Archeologia : Scoperto Un Ciondolo Vecchio 41500 Anni In Polonia, Ma Contestiamo Che Sia Il Più Antico Mai Ritrovato

_χρόνος διαβασματός : [ 4 ] minutes

 

Con la scoperta coperta da questo articolo apparso qualche giorno fa su Nature vorrebbero riscrivere la storia. Lol

La scoperta di un oggetto appartenuto ad individui vecchi 42000 anni è un nulla. Questi incompetenti lo etichettano come “IL PIU’ ANTICO GIOIELLO MAI CATALOGATO APPARTENENTE AGLI ESSERI UMANI MODERNI IN EURASIA.”

Lol.

guardianmag.press:

Gli esseri umani creano e indossano gioielli da migliaia di anni. Ma può essere una sfida scoprire esattamente quanto tempo fa gli umani preistorici hanno iniziato a decorare oggetti e ad usarli come accessori di moda.

Gli archeologi in Polonia hanno scoperto i resti di un ciondolo di 41.500 anni fatto di avorio di mammut e decorato con segni di puntura, che è il più antico gioiello mai registrato dagli esseri umani moderni in Eurasia.

Il ciondolo, che ora è in due pezzi, è stato trovato durante gli scavi archeologici effettuati nella grotta di Stajnia, in Polonia, nel 2010, e recenti lavori al radiocarbonio lo datano a circa 41.500 anni fa, ha riferito un team di scienziati in un articolo pubblicato online giovedì ( 25 novembre) sulla rivista Scientific Reports.

“La decorazione del ciondolo includeva motivi di oltre 50 segni di puntura in una curva irregolare e due fori completi”, ha affermato il team in una nota. Hanno notato che ogni foratura potrebbe rappresentare una caccia agli animali di successo o cicli della luna o del sole.

“È il più antico [gioiello] conosciuto del suo genere in Eurasia e stabilisce una nuova data di inizio per una tradizione direttamente collegata alla diffusione del moderno Homo sapiens in Europa”, hanno scritto i ricercatori nello studio.

Il ciondolo è stato probabilmente indossato al collo di qualcuno, ma non possiamo esserne certi, ha detto il ricercatore capo dello studio Sahra Talamo, professore di chimica all’Università di Bologna in Italia, specializzato in evoluzione umana e datazione al radiocarbonio.

I ricercatori hanno notato che il ciondolo è stato creato in un momento in cui gli umani anatomicamente moderni stavano sviluppando per la prima volta gioielli e altre forme di ornamento del corpo in tutto il mondo. Il motivo per cui gli umani hanno iniziato a usare i gioielli in questo momento è un mistero che i ricercatori stanno cercando di capire, ha detto Talamo.

Il pezzo più grande del ciondolo è lungo 4,5 cm e largo 1,5 cm mentre il punteruolo misura 68,33 mm di lunghezza. Il team ha utilizzato metodologie digitali come le scansioni microtomografiche e la ricostruzione 3D.

“Attraverso tecniche di modellazione 3D, i reperti sono stati virtualmente ricostruiti e il pendente è stato opportunamente restaurato, consentendo misurazioni dettagliate e supportando la descrizione delle decorazioni”, osserva il coautore Stefano Benazzi, direttore del Laboratorio di Osteoarcheologia e Paleoantropologia (BONES Lab) presso il Dipartimento di Beni Culturali, Università di Bologna.

L’analisi della spettrometria di massa ha rivelato che il ciondolo era fatto di avorio di mammut e il punteruolo di un osso di cavallo.

“Questo gioiello mostra la grande creatività e le straordinarie capacità manuali dei membri del gruppo di Homo sapiens che occupava il sito”, ha affermato la co-autrice Wioletta Nowaczewska dell’Università di Wroclaw.

Il coautore Andrea Picin dell’Istituto Max Planck per l’antropologia evolutiva di Lipsia ha aggiunto che le età del ciondolo in avorio e del punteruolo in osso dimostrano infine che la dispersione dell’Homo sapiens in Polonia è avvenuta già nell’Europa centrale e occidentale.

Questa storia, che chiamare sensazionale sarebbe come orinare oscenamente dentro ad una biblioteca, mi ricorda di alcune ricerche nell’era nazionalsocialista in quell’area.

In particolare mi ricorda di Assien Böhmers, nato come Johan Christiaan Böhmers, un archeologo e geologo olandese al servizio dell’Himmler Research Institute Ahnenerbe

Chissà da dove arrivava la nonna paterna con quel dono genetico delle orecchie a sventola Lol

Bohmers si rivolse all’organizzazione delle SS Ahnenerbe con una foto e documenti scritti, che dimostravano la sua discendenza ariana. Un frisone da parte della sua antenata materna, tuttavia, era dimostrabile solo una nonna frisone.

Come capo del dipartimento per la preistoria nell’organizzazione delle SS Forschungsgemeinschaft Deutsches Ahnenerbe, condusse una serie di spedizioni di ricerca, tra cui scavi del 1937-1938 in Baviera e del luglio 1939 nella Nikolsburg austriaca. Gli scavi erano sotto la supervisione personale di Heinrich Himmler. Questi scavi dovevano fornire una giustificazione scientifica per la teoria razziale nazionalsocialista degli uomini ariani.


Nel sito archeologico di Mauern Caves, Germania, ad ovest di Ingolstadt, Bohmers trovò dell’ocre rosso, un pigmento per pitture rupestri realizzate da uomini Cro-Magnon, e manufatti:

bulini, ciondoli in avorio; ulteriori scavi portarono alla scoperta di uno scheletro di mammut lanoso e di resti di Neanderthal sepolti dal tempo insieme a lance e giavellotti, tecnologia sviluppata e utilizzata dai Cro-Magnon.

Questi oggetti sono datati tra 70000 e 50000 anni, rendendo questo sito il più antico sito di Cro-Magnon al mondo.

Le punte di frecce e coltelli potevano anche essere ricavate da cristalli.

Bohmers assegnò i suoi reperti dalla Germania al popolo Cro Magnon, sostenendo che la Germania era la patria della razza nordica (ariana). Questi oggetti sono stati poi esposti in mostre in Olanda, Francia e Belgio.

La tesi di Bohmers era che i Cro-Magnon sterminarono i Neanderthal e presero il loro posto nella razza umana come razza superiore e dominante (teoria del c.d. Vernichtung, lett. Sterminio)

Negli anni 1939, 1941 e 1943, Bohmers condusse scavi con lo studioso ceco Karel Absolon per trovare altro a Dolní Vestonitse (Moravia meridionale), pare un luogo di riposo dei cacciatori del Paleolitico (tardo Pleistocene).

Dopo l’occupazione tedesca dei Paesi Bassi durante la seconda guerra mondiale, Bohmers lavorò come consulente per le SS su sua richiesta.

Dopo la guerra, fu internato e diede una testimonianza del suo lavoro alla SS-Ahnenerbe presso il tribunale militare di Norimberga, ma non fu condannato al carcere e ne uscì libero.

Dopo la guerra finita sul campo di battaglia si inizia sempre un’altra guerra, intrapresa per uccidere la memoria degli sconfitti.

*
Se sei interessato da uno dei problemi sollevati in questo articolo, chiama i Samaritani gratuitamente al +44 116123 o visita la loro divisione a : www.samaritans.org

Leave a Reply