CEO Moderna Vende 400 Milioni $ di Azioni, E Lascia Twitter; J&J Ferma La Produzione del Suo Vaccino; Pfizer-BioNTech Batte In Ritirata

_χρόνος διαβασματός : [ 5 ] minutes

 

Stiamo vincendo su tutta la linea. Finirà molto male per chi ha mentito alla gente ora.

Il CEO di Moderna, il miliardario Stéphane Bancel, ha chiuso il suo account Twitter dopo un dump di azioni di $ 400 milioni.

Il precedente lavoro di Bancel era quello di CEO di BioMérieux. Il fondatore di BioMérieux ha contribuito alla creazione del Wuhan Institute of Virology.

Gli scienziati, secondo il daily mail, dicono che il virus contiene un tratto di DNA che è uguale a sequenze registrate con patentino da MODERNA tre anni prima che la Pandemia iniziasse

*

La Johnson&Johnson ferma la produzione del suo vaccino.

TheHill:

Johnson & Johnson ha temporaneamente interrotto la produzione del suo vaccino contro il COVID-19 nei Paesi Bassi, l’unico centro di produzione che produce dosi utilizzabili per l’azienda farmaceutica, secondo un rapporto del New York Times di martedì.

L’azienda ha interrotto la produzione del vaccino nella sua struttura nella città olandese di Leiden alla fine del 2021 e ha invece rivolto la sua attenzione alla produzione di un altro vaccino per un virus non correlato, ha riferito il Times. La pausa è temporanea e dovrebbe durare solo un mese, ma potrebbe ridurre la fornitura di vaccini di Johnson & Johnson di alcune centinaia di milioni di dosi.

Mentre il vaccino Johnson & Johnson di Janssen Pharmaceuticals è stato collegato a rari coaguli di sangue ed è considerato meno efficace dei vaccini di Pfizer e Moderna dai Centers for Disease Control and Prevention, è estremamente importante in Africa e nei paesi a basso reddito, che fanno affidamento su il più semplice colpo a una dose.

Il vaccino evita anche l’obbligo di conservazione a temperature ultra-fredde, il che rende più difficile la spedizione delle dosi di Moderna e Pfizer.

A ottobre, Johnson & Johnson ha dichiarato che stava impegnando circa 50 milioni di vaccini in 40 paesi attraverso COVAX, l’iniziativa di condivisione dei vaccini dell’Organizzazione mondiale della sanità e delle Nazioni Unite.

Ma Ayoade Alakija, co-responsabile del programma di consegna dei vaccini dell’Unione Africana, ha detto al Times che il cambio di produzione potrebbe mettere in pericolo lo sforzo di vaccinazione.

“Questo non è il momento di cambiare linea di produzione di qualcosa, quando le vite delle persone in tutto il mondo in via di sviluppo sono in bilico”, ha detto.

Un portavoce della società ha detto a The Hill che milioni di dosi erano in inventario e che stavano ancora pianificando di “adempiere ai nostri obblighi contrattuali” relativi alla COVAX e all’Unione Africana.

“Ci sforziamo di migliorare la salute umana e abbiamo lavorato instancabilmente per stringere partnership e costruire una rete di produzione globale in quattro continenti per produrre il nostro vaccino COVID-19. Inoltre, abbiamo ampliato la capacità della nostra struttura a Leiden nel 2021 e il sito continua per svolgere un ruolo nella nostra produzione di vaccini nel 2022”, ha affermato il portavoce.

“I nostri siti di produzione producono più prodotti poiché abbiamo l’obbligo di fornire farmaci che cambiano la vita ai pazienti di tutto il mondo e di portare avanti la nostra pipeline innovativa di nuovi farmaci e vaccini. Gestiamo la nostra pianificazione della produzione di conseguenza e attualmente forniamo dalla nostra vasta rete globale basata sulla domanda del nostro vaccino e sulle esigenze dei nostri pazienti e clienti”, ha aggiunto il portavoce.

Milioni di americani hanno ricevuto il vaccino Johnson & Johnson e la società ha guadagnato $ 2,39 miliardi di vendite di vaccini nel 2021. Johnson & Johnson stima vendite ancora più elevate nel 2022, comprese tra $ 3 miliardi e $ 3,5 miliardi.

Secondo il rapporto del Times, Johnson & Johnson ha in programma di rilanciare altri tre stabilimenti di produzione per produrre il suo vaccino contro il COVID-19, incluso uno a Baltimora che è stato chiuso ad aprile a causa del mancato rispetto delle linee guida federali.

Pfizer rinvia la richiesta della FDA per il vaccino Covid per i bambini sotto i 5 anni

NBC.News:

Pfizer-BioNTech sta rinviando la sua domanda di applicazione alla Food and Drug Administration per espandere l’uso del suo vaccino Covid-19 a due dosi per i bambini di età compresa tra 6 mesi e 4 anni.

La mossa significa che i vaccini per questa fascia di età non saranno disponibili nelle prossime settimane, una battuta d’arresto per i genitori desiderosi di vaccinare i loro bambini.

Venerdì Pfizer ha dichiarato che attenderà i suoi dati su una serie di tre dosi di vaccino, perché ritiene che tre dosi “possono fornire un livello di protezione più elevato in questa fascia di età”. I dati sulla terza dose sono attesi all’inizio di aprile, ha affermato la società.

Pfizer ha affermato a dicembre che due dosi non hanno generato una risposta immunitaria sufficientemente forte nella sua sperimentazione su bambini di età compresa tra 2 e 4 anni. Per i bambini piccoli, il vaccino di Pfizer ha un dosaggio di 3 microgrammi. Per i bambini dai 5 agli 11 anni, il dosaggio è più alto, a 10 microgrammi.

Tuttavia, questo mese la società ha chiesto alla FDA di autorizzare queste prime due dosi, con un piano per presentare dati aggiuntivi nelle prossime settimane su una terza dose. La serie completa di vaccinazione sarebbe di tre dosi.

La FDA avrebbe dovuto pubblicare un’analisi dei dati Pfizer venerdì, prima di una riunione del comitato consultivo la prossima settimana. La FDA ha detto che venerdì l’incontro è stato posticipato.

Due persone che hanno familiarità con i piani della FDA hanno affermato che c’erano già stati molti respingimenti sull’agenzia da parte di esperti esterni che temevano che i dati di Pfizer non fossero sufficienti. Gli esperti hanno ritenuto, ha detto una delle persone, che le loro preoccupazioni “cadevano nel vuoto” all’interno dell’agenzia.

Inizialmente le autorità di regolamentazione federali volevano iniziare a rivedere i dati su due dosi del vaccino mentre Pfizer continuava a raccogliere dati su un regime a tre dosi.

I regolatori credevano che due dosi avrebbero fornito una protezione sufficiente, anche se non ideale, contro la variante omicron del coronavirus con l’aumento dei casi pediatrici.

I dati preclinici, clinici o di sicurezza sfavorevoli possono avere un impatto sul business, afferma Pfizer.

Zerohedge:

Due settimane fa, la FDA ha implorato un giudice del Texas di ritardare la produzione del primo lotto mensile di 55.000 pagine di dati sul vaccino Covid-19 presentato all’agenzia da Pfizer. In origine, l’agenzia doveva produrre solo 500 pagine al mese.

Ora, Pfizer, che prevede appena 54 miliardi di dollari di vendite legate al Covid nel 2022, sembra anticipare alcune cattive notizie, come evidenziato da diversi cambiamenti nella linea rossa nei loro comunicati sugli utili del quarto trimestre.

Come osserva su Twitter Kelly Brown di Rubicon Capital, i cambiamenti sono incentrati sulla divulgazione di dati di sicurezza sfavorevoli.

Ad esempio, nel quarto trimestre hanno aggiunto: “o ulteriori informazioni sulla qualità dei dati preclinici, clinici o di sicurezza, anche mediante audit o ispezione”.

Altro da Brown, che osserva che Pfizer sta ora evidenziando “preoccupazioni sull’integrità dei dati clinici …”

La società osserva inoltre che il Covid-19 potrebbe “diminuire in gravità o prevalenza o scomparire del tutto”.

Cosa c’è dietro le quinte, Pfizer?

Le considerazioni?

*
Se sei interessato da uno dei problemi sollevati in questo articolo, chiama i Samaritani gratuitamente al +44 116123 o visita la loro divisione a : www.samaritans.org

Se ti è piaciuto il post e vuoi contribuire alla sua causa lasciaci un contributo, anonimato garantito grazie a Monero :

Contribute

Leave a Reply