALL’INFLUENZA E DAL POTERE DELLA CHIESA CATTOLICA IN FRANCIA. 330000 BAMBINI STUPRATI e tutto coperto da silenzio.

Tutti i cristiani, poichè ignorantoni che credono , o hanno fede, alle favole, SONO COMPLICI DI QUESTI STUPRI allo stesso modo in cui TUTTI QUELLI CHE HANNO ACCOUNT FACEBOOK SONO COMPLICI DELLE VIOLENZE SISTEMATICHE SULLE FAMIGLIE, SUGLI ATTIVISTI POLITICI, complici della violenza criminale edonista e mafiosa che imperversa indomita ed inarrestabile nel seno delle nostre società decadenti e morenti.

 

Se sei interessato da uno dei problemi sollevati in questo articolo, chiama i Samaritani gratuitamente al +44 116123 o visita la loro divisione a : www.samaritans.org

Leave a Reply