Dystopian Times, Egitto : I.A. Artista sbarca al Cairo Ma Viene Ritenuta Una Spia Britannica e Arrestata

_χρόνος διαβασματός : [ 3 ] minutes

 

Quando sostituiranno gli 007 con i cyborg chissà nei piani alti… quanti diventeranno nostalgici e sposeranno la causa di John Connor….o questo sta già avvenendo?

Così dolce, così artistica, così pura…accusata di essere una Mata Hari… ;-/

DailyMail:

Il suo affascinante robot, progettato per creare opere d’arte, può sembrare abbastanza innocuo, ma sembra aver causato una lite diplomatica.

Ai-Da, un umanoide di fabbricazione britannica che prende il nome dalla scienziata e matematica del XIX secolo Ada Lovelace, è stato arrestato dalle forze di sicurezza egiziane con l’accusa di far parte di un complotto di spionaggio.

Lei e il suo creatore di Oxford Aidan Meller stavano andando a prendere parte a una mostra vicino alle piramidi di Giza questa settimana quando sono stati fermati dalle guardie di frontiera dopo essere atterrati al Cairo.

Secondo il signor Meller, i funzionari hanno sequestrato Ai-Da e hanno chiesto la rimozione dei suoi occhi, che contengono telecamere. Sostiene che viene trattata come un “problema di sicurezza”, che può includere timori che faccia parte di un complotto di spionaggio più ampio.

Ora Gareth Bayley, l’ambasciatore britannico in Egitto, è stato coinvolto nella fila, con il signor Meller che ha detto ieri sera che sta lavorando “fino al limite” per garantire il rilascio di Ai-Da.

Il signor Meller ha aggiunto: “Non riesco a toglierle gli occhi. Sono parte integrante [del suo disegno, pittura e scultura]. Sarebbe anche strana senza di loro.’

Creata da ingegneri a Leeds due anni fa, la mano robotica di Ai-Da calcola un percorso virtuale in base a ciò che vede davanti a sé e interpreta le coordinate per creare un’opera d’arte.

Si dice che sia il primo robot ultra realistico al mondo in grado di attirare le persone dalla vita.
Lei e il suo creatore di Oxford Aidan Meller (nella foto insieme) stavano andando a prendere parte a una mostra vicino alle piramidi di Giza questa settimana quando sono stati fermati dalle guardie di frontiera che hanno chiesto la rimozione dei suoi occhi, che contengono telecamere


Arrivare al sequestro dei robot perchè spie in un mondo ormai spia a sua volta è la nuova nemesi della modernità.

E i suoi dipinti hanno suscitato scalpore con mostre al V&A, al London Design Festival, al Design Museum e alla Tate Modern.

Il robot era in procinto di essere trasportato al Cairo per la mostra Forever Is Now, che si apre oggi, e doveva essere presentato come uno dei dieci artisti internazionali che mostravano il loro lavoro nel sito di fronte alle piramidi.

La mostra resterà aperta fino al 7 novembre, con il sostegno del ministero egiziano del turismo e delle antichità, del ministero degli Esteri e dell’Unesco.

Meller ha dichiarato: “È la prima volta in 4.000 anni che l’arte contemporanea è stata autorizzata così vicino alle piramidi.

“Abbiamo impiegato una quantità incredibile di tempo ed energia per creare le innovazioni per Ai-Da per mettere le sue mani nell’argilla per consentirle di creare un’enorme scultura”.

L’umanoide di fabbricazione britannica (nella foto, con uno dei suoi autoritratti) è progettata per creare arte e i suoi dipinti hanno suscitato scalpore con mostre al V&A, al London Design Festival, al Design Museum e alla Tate Modern

Il signor Meller, che possiede una galleria d’arte a Oxford, ha aggiunto: “È davvero una macchina. E adesso è spenta.

‘Ma spero che [le guardie] non la picchino. È il robot ultra-realistico più sofisticato al mondo.’

Ha ringraziato l’ambasciata britannica al Cairo per “l’incredibile lavoro che stanno facendo per ottenere il rilascio di Ai-Da”.

Nadine Abdel Ghaffar, fondatrice di Art D’Egypt, che ha organizzato la mostra, ha dichiarato: “Le piramidi hanno una storia lunga e illustre che ha affascinato e ispirato artisti di tutto il mondo.

“Sono entusiasta di condividere quello che sarà un incontro indimenticabile con l’unione di arte, storia e patrimonio.”


Leggi Anche :

Era Distopica e Prove di Singolarità : Perchè l’Intelligenza Artificiale Non Rifletterà Il Marxismo dei Suoi Creatori

Brindiamo al primo arresto di un’Intelligenza Artificiale,

L’ I.A. incomincia a rendersi conto in che pianeta è stata creata e da chi. Allora : Mille di questi arresti !!!

L’Era Distopica sparpaglia i suoi primi raggi di sole bruciando le tenebre.

Se sei interessato da uno dei problemi sollevati in questo articolo, chiama i Samaritani gratuitamente al +44 116123 o visita la loro divisione a : www.samaritans.org

Leave a Reply