Pandemia : Che Correlazione Esiste Tra Fungo Nero, Black Fungus, Mucormicosi e Covid ?

_χρόνος διαβασματός : [ 4 ] minutes

 

Usare regolarmente polvere anti-fungina nel detersivo e nei detergenti aiuta parecchio, specialmente di questi tempi. Ed occhio ai compostaggi. Il marcio fa ammalare.

Il marcio fa ammalare.

Pfizer:

Il nuovo coronavirus è stato recentemente collegato a due gravi infezioni fungine: l’aspergillosi polmonare associata a COVID-19 (CAPA) e la mucormicosi associata a COVID-19 (CAM).1 La ricomparsa di queste rare infezioni fungine preoccupa il personale medico.

Uno studio del 2021 ha rilevato che in India sono stati segnalati più di 47.000 casi di CAM in soli tre mesi. E con la diffusione della variante Delta in tutto il mondo, i rapporti suggeriscono che il numero di casi è probabilmente molto più alto

L’aspergillosi e la mucormicosi, che vengono spesso, erroneamente, denominate “fungo nero”, esistevano prima del COVID-19, sebbene siano rare e colpiscano principalmente le persone con malattie gravi, come i trapianti di midollo osseo o la leucemia mieloide acuta, e le persone nel ICU con danni ai polmoni.3 Tuttavia, è stato esacerbato con COVID-19.1,4

Ma come fidarci di questi corrotti?

ScienceDirect:

Dopo la prima fase del Covid-19, la seconda ondata colpisce molto gli indiani con una misteriosa infezione fungina nota come mucormicosi. Qui, abbiamo esaminato la patogenesi clinica, i segni, i sintomi e il trattamento contro il fungo nero.La conclusione ha rivelato che l’uso di immunosoppressori per combattere il Covid-19 aumenta anche il rischio di contrarre l’infezione da mucormicosi. I pazienti con iperglicemia, chetoacidosi, trapianto di organo solido o di midollo osseo, cirrosi epatica, neutropenia sono più suscettibili di essere attaccati da muffe di mucormicosi. La diagnosi precoce, la rimozione dei fattori predisponenti, la tempestiva terapia antimicotica con rimozione chirurgica di tutti i tessuti infetti e le terapie aggiuntive sono i quattro fattori principali per eradicare la mucormicosi.

L’uso di immunosoppressori aumenta il rischio di contrarre l’infezione da fungo nero.

John Hopkins University:

Che cos’è esattamente Mucor, o “fungo nero”?

Tutti respiriamo costantemente spore fungine, ad esempio quando camminiamo vicino a cantieri o cumuli di compostaggio, ma le persone sane le eliminano facilmente senza soffrire di malattie.

Il mucor è un fungo particolarmente sgradevole e, per coloro che non possono eliminarlo, tende a uccidere lentamente.

Se atterra nei seni o nel cervello, può causare gonfiore del viso, congestione nasale e mal di testa. Nei polmoni: febbre, tosse e mancanza di respiro.

 

Perchè questo nome?

Il nome “fungo nero” non deriva dal fungo stesso, ma da lesioni nere in pazienti malati di mucormicosi.

Il fungo in sé non è particolarmente nero, anche se produce melanina, un pigmento che è un’arma segreta per quasi tutti i funghi, incluso Mucor.

Quando Mucor atterra nel polmone, inizia a crescere e uccidere i tessuti mentre si espande in una massa fungina che uccide i tessuti, causando cicatrici che fanno apparire il tessuto nero.

Il fungo, in effetti la maggior parte dei funghi, utilizza questo pigmento di melanina nera come “armatura” che gli consente di sopravvivere alle difese immunitarie del corpo ed eludere i farmaci. Questo è molto diverso da come gli umani usano la melanina, per proteggersi dalla luce solare.

 

Perché questo particolare fungo è così pericoloso per i pazienti COVID?

Mucor preda di quelli con un sistema immunitario indebolito e i pazienti COVID hanno due punti deboli contro di loro quando si tratta di Mucor: uno, hanno i polmoni danneggiati. Il tessuto cicatriziale del danno polmonare correlato al COVID rende più difficile per il sistema immunitario eliminare le spore: il tessuto cicatriziale non risponde molto bene alle infezioni. Due, per curare l’infiammazione, molti di questi pazienti sono stati sottoposti a steroidi, che sono immunosoppressori.

 

Qual è la lezione del quadro generale per i trattamenti qui?

Penso che uno dei problemi che questa crisi ha esposto sia l’uso eccessivo di steroidi: è davvero un’epidemia. I medici stanno sottoponendo molti pazienti a steroidi, ma i dati [mostrano] che gli steroidi sono utili solo nei pazienti COVID-19 che sono gravemente malati.

Il COVID è una malattia infettiva; gli steroidi sono immunosoppressori. Se li dai troppo presto, questo funzionerà contro di te. Quindi penso che i medici debbano stare più attenti con l’uso di steroidi.

Quando un paziente con coronavirus non sta migliorando come previsto, i medici devono [sospettare] una malattia fungina. È sempre meglio trattare una quantità di funghi delle dimensioni di un centesimo piuttosto che trattare qualcosa delle dimensioni di una mela.

 

Perché l’India è così duramente colpita da questo fungo?

Penso che la spiegazione più probabile in questo momento sia che rifletta le condizioni climatiche locali e un gran numero di pazienti COVID-19 che sono suscettibili.

Quello che vorrei sapere è cosa c’è nell’aria in India e se questo riflette le condizioni agricole locali e come viene smaltita la vegetazione. I cumuli di compost, ad esempio, contengono enormi quantità di spore fungine. Ovunque tu abbia vegetazione in decomposizione [e] legno in decomposizione sono luoghi in cui tendi a ottenere molti funghi. Potrebbe essere semplice come la vegetazione marcisce più velocemente ai tropici, provocando più spore.

Nei sistemi sanitari più deboli, anche l’aria scarsamente filtrata negli ospedali può incoraggiare la diffusione delle spore.

 

Quindi le infezioni fungine non si stanno diffondendo solo in India?

Mentre l’India sta ricevendo molto Mucor, altre parti del mondo stanno vedendo un aumento di altri funghi. I Paesi Bassi e gli Stati Uniti stanno assistendo a un aumento di un altro fungo, l’Aspergillus, tra i pazienti COVID-19.

Il tema comune è che, con la combinazione di polmoni danneggiati e steroidi, otterrai malattie fungine. A seconda di dove ti trovi, finirai con quelli diversi.

Guardando oltre l’India, la storia più grande è che in mezzo a questa pandemia, le infezioni fungine sono una grave calamità perché sono così difficili da diagnosticare e trattare.

Perché questa infezione è così difficile da trattare?

L’unica cosa che può essere usata per trattare questo è un farmaco chiamato amfotericina B, che non funziona molto bene e deve essere somministrato per mesi per via endovenosa. In India ne mancano a causa della crisi del COVID.

Poiché i farmaci antimicotici non funzionano bene con Mucor, spesso l’unica opzione è rimuovere chirurgicamente un pezzo di polmone o un occhio, a seconda di dove il fungo ha preso piede.

 

Come viene diagnosticata la mucormicosi?

Non esiste un semplice esame del sangue. Purtroppo, il modo in cui si manifesterebbe è che le persone non migliorano come previsto.

Mucor [micosi] viene diagnosticata solo quando i sintomi diventano sufficientemente gravi e una volta che Mucor sta causando sintomi, il sistema immunitario non può eliminarlo.

Prima il polmone mostrerà una lesione. All’inizio, non sai se questa lesione è solo tessuto cicatriziale di COVID, se si tratta di una polmonite batterica o se si tratta di una polmonite fungina.

Uno degli unici modi per fare una diagnosi è molto invasivo: usare un mirino per prendere un pezzo di tessuto polmonare e guardarlo al microscopio. Poi vedi il fungo crescere nel tessuto.

Data la capacità diagnostica estremamente limitata, i casi visti finora sono probabilmente la punta dell’iceberg, purtroppo.

L’India avrà un grosso problema in futuro con i pazienti sopravvissuti al COVID ma che ora hanno micosi cronica – e questo li ucciderà lungo la linea.

È solo un incubo.

Non solo in India.

Le spore sono ovunque.

Leave a Reply