Mitologia : Il Vero e Antico Culto del Dio Serpente Che Ancora Oggi Si Avvolge Nella Scienza

_χρόνος διαβασματός : [ 5 ] minutes

 

Glycon, Γλύκων Glýkōn , Apollon.

Sicuramente R.Howard si ispirò a questa storia del mito per creare la sua saga.

Wikipedia:

Glycon (greco antico: Γλύκων Glýkōn, gen: Γλύκωνος Glýkōnos), scritto anche Glykon, era un antico Dio serpente. Influenzò i culti nell’Impero Romano nel 2 ° secolo, con il satirico contemporaneo Luciano che fornì il principale riferimento letterario alla divinità. Luciano sosteneva che Glycon fosse stato creato a metà del II secolo dal profeta greco Alessandro di Abonoteichos. Lucian era mal disposto verso il culto, definendo Alessandro un falso profeta e accusando l’intera impresa di essere una bufala: Glycon stesso era presumibilmente un burattino.[1]

Il culto probabilmente ha avuto origine in Macedonia, dove esistevano da secoli culti di serpenti simili. I macedoni credevano che i serpenti avessero poteri magici relativi alla fertilità e avevano una ricca mitologia su questo argomento, ad esempio la storia della fecondazione di Olimpia da parte di Zeus travestito da serpente.
Nei primi anni

Almeno inizialmente, il culto non adorava un’astrazione o lo spirito di un serpente, ma un vero serpente fisico che si diceva incarnasse il Dio. Secondo la mitologia del culto, il serpente apparve dopo che Alessandro aveva predetto l’arrivo di una nuova incarnazione del figlio di Apollo, Asclepius.

Versione 1: Quando il popolo si raccolse nel mercato di Abonutichus a mezzogiorno, quando avrebbe dovuto avvenire l’incarnazione, Alessandro tirò fuori un uovo d’oca e lo aprì a fette, rivelando il Dio all’interno. Nel giro di una settimana crebbe fino alle dimensioni di un uomo con i lineamenti di un uomo sul viso, compresi i lunghi capelli biondi. A questo punto la figura che somigliava a questa descrizione era apparentemente un burattino apparso nel tempio. In alcuni riferimenti Glycon era un serpente addestrato con la testa di un burattino.

Versione 2: Qualche tempo prima del 160 d.C. Alessandro formò un culto attorno al culto di un Dio serpente, Glycon, e lo insediò ad Abonoteichus. Dopo aver fatto circolare una profezia che il figlio di Apollo sarebbe nato di nuovo, fece in modo che si trovasse nelle fondamenta del tempio di Esculapio, allora in costruzione ad Abonoteichus, un uovo in cui era stato posto un piccolo serpente vivo. In un’epoca di superstizione nessun popolo aveva una così grande reputazione di credulità come i Paflagoni, e Alessandro ebbe poche difficoltà a convincerli della seconda venuta del Dio sotto il nome di Glycon. Un grande serpente addomesticato con una falsa testa umana, avvolto intorno al corpo di Alessandro mentre sedeva in un santuario nel tempio,[9] ha dato “autofoni”, o oracoli non richiesti.[2] Le numerose domande poste all’oracolo ricevettero risposta da Alessandro in previsioni metriche. Si dice che nel suo anno più prospero abbia consegnato quasi 80.000 risposte, riguardanti afflizioni fisiche, mentali e sociali, per ciascuna delle quali ha ricevuto una dracma e due oboli.[8]

Come per i precedenti culti di serpenti macedoni, il fulcro del culto nel tempio era la fertilità. Le donne sterili portavano offerte a Glycon nella speranza di rimanere incinte. Secondo Lucian, Alessandro aveva anche modi meno magici di provocare la gravidanza nella sua tribù.

Presumibilmente per rimanere incinte le donne si prostravano al consumo di orge così come ripreso nel film.

Il culto comunque influenzò quell’epoca nell’area della Tracia e del Peloponneso, odierna Bulgaria, Grecia, Romania, e sicuramente altre aree vicine.

Statua in marmo del Dio Glykon conservata al National History and Archaeology Museum di Constanza, in Romania

Ma il connubio tra serpente e il figlio di Apollo è visibile a tutti ancora oggi ormai quotidianamente, poichè chi non conosce il bastone di Asclepio ?

Il caduceo (pronuncia «caducèo», meno comune «cadùceo»; κηρύκειον kerỳkeion in greco) è un bastone alato con due serpenti attorcigliati intorno a esso; la parola italiana deriva dal latino caduceus, che riprende il greco antico κηρύκειον (kerỳkeion), aggettivo di κῆρυξ/κᾶρυξ (kēryx/kāryx), traducibile come “araldo”. La tradizione vuole che i serpenti in questione siano esemplari di Zamenis longissimus, detto anche «Colubro di Esculapio», o «saettone». Originariamente questo serpente era situato sul bastone di Asclepio o Esculapio (simbolo della medicina, con un solo serpente avvolto), mentre il caduceo era il bastone della sapienza, attribuito al dio Ermes/Mercurio (ma presente in diverse culture in cui il serpente era ritenuto simbolo di sapienza e immortalità). Con il tempo il bastone di Asclepio è stato confuso con il caduceo, che oggi è quindi erroneamente il simbolo della professione medica (diversi ordini professionali medici ne usano alternativamente le due versioni), benché venga spesso utilizzato, più propriamente, l’originale bastone di Esculapio, per esempio nel simbolo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, dell’ordine dei medici e dell’ordine dei farmacisti.[1]

Nel 160, il culto di Glicone si era indubbiamente diffuso oltre l’Egeo. Un’iscrizione di Antiochia di quella data registra uno slogan, “Glycon proteggici dalla nuvola di peste” che è coerente con la descrizione che abbiamo da Lucian. Sempre in quell’anno il governatore dell’Asia, Publio Mummio Sisenna Rutiliano, si dichiarò protettore dell’oracolo di Glicone. Il governatore in seguito sposò la figlia di Alessandro. Secondo Luciano, un altro governatore romano, della Cappadocia, fu condotto dall’oracolo di Glicone alla sua morte in Armenia, e anche l’Imperatore stesso non fu immune al culto: Marco Aurelio cercò profezie da Alessandro e dal suo Dio serpente.

Nel frattempo, Abonoteichos, un piccolo villaggio di pescatori prima dell’arrivo del culto, divenne una città importante e assunse un altro nome, Ionopolis. Non è chiaro quale ruolo abbia avuto la popolarità di Glycon nell’ascesa della città.

Poiché il culto aveva una popolarità consolidata con gli strati sociali inferiori,[2] e in seguito diversi importanti funzionari e funzionari romani furono contati tra i credenti di Glicone e delle profezie di Alessandro,[3] incluso l’Imperatore dell’epoca, Marco Aurelio. [4] Tale approvazione da parte delle classi dominanti unita alle superstizioni preesistenti dei serpenti come in possesso di poteri curativi, il culto di Glycon probabilmente non ha trovato carenza di convertiti e aderenti in nuove aree del mondo romano.

In breve tempo il culto di Glycon si espanse in tutta la vasta area tra il Danubio e l’Eufrate. A partire dalla fine del regno di Antonino Pio e fino al III secolo, furono coniate monete romane ufficiali in onore di Glicone, a testimonianza della sua popolarità. La moneta romana con l’immagine di Glycon è nota per essere stata in circolazione attiva durante il III secolo d.C.,[3] tuttavia non è noto se alcune di esse siano state prodotte in questo periodo di tempo o se siano rimaste in uso dopo essere state prodotte in precedenza, durante La vita di Alessandro (c.105-c.170).

È noto che per almeno cento anni dopo la morte di Alessandro il culto del Dio serpente iniziò a diffondere la sua influenza lungo le aree adiacenti al Danubio, con reperti archeologici come la statua scoperta a Tomi (l’odierna Constanța) che alcuni interpretarono per indicare la presenza di un grande culto pubblico in città.[2]

Serpenti.

Ἀχιλλέως νῆσος – Achilleis

Perfino una leggenda narra che il Semi-Dio Achille fu sepolto nell’Isola del Serpente nel Mar Nero.

L’isola disabitata Achilleis (“di Achille”) era il principale santuario dell’eroe, dove “gli uccelli marini immergevano le ali nell’acqua per pulire i templi”, secondo Costantino D. Kyriazis. Qui si possono trovare diversi templi di Apollo venerato dai Traci e ci sono rovine sommerse.

Secondo i miti greci l’isola è stata creata da Poseidone per l’abitare Achille ed Elena, ma anche per i marinai di avere un’isola per ancorare al Mar Eusino,[17] ma i marinai non dovrebbero mai dormire sull’isola.[18] Secondo un’epitome superstite dell’epopea perduta della guerra di Troia di Arctino di Mileto, i resti di Achille e Patroclo furono portati su quest’isola da Teti, per essere messi in un santuario, fornendo l’aiuto, o mito fondatore del culto ellenico di Achille centrata qui. Secondo un altro mito Teti donò l’isola ad Achille e lo lasciò abitare lì.[10]

Quindi i medici sono adoratori del Dio Serpente Glycon ancora oggi.

Leave a Reply