Russia, Venti di Guerra : Emmanuel Macron Non Ha Ottenuto Nulla, E’ Solo Andato In Pubblicità; Risoluzione Dopo La Finale delle Olimpiadi

_χρόνος διαβασματός : [ 4 ] minutes

 

Una rana non può certo fermare una guerra, anzi giusto l’opposto.

Politico.eu:

Dopo più di cinque ore di colloqui con il presidente russo Vladimir Putin a Mosca, non c’erano dubbi che Emmanuel Macron sia entrato nella tana dell’orso grizzly e sia stato sbranato.

Con oltre 100.000 soldati russi e armi pesanti ammassate al confine ucraino, il presidente francese ei suoi consiglieri avevano insistito sul fatto che, tra i leader occidentali, Macron fosse in una posizione unica per convincere Putin a seguire un percorso di de-escalation.

Invece, Putin ha scelto la strada della sfida, dichiarando che la Crimea è la Russia e che se l’Ucraina si fosse unita alla NATO, i paesi europei sarebbero passati “automaticamente” in guerra con la Russia. Puntando un dito in aria verso un giornalista francese, ha detto che “la Russia è una superpotenza militare e una superpotenza nucleare” e ha avvertito: “Non ci saranno vincitori e sarete coinvolto in questo conflitto contro la vostra volontà“.

Putin ha deriso le ripetute affermazioni dei leader occidentali secondo cui la NATO è una “alleanza difensiva“, citando le operazioni in Serbia, Afghanistan, Siria e Libia come prova del contrario. Ha ripetuto la sua affermazione secondo cui la Rivoluzione Maidan del 2014 in Ucraina è stata un “colpo di stato”. Ha accusato il governo ucraino di aver cercato di risolvere la guerra separatista nell’Ucraina orientale con “mezzi militari” e ha trollato Kiev offrendo asilo politico all’ex presidente ucraino Petro Poroshenko, accusato di tradimento in relazione alla vendita di carbone che i pubblici ministeri affermano che ha contribuito a finanziare i separatisti sostenuti dalla Russia.

A un certo punto, insistendo sul fatto che il governo ucraino dovrebbe essere costretto ad attuare le disposizioni degli accordi di pace di Minsk, Putin ha persino citato un verso che compare in una canzone oscena con allusioni allo stupro e alla necrofilia: “Che ti piaccia o non ti piaccia , sopportalo, bellezza mia», disse.

A tutto questo, Macron non ha praticamente raccolto alcuna risposta se non quella di insistere sull’importanza di continuare a parlare.

E anche su quel punto, Putin è stato disinvolto e sprezzante, insistendo sul fatto che durante l’incontro si sentiva come se Macron lo stesse “tormentando” parlando troppo nel suo tentativo di trovare una sorta di soluzione.

“È responsabilità della Francia avere le relazioni più forti possibili con la Russia”, ha detto Macron, parlando subito dopo che Putin ha dichiarato che la Crimea è irrevocabilmente parte della Russia.

“Siamo due grandi paesi europei… membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite”, ha detto Macron, aggiungendo: “Per me è ovvio: la Russia è europea. Se uno crede nell’Europa, deve essere in grado di lavorare con la Russia e trovare modi e mezzi per costruire il futuro in Europa e con gli europei”.

I giornali italiani invece titolano che Macron è riuscito nell’impresa. Come sono singolari..mi quietano come un pomeriggio assolato di sabato semi primaverile in una vecchia campagna decadente.

Ma Putin ha anche astutamente definito alcuni eventi per spingere la sua agenda. Ha fatto riferimento a un “attacco georgiano all’Ossezia del Sud” e alla “crisi intra-ucraina nel sud-est del paese”, linguaggio usato dalla Russia per cercare di negare il proprio ruolo nel conflitto. Putin ha anche sottolineato la necessità di “garantire la parità di sicurezza in Europa”, con l’ovvia implicazione che la situazione della sicurezza è attualmente diseguale – a svantaggio della Russia – e deve essere riequilibrata.

E Macron non ha contraddetto Putin quando il presidente russo ha negato i legami tra il suo governo e i soldati mercenari del gruppo Wagner, che attualmente alimenta il sentimento antifrancese in Mali. “La Federazione Russa non ha nulla a che fare con le imprese militari private che operano in Mali”, ha detto Putin. Macron ha detto che “la risposta del presidente [era] chiara“.

Georgiani, georgie boys, li puoi riconoscere dalle loro uniformi oscene condite da scarpe da trekking

E infine, prima di dirigersi a porte chiuse con il presidente francese, Putin sembrava giocare sui timori di alcuni funzionari occidentali che sembrano preoccupati che Macron sia un freelance e potenzialmente troppo desideroso di concedere concessioni all’uomo forte russo, piuttosto che insistere fermamente affinché ritiri il truppe e armi pesanti ora ammassate ai confini dell’Ucraina.

“Abbiamo discusso di tutti questi problemi al telefono in modo sufficientemente dettagliato”, ha detto Putin. “So che hai i tuoi pensieri su questo argomento e sono molto felice di avere l’opportunità di incontrare e discutere tutto questo in un formato così personale”.

Mentre i due discutevano…

tre navi da guerra russe entravano nel Mar Nero

Mentre la Cina si è fatta già chiara sulle sue intenzioni verso Taiwan

Una guerra ibrida potrebbe portare anche all’uso di armi nucleari, ed attacchi militari e di contro-spionaggio asimmetrici.

This :

against this :

Clearly, on evident inferiority in a whatever scaling of air and ground combat NATO will do use nuclear weapons to have a dirty reason on the scenario.

Putin gioca infine la carta del “Non Vincerà Nessuno” per dire che userà o useranno armi nucleari, un ricatto del tipo: O mi dai quel che voglio e mi spetta o moriremo entrambi.

Val la pena di morire per difendere i politici che ci hanno già condotto verso morte ed estinzione?

No.

Non muoveremo un dito per attaccare la Russia.

Queste sono vere bombe nucleari da sganciare anche al suolo…

Cada Sansone e con lui tutti i filistei.

*
Se sei interessato da uno dei problemi sollevati in questo articolo, chiama i Samaritani gratuitamente al +44 116123 o visita la loro divisione a : www.samaritans.org

Se ti è piaciuto il post e vuoi contribuire alla sua causa lasciaci un contributo, anonimato garantito grazie a Monero :

Contribute