Pandemia, Prova Finale “Furina” : Sars2 è Ingegnerizzato Ed è Uscito Dal Laboratorio di Wuhan, La Cina Pagherà Per Questo

_χρόνος διαβασματός : [ 3 ] minutes

 

Credo possiamo scrivere la parola fine all’origine di questo virus, una volta per tutte. Nonostante i milioni di euro pagati per far credere altro.

Telegraph:

Una fuga di laboratorio è ora l’origine più probabile del Covid, hanno sentito dire dai parlamentari, perché dopo due anni di ricerche un animale ospite non è mai stato trovato.

Parlando al comitato di selezione per la scienza e la tecnologia, la dottoressa Alina Chan, specialista in terapia genica e ingegneria cellulare al MIT e ad Harvard, ha affermato che c’è anche il rischio che il Covid-19 sia un virus ingegnerizzato.

Il dottor Chan, ha dichiarato: “Penso che l’origine del laboratorio sia più probabile che no. In questo momento non è sicuro che le persone che conoscono l’origine della pandemia si facciano avanti. Ma viviamo in un’era in cui vengono archiviate così tante informazioni che alla fine verranno fuori.

“Abbiamo sentito da molti dei migliori virologi che un’origine geneticamente modificata è ragionevole e questo include virologi che hanno apportato modifiche al primo virus Sars.

Sappiamo che questo virus ha una caratteristica unica, chiamata sito di scissione della furina, e senza questa caratteristica non c’è modo che questo possa causare questa pandemia.

“È trapelata una proposta che mostra che EcoHealth e l’Istituto di virologia di Wuhan stavano sviluppando una pipeline per l’inserimento di nuovi siti di scissione della furina. Quindi, trovi questi scienziati che all’inizio del 2018 hanno detto “Metterò le corna ai cavalli” e alla fine del 2019 un unicorno si presenta nella città di Wuhan”.

Il visconte Ridley, che ha co-autore di un libro sull’origine del virus con il dottor Chan, ha affermato di ritenere anche che una fuga di laboratorio fosse ora la probabile origine.

Lord Ridley ha detto ai parlamentari: “Penso anche che sia più probabile, perché dobbiamo affrontare il fatto che dopo due mesi conoscevamo le origini della Sars, e dopo un paio di mesi sapevamo che Mers era attraverso i cammelli, ma dopo due anni abbiamo non ho ancora trovato un solo animale infetto che potrebbe essere il capostipite, e questo è incredibilmente sorprendente.

Dobbiamo scoprirlo per prevenire la prossima pandemia. Abbiamo bisogno di sapere se dovremmo inasprire il lavoro nei laboratori o se dovremmo inasprire le normative relative ai mercati della fauna selvatica. Al momento non lo stiamo facendo neanche noi.

“Dobbiamo anche sapere come scoraggiare i cattivi attori che stanno guardando questo episodio e pensano che scatenare una pandemia sia qualcosa con cui potrebbero farla franca.

“Sappiamo ora che sono stati condotti esperimenti a livello di biosicurezza 2 (simile a uno studio dentistico) che ha determinato un aumento di 10.000 volte dell’infettività dei virus e tre o quattro volte la loro letalità. L’importante è smettere di fare questi esperimenti rischiosi».

Gli interessi di Peter Daszak dichiarati “troppo poco e troppo tardi”

Durante la sessione, anche l’editore del Lancet, Richard Horton, è stato criticato per una lettera pubblicata dalla rivista nel 2020 che liquidava la teoria delle fughe di laboratorio come una “teoria della cospirazione” e chiudeva efficacemente il dibattito sulla teoria delle fughe di laboratorio.

La lettera è stata scritta da Peter Daszak, il capo dell’alleanza EcoHealth, che aveva lavorato a stretto contatto con il Wuhan Institute of Virology (WIV) per l’ingegneria dei coronavirus dei pipistrelli.

Eppure, nonostante lo stretto legame, ci sono voluti 16 mesi prima che Lancet pubblicasse una nota che esponeva i conflitti di interesse di Daszak.

I ricercatori e i loro legami con la Cina

Horton ha affermato che ci è voluto più di un anno per “convincere” Daszak a dichiarare che EcoHealth stava lavorando con l’Istituto di virologia di Wuhan.

“Chiediamo a tutti di dichiarare il proprio interesse in competizione e prendiamo queste dichiarazioni sulla fiducia e in questa cura purtroppo gli autori hanno affermato di non avere interessi in competizione e, naturalmente, l’implicazione che c’erano effettivamente interessi in competizione che erano significativi, in particolare in relazione a Peter Daszak, disse il signor Horton.

“Prendiamo le dichiarazioni di conflitto di interessi sulla fiducia. Ci siamo subito resi conto del conflitto di interessi di Peter Daszak e abbiamo finito per discutere con lui perché la sua opinione era “Guarda, sono un esperto che lavora in Cina sui coronavirus dei pipistrelli e questo non è un interesse in competizione, mi rende un esperto.’

“Ma nel tribunale dell’opinione pubblica, questo è un interesse concorrente che dovresti dichiarare e ci è voluto più di un anno per convincerlo a dichiarare il suo pieno interesse concorrente”.

Il signor Horton ha anche affermato che la perdita di laboratorio è ora: “un’ipotesi che dovrebbe essere presa sul serio e deve essere ulteriormente indagata”.

Leave a Reply