Storia, Eterno Ritorno : Indipendenza ed Identità di Stati Nazione Moderni ed EtnoStati Ellenici

_χρόνος διαβασματός : [ 7 ] minutes

 

Αύξηση

C’era innegabilmente un forte sentimento di identità nazionale e culturale condivisa tra i Greci. Tuttavia, se si guarda al passato della Storia greca antica, si rimane colpiti dalla disconnessione tra la pervasiva retorica che esprime il sentimento pan-ellenico, la realtà politica della divisione delle Città-Stato e delle loro brutali guerre in nome dell’indipendenza assoluta per preservare la propria Identità, il più inestimabile dei tesori umani per ogni tribù.

La richiesta della Polis di lealtà totale da parte dei suoi cittadini ha fatto sì che ci fossero pochi scrupoli riguardo all’annientamento di altri greci, se questo fosse nell’interesse immediato della città. Inoltre, è spesso difficile determinare il grado in cui il sentimento patriottico ha effettivamente sostenuto la resistenza e la resilienza degli Stati greci, al contrario di essere semplicemente razionalizzazioni eloquenti per interessi strettamente politici, come Atene e il desiderio di Sparta di non essere dominati da alcuna potenza straniera, interna o esterna. Infatti, Erodoto dice che una città, Phocia, si schierò opportunisticamente con gli alleati solo perché il suo nemico tradizionale, Tessalia, si era schierato dalla parte dei persiani. La collaborazione di singoli politici e governi di città con i persiani a quel tempo era comune, la corruzione ha rappresentato sempre il vero tallone d’Achille per le Democrazie, specialmente quelle tra non pari.
In effetti la città di Delfi diventò Medized. In breve, come spesso nella nostra storia accade, gli interessi etnici e di civiltà più ampi sono stati ignorati di fronte a egoistici interessi politici.

Falange degli Opliti

Nelle guerre persiane, gli alleati greci raggiunsero certamente sufficienti unità per respingere definitivamente gli invasori, ma si rimane colpiti nello scoprire quanto tenue fosse quell’unità e quanto eccezionale fosse anche quel grado di unità nel corso della storia greca. Gli alleati, che si definivano semplicemente “i greci”, alla fine costituivano solo circa una decina di città greche continentali, il resto rimaneva neutrale o al massimo collaborativo.

Benché molto meno discussi della Polis , i Greci avevano una tradizione venerabile dei temi del federalismo, vale a dire nella formazione di leghe di Città-Stato. Tali leghe, tipicamente combinando templi congiunti, un consiglio comune, un arbitrato, un’alleanza militare e una coniazione, con gradi maggiori o minori di autorità centrale, erano una caratteristica comune nella storia politica di quella regione. L’identità etno-regionale condivisa era una base comune per la formazione delle leghe, come in Arcadia, Beozia, in Creta e a Ionia. Atene e Sparta avrebbero, ciascuno nella propria Storia, condotto le proprie alleanze militari come Città-Stato egemoniche, e primarie come collante per le altre minori.

La lega di queste città greche proiettò le caratteristiche di base della religione familiare oltre ad una sorta di Commonwealth : sangue e divinità condivisi suggellarono l’alleanza delle città, incluso un sacro santuario condiviso, proprio come la famiglia e la Polis questi erano spazi sacri e sicuri.

Tuttavia, la lega non era tipicamente un vero stato federale o una federazione sovrana, ma una coalizione di città, ognuna con il proprio esercito e ognuna gelosa della propria sovranità civica. Il campionato confederale non ha quindi mai avuto la solidità della Polis . Le varie leghe tendevano a fluttuare nella loro efficacia in quanto la necessità di unità (tipicamente per acquisire scala militare) era in costante tensione con la tendenza centrifuga del desiderio di autonomia di ogni città. In pratica, una lega di citta’ tendeva a fare bene solo avendo una città egemonica che potesse imporre una leadership decisiva, se guidata da due città allora queste città leader dovevano avere un accordo di base. La ribellione e la sottomissione delle città erano comuni. Le leghe greche non riuscirono a scalare oltre la propria regione e non sorprende che alla fine caddero nelle mani di poteri molto più ampi della Macedonia, risucchiate dall’Impero Romano ad ovest e sconquassate dai barbari da est. Le antiche leghe greche nella loro fragilità non sono molto diverse dalle successive e confuse confederazioni di Stati che persistono qui e là nella Storia fino ad oggi.

Ma perche’ la Grecia non fu mai unita in un vero e solido Stato Nazione ?

Platone e Isocrate hanno fatto proposte concrete per l’unità della Grecia a scapito dei barbari, ma non ebbero fortuna a causa della pura e semplice impraticabilità del federalismo in un’epoca precedente ad una espansione dell’Instrumentum Regni Romano. Nel mondo pre-moderno, come osservò più tardi Montesquieu, la scala era possibile solo per le Monarchie, non per le Repubbliche.

Le minacce esterne erano forse il motore più importante dell’unità greca. Prima della conquista persiana, le dodici città ioniche della Grecia asiatica erano riunite in una Lega tuttavia, poi sciolta per i classici motivi di appartenenza identitaria, usi, costumi, religione.

Questi figli di Ionia si riunirono per adorare Poseidone, gareggiare negli sport e tenere un consiglio in un santuario comune noto come Panionion. Durante la breve indipendenza degli Ioni tra lealtà Lidia e Persiana, il filosofo Talete di Mileto, famoso per le sue imprese di matematica, astronomia e ingegneria, propose che le dodici città affini si unissero in una vera federazione politica e “istituissero un unico consiglio governativo” , in Teos (perché Teos è situata in posizione centrale nella Ionia), e che tutte le altre città dovrebbero essere considerate efficacemente come demi [cioè, distretti].

“(1.170) Ionia tuttavia mancava di una città con la preponderanza per essere una naturale leader, come Atene e Sparta erano nella Grecia continentale, troppo irritabile per resistere ai persiani. Un’altra proposta, non portata a termine, fu che invece di accettare il dominio persiano “gli Ioni avrebbero dovuto mettere in comune le loro risorse, salpare per la Sardegna, e poi fondare un’unica città per tutti gli Ioniani”, con l’obiettivo di stabilire uno stato mercantile potente e indipendente.

È interessante notare che Erodoto ha scritto che spesso i persiani si lamentavano della disunione e della contrapposizione dei greci. Un governatore persiano “mandò i rappresentanti degli stati soggiogati e costrinse gli Ioni a sottoporre le loro dispute all’arbitrato invece di razziarsi e saccheggiarsi a vicenda”. (6.42) Mardonio, uno dei principali generali persiani durante la seconda invasione, fu stupito alla propensione greca alle lotte intestine e disse: “Ciò che [i greci] dovrebbero fare, dal momento che parlano tutti la stessa lingua, è fare uso di araldi e messaggeri per risolvere le loro differenze, dal momento che qualsiasi cosa sarebbe preferibile alla lotta.” (7.9)

Erodoto così lamenta la disunione greca. Nel contesto delle divisioni tra città nell’alleanza greca, usa l’espressione stasi – un termine solitamente utilizzato per conflitti civili o guerra all’interno delle città – e più specificamente la stasi dell’emphylo o “conflitto inter-tribale”. Dice celebre: “dissenso interno” è peggio di uno sforzo di guerra unito nella stessa misura in cui la guerra è peggiore della pace. “(8.3) L’espressione di Erodoto suggerisce che l’unità etnica greca avrebbe dovuto essere lo stato naturale delle cose, e il risultato sarà disgregazione e cenere. Una fiamma che brucia da due lati, una grande, titanica luce di breve vita. Trasformare la caducità in un’estrema bellezza e poesia di guerra cantata negli echi millenari della Storia e della Memoria.

Nella pratica, l’unità greca durante le guerre persiane era davvero tenue. Durante la prima invasione persiana nel 492-90 a.C., in cui i Persiani si assicurarono la Tracia, la Macedonia, le isole minori, e Atene vinse da sola nella battaglia di Maratona contro Serse. (6.109)
Durante la seconda invasione del 480-79 a.C., Serse compì imprese titaniche, come scavare un canale nell’istmo del Monte Athos e inviare circa 200.000 soldati e 600 navi da guerra. I resistenti Stati greci formarono un’alleanza, chiamandosi “Greci”. Questi tenevano un congresso dei 70 membri partecipanti a Corinto, ma non avevano un apparato governativo in quanto tale. Questi Stati rappresentavano solo circa un decimo delle 700 città greche nel continente. Questi patrioti presero la massima autorità sulla nazione nel suo complesso. Gli alleati fecero un giuramento che prometteva di punire coloro che avessero tradito la loro nazione.
Gli Spartani in seguito proposero di spopolare gli stati collaborazionisti e di reinsediarli con gli Ioni dell’Asia Minore, gli Ateniesi tuttavia contestarono sia l’interferenza spartana negli affari ionici che l’evacuazione delle città asiatiche. Dissero no alla pulizia etnica, nella pratica.

Agli Spartani fu dato il comando supremo sulla terra e agli Ateniesi quello in mare.
Tuttavia, la “Lega greca” era un’alleanza ribelle, e in nessun modo un vero Stato. Tutti erano dipendenti per la la propria sopravvivenza, in ultima analisi, dalla buona volontà e dalle relazioni tra queste due città principali ed eterne rivali: Atene e Sparta.

Atene era in Attica, più vicina al dominio persiano, e quindi fu bruciata inesorabilmente.

Sparta si trovava nella penisola del Peloponneso e aveva interesse a ritardare i combattimenti fino a quando i persiani si diressero verso sud e si pensò addirittura di abbandonare Atene per fortificare semplicemente l’istmo del Peloponneso.

Sia Atene che Sparta dovettero mostrare benevolenza l’una verso l’altra: gli Ateniesi non andarono a patti con i persiani, nonostante le incursioni nella loro città, e gli Spartani andarono in battaglia alle Termopili prima che fossero invasi nella Laconia, la loro regione, che se fosse crollata avrebbe trascinato l’intero Peloponneso nelle mani dei persiani.

La capacità degli interessi politici di scavalcare quelli etnici è chiaramente visibile nel caso di Siracusa. Gli alleati greci avevano inviato messaggeri attraverso il mondo greco – in Sicilia, Corsica e Creta – per chiedere loro di allearsi contro i persiani. L’idea era di cercare un modo per unire l’intero mondo greco a far sì che tutti pensassero e agissero in concerto, sulla base del fatto che tutti i greci erano ugualmente minacciati dal pericolo imminente.

Quello stesso anno, una flotta in gran parte ateniese sconfisse i persiani in mare a Salamina.Oltre alla sbarramento di Re Leonida alle Termopili.

Finalmente, nel 479 a.C., gli Ateniesi e gli Spartani sconfissero i Persiani insieme in un combattimento sulla terraferma a Platea.

Con il loro trionfo nelle guerre persiane, i greci conservarono la loro sovranità e la loro identità, ponendo le basi per l’età d’oro del potere e della filosofia ateniese e dell’arte guerriera spartana.
I greci hanno trionfato a causa della combinazione vincente della loro cultura di libertà civica e di solidarietà nella riuscita alleanza tra Atene e Sparta.

Le storie di Erodoto sono una commovente commemorazione della fragilità e del valore dell’unità greca. Sia nella ritirata degli Ateniesi in massa dalla loro città piuttosto che arrendersi facendosi sterminare o nella lotta dei coraggiosi Spartani alle Termopili, c’e’ un esempio di unità e sacrificio nel portare le armi in battaglia contro la sottomissione.

La riduzione dell’identità occidentale ai “valori” della “democrazia” tra non eguali è assurda, se si considera solo la nostra lunga storia nelle ere delle tribù di cacciatori-raccoglitori, “barbari”, dell’Impero Romano, del Medioevo feudale, o l’assolutismo dell’Illuminismo, per non parlare degli esperimenti moderni nel governo autoritario. Per i neo-conservatori la “Civilizzazione Occidentale” non è sinonimo di “imperialismo democratico” e “diritti umani”, per non parlare della loro ricerca di imporre un’unica ideologia in tutto il mondo.

Certamente, la ricerca della libertà è centrale per la civiltà occidentale ma il mantenimento della propria Identità rimane immutabile .

La concezione greca della libertà era fondamentalmente “illiberale”, etno-centrica e virile. Per Erodoto, Sparta come aristocrazia militare era “libera” come Atene democratica, perché gli spartani aderivano ad un governo olistico. Da parte sua, Atene era dinamica, potente e segnata da una vita culturale e intellettuale eccezionalmente fertile, ma i suoi eccessi democratici erano spesso causa di malcontenti.
La nozione greca di libertà era fondamentalmente etno-politica: la vita civile significava difendere i semplici “valori” in quanto tali, non imporli agli estranei, la vita comune era partecipare a ed essere parte di una comunità organica definita dal sangue e dagli Dei venerati in comune.