Celebrazioni Rittenhouse : La Direzione dell’Arizona University Ignora le Proteste Marxiste Contro l’Iscrizione di Kyle

_χρόνος διαβασματός : [ 2 ] minutes

 

Vorrebbero impedire a Kyle di andare a scuola, impedire ad un innocente di studiare…l’Umanità è gentaglia, o la gentaglia non è l’Umanità?

L’Università dell’Arizona ha ignorato le proteste, rifiutando di vietare a Rittenhouse di iscriversi.

Campus:

Appena un giorno dopo le accese proteste studentesche all’Arizona State University durante le quali gli studenti hanno chiesto al bar della scuola Kyle Rittenhouse di frequentare in futuro, la scuola si è rifiutata di farlo.

In un’e-mail di giovedì a Campus Reform, un portavoce dell’ASU ha dichiarato che la domanda di Rittenhouse sarebbe stata trattata “come qualsiasi altra” se dovesse presentare domanda in futuro.

“Essendo un’università che si misura da chi include e in che modo ha successo, se in futuro dovesse scegliere di chiedere l’ammissione, la sua domanda verrà elaborata come qualsiasi altra”, ha detto la scuola a Campus Reform.

Rittenhouse ha annullato l’iscrizione all’Università tra i rapporti originali della sua iscrizione lunedì, una mossa che secondo la scuola è stata fatta dallo stesso Rittenhouse.

“Kyle Rittenhouse non ha superato il processo di ammissione all’ASU, ma è stato iscritto a due corsi pubblicamente disponibili per questo semestre. I registri dell’università mostrano che ora non è più iscritto, uno status precipitato dalle sue stesse azioni”, ha chiarito la scuola.

Nonostante la rivelazione che Rittenhouse non era più iscritto, gli studenti hanno scelto di tenere comunque una protesta precedentemente programmata, spostando le loro richieste dall’insistere sul fatto che Kyle fosse cancellato all’appello all’università per bloccare qualsiasi futura iscrizione da Rittenhouse.

Non mi aspetto che questi studenti che animano le proteste contro l’iscrizione di Kyle che sappiano come lavarsi igienicamente parlando, ma che soprattutto sappiano leggere, o non avrebbero appoggiato Biden alle elezioni

Abbiamo vinto ma non significa nulla. La società deve andare distrutta il prima possibile, o falliremo, e sarà la più grande delle sconfitte, e la più grandi delle umiliazioni al cospetto di Dio.

Leave a Reply