Radici Storiche del Pizzagate : Ufficialmente I Reali D’Europa Praticarono Il Cannibalismo Fino Al XVIII° Secolo, Ma Non Ufficialmente…

_χρόνος διαβασματός : [ 4 ] minutes

 

Come sempre pure connessioni a quello che chiamiamo Pizzagate, e che ci arrivano dal “cuore pulsante” della Storia.

Anni fa quando scrivevo ed operavo presso altre bande la mia amica dalla Grecia, dalla Laconia, mi raccontò una delle sue storie.

A quel tempo sapevo poco o niente del pizzagate, non avevo ancora la visione del male oscuro e dell’abisso come la possiedo oggi vivida ed eterna nella mia mente, e lei mi raccontò di questi regnanti che andavano in tenute di campagna in gran segreto a uccidere, bere sangue di bambini e mangiarli. Trovavo la cosa assurda.

Eppure alla luce del caso Dutroux, e del caso Epstein-Maxwell no, non lo è più.

Questa pratica del cannibalismo deve essere continuata fino ai nostri giorni.

Ricordate a tal proposito la scultura di John Podesta, quella con la stessa posa delle vittime “consumate” dal “cannibale” Jeffrey Dahmer?

Le Elites sono sempre state composte da cannibali. Perchè bollare il Pizzagate come fantasia allora?

La verità è che la verità è sulle loro tracce.

E , per come afferma Jim Caviezel, non ci sarà scampo per tutti loro.

dailymail:

Sono stati a lungo famosi per il loro amore per i banchetti sontuosi e le ricette ricche. Ma ciò che è meno noto è che anche i reali britannici avevano un gusto per la carne umana.

Un nuovo libro sul cannibalismo medicinale ha rivelato che forse fino alla fine del 18° secolo i reali britannici hanno ingoiato parti del corpo umano.

L’autore aggiunge che questa non era una pratica riservata ai monarchi ma era diffusa tra i benestanti in Europa.

Mary II (1662-1694), elder daughter of James II, queen of Great Britain and Ireland from 1689 as joint monarch with her husband William III. After portrait by William Wissing.

Maria II (1662-1694), figlia maggiore di Giacomo II

Ritratto di Re Carlo II c.1675

Cannibalismo medicinale: sia la regina Maria II che suo zio re Carlo II usarono per bere  entrambi un teschio umano distillato sul letto di morte rispettivamente nel 1698 e nel 1685, secondo il dottor Sugg

Anche mentre denunciavano i barbari cannibali del Nuovo Mondo, applicavano, bevevano o indossavano mummie egiziane in polvere, grasso umano, carne, ossa, sangue, cervello e pelle.

Il muschio prelevato dai crani dei soldati morti è stato persino usato come cura per le epistassi, secondo il dottor Richard Sugg della Durham University.

Il dottor Sugg ha affermato: “Il corpo umano è stato ampiamente utilizzato come agente terapeutico con i trattamenti più popolari che coinvolgono carne, ossa o sangue.

Il cannibalismo è stato trovato non solo nel Nuovo Mondo, come spesso si crede, ma anche in Europa.

«Una cosa che raramente ci viene insegnata a scuola, eppure è evidenziata nei testi letterari e storici dell’epoca, è questa: Giacomo I rifiutò la medicina per i cadaveri; Carlo II si fece da sé la medicina del cadavere; e Carlo I fu trasformato in medicina per i cadaveri.

“Insieme a Carlo II, eminenti utilizzatori o prescrittori includevano Francesco I, il chirurgo di Elisabetta I, John Banister, Elizabeth Grey, la contessa di Kent, Robert Boyle, Thomas Willis, Guglielmo III e la regina Mary”.

Nuovo mondo: rappresentazione del cannibalismo nella tribù brasiliana Tupinambá come descritto da Hans Staden nel 1557. Che sia vero o meno, il mito ignorava il fatto che gli europei consumassero carne umana

La storia del cannibalismo medicinale, sostiene il dottor Sugg, ha sollevato una serie di importanti questioni sociali.

Ha detto: “Il cannibalismo medicinale ha utilizzato il formidabile peso della scienza europea, dell’editoria, delle reti commerciali e della teoria istruita.

Sebbene la medicina dei cadaveri sia stata talvolta presentata come una terapia medievale, raggiunse il suo apice durante le rivoluzioni sociali e scientifiche della prima Gran Bretagna moderna.

«È sopravvissuto fino al 18° secolo, e tra i poveri è rimasto ostinatamente al tempo della regina Vittoria.

“A parte la questione del cannibalismo, l’approvvigionamento di parti del corpo ora ci sembra altamente immorale.

‘Nel periodo di massimo splendore del cannibalismo medicinale, corpi o ossa venivano regolarmente prelevati dalle tombe egizie e dai cimiteri europei. Non solo, ma nel diciottesimo secolo una delle più grandi importazioni dall’Irlanda in Gran Bretagna furono i teschi umani.

“È difficile dire se tutto questo fosse peggio o meno del moderno mercato nero degli organi umani”.

Questo dipinto dell’esecuzione di Carlo I nel 1649 mostra persone che avanzano per raccogliere il sangue dell’ex re. Si pensava che avesse proprietà curative

Il libro fornisce numerosi esempi vividi e spesso inquietanti della pratica, che vanno dai patiboli delle esecuzioni della Germania e della Scandinavia, attraverso i tribunali e i laboratori di Italia, Francia e Gran Bretagna, ai campi di battaglia dell’Olanda e dell’Irlanda, fino ai tribali mangiauomini. delle Americhe.

Un dipinto che mostra l’esecuzione di Carlo I nel 1649 mostrava persone che asciugavano il sangue del re con fazzoletti.

Il dottor Sugg ha detto: “Questo è stato usato per trattare il “male del re” – una lamentela più solitamente curata dal tocco dei monarchi viventi.

«Nell’Europa continentale, dove l’ascia cadeva abitualmente sul collo dei criminali, il sangue era la medicina preferita da molti epilettici.

In Danimarca il giovane Hans Christian Andersen ha visto i genitori far bere il sangue al loro bambino malato sul patibolo. Questo trattamento era così popolare che i boia ordinavano ai loro assistenti di raccogliere il sangue nelle coppe mentre sgorgava dal collo dei criminali morenti.

‘Occasionalmente un paziente potrebbe abbreviare questo sistema. In un’esecuzione dell’inizio del XVI secolo in Germania, “un vagabondo afferrò il corpo decapitato “prima che cadesse, e ne bevve il sangue…”.

L’ultimo caso registrato di questa pratica in Germania è caduto nel 1865.

Storia: l’autore Dr Richard Sugg, della Durham University, approfondisce il mondo oscuro del cannibalismo medicinale nel suo nuovo libro Mummies, Cannibals and Vampires

Mentre James I si era rifiutato di prendere un teschio umano, suo nipote Charles II è piaciuta così tanto l’idea che ha comprato la ricetta. Avendo pagato forse £ 6.000 per questo, spesso distillava lui stesso teschio umano nel suo laboratorio privato.

Il dottor Sugg ha detto: “Di conseguenza noto in poco tempo come “le gocce del re”, questo rimedio fluido veniva usato contro l’epilessia, le convulsioni, le malattie della testa e spesso come trattamento di emergenza per i moribondi.

“Fu la prima cosa che Carlo raggiunse il 2 febbraio 1685, all’inizio della sua ultima malattia, e fu somministrata non solo sul letto di morte, ma su quello della regina Mary nel 1698.”

La ricerca del dottor Sugg sarà presentata in un prossimo documentario di Channel 4 con Tony Robinson in cui ricostruiranno versioni di vecchi farmaci cannibalistici con l’aiuto del cervello, del sangue e del cranio dei maiali.

Il libro, intitolato Mummies, Cannibals and Vampires, sarà pubblicato il 29 giugno da Routledge e ripercorre la storia in gran parte dimenticata della medicina europea dei cadaveri dal Rinascimento ai Vittoriani

*
Se sei interessato da uno dei problemi sollevati in questo articolo, chiama i Samaritani gratuitamente al +44 116123 o visita la loro divisione a : www.samaritans.org

Se ti è piaciuto il post e vuoi contribuire alla sua causa lasciaci un contributo, anonimato garantito grazie a Monero :

Contribute