Supremazia Digitale : La D-Wave Annuncia Un Passo In Avanti Verso Un Computer Quantico Funzionale e Per Le Masse

_χρόνος διαβασματός : [ 5 ] minutes

 

Raggiungere la supremazia quantistica non è la stessa cosa nell’avere un computer quantico scalabile funzionante, per tradurre: ancora oggi non abbiamo un personal computer, come poteva essere il Commodore 64, che funziona grazie ai quanti, ed in modo stabile.

La D-Wave ha dimostrato appena un compito limitato che un computer quantico potrebbe sovraperformare più di un super computer basato sui binari 0 e 1. Tuttavia domani i vostri figli, se la società non collasserà, potrebbero portarsi sotto il braccio il proprio computer quantico, o un computer proxy direttamente connesso al computer quantico decentralizzato. Chissà.

La supremazione quantistica non significa oggi avere un computer quantico completamente funzionale.
Un computer quantico ha battuto il supercomputer più veloce in un match, o compito assegnato, un pò come negli anni 90 il computer Deep Blue batteva Kasparov. Ma oggi non siamo ancora là, trenta anni dopo, o forse.

Forse nel 2023 arriverà l’attesa Singolarità, e assisteremo ad un aumento dello scaling di questa tecnologia, il che potrebbe essere un sogno, ma anche un incubo.

Leggi anche :

Distopia e Prove di Singolarità : Dati, Quanti, I.A., Universi Paralleli, Buchi Neri, Synth

Se i computer quantici diventeranno generali nella nostra realtà di sicuro avremo cose più grandi di cui preoccuparci poichè quale sarà il loro utilizzo primario una volta che la Singolarità verrà fuori? Io dico che verranno usati per prevedere ogni potenziale futuro, di ogni cosa e/o luogo. Mercato azionario, scenari bellici, scenari politici, scenari scientifici da laboratorio, formule chimiche, composti chimici,  scenari di logistica, etc. Vedremo sorgere immensi Asset, Corporazioni Globali che come Sindacati prenderanno il posto degli attuali Governi, le soluzioni ai problemi diventeranno più numerose dei problemi stessi, nella vita di ogni individuo ed essere vivente del pianeta.

Fortune:

D-Wave Systems ha la distinzione di essere la prima azienda a portare al mercato un computer quantistico funzionante, un successore dei supercomputer di oggi. Ma c’è sempre stato un asterisco allegato.

La macchina della D-Wave, che ha debuttato nel 2011, è stato un tipo speciale di computer quantistico chiamato “Quantum Renaler”. La macchina potrebbe solo risolvere alcune classi di problemi matematici. Questi problemi-ottimizzazione e campionamento, come sono conosciuti – è successo ad avere molte applicazioni nel mondo degli affari. Ma l’Annealer di D-Wave non ha potuto simulare le complesse interazioni di fisica e chimica a livello atomico che molti scienziati vedono come uno dei principali vantaggi i computer quantici avrebbero su quelli convenzionali. Né è possibile essere facilmente utilizzata per far parte di grandi numeri primi, potenzialmente crackando la maggior parte degli algoritmi di crittografia più usati di oggi: una delle grandi timori sull’avvento del calcolo quantico a pieno titolo.

Negli ultimi anni, come un numero crescente di aziende ha portato a commercializzare i primitivi computer quantistici universali, alcuni dei quali hanno iniziato a fare cose che nessun computer convenzionale può fare, D-Wave, che ha sede a Burnaby, British Columbia, vicino a Vancouver, usa annealing di quantistica. La società ha aggiornato la potenza del del suo annealing quantistico più volte e sta attualmente vendendo ciò che è, da almeno una metrica, il più potente computer basato su quantistico esistente: la macchina ha 5.000 unità di elaborazione logica quantistica o qubit, che sono il Quantum Computing equivalente dei bit di calcolo tradizionale.

Ma c’è sempre stato quell’asterisco, fino ad ora. Oggi D-Wave ha annunciato la sua intenzione di costruire un computer quantistico universale e offrire ai clienti la possibilità di eseguire calcoli su di esso attraverso il cloud accanto alla sua ultima generazione quantisum annealer. Questo computer quantico universale è ciò che gli scienziati chiamano una macchina “gate modello” perché i qubits agiscono come cancelli che controllano il flusso di corrente elettrica in un circuito elettrico tradizionale e eseguendo operazioni logiche che fanno parte di un programma per computer.

“Siamo assolutamente impegnati a sviluppare e consegnare miglioramenti al sistema di annealing”, ha detto a Fortune Alan Baratz, Amministratore Delegato di D-Wave. “Ma ci sono domande importanti che l’annealing non può affrontare in equazioni differenziali non lineari, in chimica quantistica e simulazioni di fisica. Quindi, se potessimo portare anche un sistema modello gate, saremo l’unica azienda al mondo con un impianto di annealing e un sistema di gate, e potremmo affrontare l’intero mercato totale indirizzabile per il calcolo quantistico. ”

La società ha detto che utilizzerà materiali superconduttori per costruire i qubit per il suo computer quantico universale. Questo è lo stesso approccio alla base di IBM, Google, il computing Startup Rigetti e diverse altre iniziative di informatica Quantum Computing. Eppure più aziende, tra cui l’elettronica gigante Honeywell e IONQ, stanno esplorando qubit in base agli ioni tenuti in posizione dei laser. Altri ancora stanno esplorando qubits creati da fotoni o utilizzando semiconduttori. Tutti stanno prendendo di mira un enorme mercato potenziale per i computer quantistici che potrebbero rivoluzionare molti processi aziendali e consentire la creazione di nuovi tipi di prodotti chimici e materiali.

Sebbene D-Wave sia stata la prima azienda a costruire un computer quantico funzionante, ha lottato per ottenere una trazione commerciale. Alcuni ricercatori, in particolare Scienziato informatico Scott Aaronson presso l’Università del Texas di Austin, ha criticato la compagnia per il sovra-hypeing quali sono le sue macchine. (Per molto tempo, Aaronson ha espresso dubbi sul dubbio se l’annealer di D-Wave sfruttava veramente effetti quantistici nel realizzare i suoi calcoli.)

Negli ultimi anni, la società ha anche avuto difficoltà e entusiasmanti investitori: a Marzo, ha garantito una sovvenzione da $ 40 milioni dal governo canadese. Ma è arrivato dopo il giornale Globe & Mail ha riferito che un round di finanziamento nel 2020 aveva valutato la società a soli $ 170 milioni, meno della metà dei suoi precedenti $ 450 milioni di valutazione. La decisione della società di aggiungere i computer quantici del modello gate alla sua formazione può essere un riconoscimento che lo slancio commerciale sembra essere molto maggiore per quelle macchine che per gli anticelors in cui è specializzata la D-Wave.

D-Wave utilizza già i superconduttori per i qubit nel suo annealer. Baratz ha detto che la società ha esperienza nella costruzione di grandi array su questi qubit su un singolo processore, impilandoli in strati, che le altre aziende che lavorano su sistemi quantici del modello di gate superconduttori non hanno. La società ha detto che avrebbe lo scopo di disporre di una macchina del modello di gate 60 Qubit disponibile entro il 2023 o il 2024.

D-Wave ha detto che seguirà questo con un computer del modello di gate di 1.000 Qubit che offrirà almeno quattro qubit che sono “error-corrected”. Gli errori di calcolo sono un problema con tutti gli attuali computer quantistici, cosa che ha limitato il loro valore pratico per molti tipi di applicazioni commerciali e di ricerca. Il problema si verifica perché gli scienziati hanno capito solo come mantenere i qubits in uno stato quantico per periodi di tempo relativamente brevi, di solito solo frazioni di secondo, e poiché questi qubits cadono da uno stato quantico, non producono più calcoli accurati.

Il sistema di D-Wave è stato utilizzato da un certo numero di grandi aziende, tra cui Volkswagen, Components Components Automotive Denso, Lockheed Martin e NEC del Giappone. È stato anche usato dal laboratorio nazionale di Los Alamos del governo U.S.. Diverse altre aziende saranno presto in grado di annunciare di mettere in produzione il sistema di D-Wave, ha detto Baratz.

Anche la TIM , la società italiana di telecomunicazioni, usa D-Wave, per l’ottimizzazione delle reti mobili.

Distopia e Prove di Singolarità : Dati, Quanti, I.A., Universi Paralleli, Buchi Neri, Synth

Leave a Reply