Svizzera, Trapelano I Dati di 30000 Clienti del Colosso Credit Suisse : Narcotrafficanti, Feroci Dittatori, Assassini, Magnaccia

_χρόνος διαβασματός : [ 10 ] minutes

 

Non sappiamo ancora il nome degli italiani coinvolti…perchè ce ne saranno sicuramente. Ma come sempre…ultimi a sapere nel mondo.

Ma quei deficienti del Guardian di cosa si stupiscono?

Ma ci leggono?

Economia : Crisi e Aiuti Economici Spiegati Agli Imbecilli Che Non Capiscono Cosa Rappresenta Questa Materia Nell’Era Moderna

Sono consapevoli di quanto sono importanti i soldi della droga per l’economia mondiale oggi?

Probabilmente quei boriosi inglesi del Guardian non ci leggono ma ci chiedevamo qualche giorno fa, consultando le statistiche, il perchè di un fottio di massicce visite dalla Svizzera.

Perchè ci seguono dalla Svizzera? Si. Non sono solo VPN. Ci sono IP di Banche. Rinomate anche.

Con tutto quel latte, quel cioccolato, quegli orologi, quelle strade pulite, quegl’uomini con completo e scarpe lucide, macchine di lusso, e donne saltate fuori dalle riviste di moda come pesci fritti in padella…
E la domanda suonava come una campana con rintocchi letali nell’attesa della risposta…che ci è giunta stamattina…con me in pantofole ascoltando qualche canzone su El famoso Chino Antrax.

Perchè cazzo ci leggono dalla Svizzera? Perchè quei porci lussuriosi leggono dei poveri spartani prossimi alla morte come noi?

Perchè..tutto quel lusso, quello scintillio di metalli preziosi forgiati con antiche tradizioni, quello sfavillio di luci ed eleganza proviene da lutti, sangue, disperazione, grida, morte, oblio oppure narcotraffico, rapimenti, torture, omicidi, traffico illegale di armi, corruzione.

Con su pistola fajada
Con las cachas diamantadas
Y la muerte protegiendo lo de todo
Con un grupo, una banda
Bailando con una dama
Y su porte impresionante así es su modo
Su mirada es imponente
Muchos la bajan al verle
Por su historia lo respetan y le temen
Él fue el joven guardaespaldas
Muy querido por zambada
Y como hermano lo mira el niño Vicente
Empezó con los mayitos
Se conocen de plebillos
Es por eso que son muy buenos amigos
De ahí se fue relacionando
Y su valor fue mencionado
Desde joven anduvo al lado del niño
Siempre fiel y con su escuadra
Cuidó a Vicente Zambada
Y en la guerra también tuvo sus hazañas
2008 no se olvida
Fue cuando cambio la vida
De Rodrigo el famoso Chino Antrax

TheGuardian:

La massiccia fuga di notizie da una delle più grandi banche private del mondo, Credit Suisse, ha svelato la ricchezza nascosta di clienti coinvolti in torture, traffico di droga, riciclaggio di denaro, corruzione e altri gravi crimini.

I dettagli dei conti collegati a 30.000 clienti Credit Suisse in tutto il mondo sono contenuti nella fuga di notizie, che smaschera i beneficiari di oltre 100 miliardi di franchi svizzeri (£ 80 miliardi)* detenuti in uno degli istituti finanziari più noti della Svizzera.

La fuga di notizie indica i diffusi fallimenti della due diligence da parte del Credit Suisse, nonostante i ripetuti impegni da decenni a eliminare i clienti dubbi e i fondi illeciti. The Guardian fa parte di un consorzio di organi di informazione che hanno accesso esclusivo ai dati.

Possiamo rivelare come il Credit Suisse abbia aperto o mantenuto ripetutamente conti bancari per una gamma panoramica di clienti ad alto rischio in tutto il mondo.

Includono un trafficante di esseri umani nelle Filippine, un boss della borsa di Hong Kong incarcerato per corruzione, un miliardario che ha ordinato l’omicidio della sua fidanzata pop star libanese e dirigenti che hanno saccheggiato la compagnia petrolifera statale venezuelana, nonché politici corrotti dall’Egitto all’Ucraina.

Un conto di proprietà del Vaticano nei dati è stato utilizzato per spendere 350 milioni di euro (290 milioni di sterline) in un presunto investimento fraudolento in una proprietà londinese che è al centro di un processo penale in corso contro diversi imputati, tra cui un cardinale.

L’enorme quantità di dati bancari è trapelata da un informatore anonimo al quotidiano tedesco Süddeutsche Zeitung. “Credo che le leggi svizzere sul segreto bancario siano immorali“, ha affermato la fonte dell’informatore in una nota. “Il pretesto per proteggere la privacy finanziaria è solo una foglia di fico che copre il ruolo vergognoso delle banche svizzere come collaboratrici di evasori fiscali”.

Credit Suisse ha affermato che le rigide leggi sul segreto bancario della Svizzera le hanno impedito di commentare le affermazioni relative a singoli clienti.

“Il Credit Suisse respinge fermamente le accuse e le deduzioni sulle presunte pratiche commerciali della banca”, ha affermato la banca in una nota, sostenendo che le questioni scoperte dai giornalisti si basano su “informazioni selettive estrapolate dal contesto, che danno luogo a interpretazioni tendenziose dell’attività della banca condotta.”

La banca ha anche affermato che le accuse erano in gran parte storiche, in alcuni casi risalenti a un’epoca in cui “le leggi, le pratiche e le aspettative degli istituti finanziari erano molto diverse da dove si trovano ora”.

Mentre alcuni conti nei dati erano aperti già negli anni ’40, più di due terzi sono stati aperti dal 2000. Molti di questi erano ancora aperti nell’ultimo decennio e una parte rimane aperta oggi.

Credit Suisse ha più di 1,6 trilioni di franchi svizzeri (£ 1,3 trilioni) di asset in gestione ed è uno dei maggiori istituti di credito della Svizzera, seconda solo a UBS. Ha quasi 50.000 dipendenti, di cui una significativa forza lavoro a Zurigo, dove ha sede la banca.

Tuttavia, molti dei suoi 3.500 “relationship manager”, che trovano e servono clienti facoltosi, sono sparsi in tutto il mondo. I conti trapelati sono collegati a clienti di Credit Suisse che risiedono in più di 120 giurisdizioni, con una concentrazione di clienti nei paesi in via di sviluppo.

I paesi con il maggior numero di clienti nei dati, come Venezuela, Egitto, Ucraina e Thailandia, hanno lottato a lungo con le élite politiche e finanziarie che nascondono le loro fortune offshore.

Il momento della fuga di notizie non potrebbe essere peggiore per Credit Suisse, che è stata recentemente afflitta da grandi scandali. Il mese scorso ha perso il suo presidente, António Horta-Osório, dopo aver infranto per due volte le norme Covid-19.

Ciò ha coronato un anno senza precedenti di controversie in cui la banca è stata coinvolta nel crollo della società finanziaria della catena di approvvigionamento Greensill Capital e dell’hedge fund statunitense Archegos Capital, ed è stata multata di 350 milioni di sterline per il suo ruolo in uno scandalo sui prestiti in Mozambico.

Questo mese, Credit Suisse è diventata la prima grande banca svizzera nella storia del paese ad affrontare accuse penali – che nega – relative all’accusa di aver contribuito a riciclare denaro proveniente dal traffico di cocaina per conto della mafia bulgara.

Tuttavia, le ripercussioni della fuga di notizie potrebbero essere molto più ampie di una banca, minacciando una crisi per la Svizzera, che mantiene una delle leggi bancarie più segrete del mondo. Gli istituti finanziari svizzeri gestiscono circa 7,9 trilioni di franchi svizzeri (6,3 trilioni di sterline) di asset, di cui quasi la metà appartiene a clienti esteri.

Il progetto Suisse Secrets getta una luce rara su una delle più grandi piazze finanziarie del mondo, abituata a operare nell’ombra. Identifica i detenuti e riciclatori di denaro che sono stati in grado di aprire conti bancari o tenerli aperti per anni dopo l’emersione dei loro crimini. E rivela come le famose leggi svizzere sul segreto bancario abbiano contribuito a facilitare il saccheggio dei paesi in via di sviluppo.

Ora capiamo il perchè di tutte le visite che riceviamo dalla Svizzera dopo i nostri articoli sul Messico. Credit Suisse, a nostra consulenza, ha conti bancari dei Cartelli Messicani. Al 102%.

Quando Ronald Li Fook-shiu si è rivolto a un banchiere per aprire un conto nel 2000, è improbabile che fosse considerato un cliente normale. Ex presidente della borsa di Hong Kong, era una delle persone più ricche della città, dove era conosciuto come il “padrino del mercato azionario”. Ma forse era meglio conosciuto per il tempo trascorso in un carcere di massima sicurezza.

La carriera di Li era finita in disgrazia nel 1990, quando fu condannato per aver accettato tangenti in cambio della quotazione in borsa di società. Tuttavia, un decennio dopo Li è stato comunque in grado di aprire un conto che in seguito deteneva 59 milioni di franchi (£ 26,3 milioni), secondo la fuga di notizie.

Da allora è morto, ma il suo caso è uno delle dozzine scoperte dai giornalisti che sembrano mostrare che il Credit Suisse ha aperto o mantenuto conti per clienti che avevano gravi condanne che potrebbero apparire nei controlli di due diligence. Ci sono altri casi in cui Credit Suisse potrebbe aver intrapreso un’azione rapida dopo che sono emerse bandiere rosse, ma il caso mostra comunque che i clienti dubbi sono stati attratti dalla banca.

Come ogni altra banca del mondo, Credit Suisse afferma di disporre di rigorosi meccanismi di controllo per svolgere un’ampia due diligence sui propri clienti per “garantire il rispetto dei più elevati standard di condotta”. Nel gergo bancario, tali controlli sono chiamati know-your-client o assegni KYC.

Un rapporto trapelato del 2017 commissionato dall’autorità di regolamentazione finanziaria svizzera ha fatto luce sulle procedure interne della banca in quel momento. I clienti sarebbero sottoposti a un controllo più approfondito se contrassegnati come persona politicamente esposta da un paese ad alto rischio, o una persona coinvolta in un’attività ad alto rischio come il gioco d’azzardo, il commercio di armi, i servizi finanziari o l’estrazione mineraria, afferma il rapporto.

Secondo la fuga di notizie, i gestori delle relazioni avrebbero dovuto utilizzare fonti esterne per verificare i clienti e i loro livelli di rischio, inclusi articoli di notizie o database come la piattaforma Thomson Reuters World-Check, ampiamente utilizzata nel settore dei servizi finanziari per segnalare quando le persone sono arrestato, accusato, indagato o condannato per un reato grave.

Ci si potrebbe aspettare che tali controlli impediscano a una banca di aprire conti per clienti come Rodoljub Radulović, un truffatore di titoli serbo incriminato nel 2001 dalla US Securities and Exchange Commission. Tuttavia, i dati trapelati lo identificano come cofirmatario di due conti aziendali del Credit Suisse. Il primo è stato aperto nel 2005, l’anno dopo che la SEC si era assicurata una sentenza di contumacia contro Radulović per aver gestito uno schema di pump-and-dump.

Uno dei conti della società di Radulović conteneva 3,4 milioni di franchi svizzeri (2,2 milioni di sterline) prima della chiusura nel 2010. Recentemente è stato condannato a 10 anni di prigione da un tribunale di Belgrado per il suo ruolo nel traffico di cocaina dal Sud America per il boss della criminalità organizzata Darko Šarić . L’avvocato di Radulović non ha risposto a molteplici richieste di commento.

Ci si sarebbe quindi potuto aspettare che la banca avesse scoperto che il suo cliente tedesco Eduard Seidel era stato condannato per corruzione nel 2008. Seidel era un dipendente di Siemens. In qualità di capo della multinazionale in Nigeria, ha supervisionato una campagna di corruzione su scala industriale per assicurarsi contratti redditizi per il suo datore di lavoro incanalando denaro per corrompere i politici nigeriani.

Dopo che le autorità tedesche hanno fatto irruzione nel quartier generale della Siemens a Monaco nel 2006, Seidel ha immediatamente confessato il suo ruolo nel piano di corruzione, anche se ha affermato di non aver mai rubato alla società né di essersi appropriato dei suoi fondi neri. Il suo coinvolgimento nella corruzione ha portato il suo nome a essere inserito nel database Thomson Reuters World-Check nel 2007.

Tuttavia, i dati trapelati dal Credit Suisse mostrano che i suoi conti sono stati lasciati aperti almeno fino all’ultimo decennio. Ad un certo punto, dopo aver lasciato Siemens, un conto valeva 54 milioni di franchi (£ 24 milioni). L’avvocato di Seidel ha rifiutato di dire se i conti fossero suoi. Ha detto che il suo cliente aveva affrontato tutte le questioni in sospeso relative ai suoi reati di corruzione e desiderava andare avanti con la sua vita.

L’avvocato non ha risposto ai ripetuti inviti a spiegare la fonte dei 54 milioni di franchi. Siemens s aiuto non era a conoscenza del denaro e che la sua revisione dei propri flussi di cassa non ha fatto luce sul conto.

Sebbene Credit Suisse abbia affermato nella sua dichiarazione di non poter commentare alcun cliente specifico, la banca ha affermato che “sono state intraprese azioni in linea con le politiche e i requisiti normativi applicabili nei momenti rilevanti e che le questioni correlate sono già state affrontate”.

In alcuni casi, si ritiene che Credit Suisse abbia conti congelati appartenenti a clienti problematici. Eppure rimangono dubbi sulla rapidità con cui la banca si è mossa per chiuderli.

Un cliente, Stefan Sederholm, un tecnico informatico svedese che ha aperto un conto presso Credit Suisse nel 2008, è riuscito a tenerlo aperto per due anni e mezzo dopo la sua condanna ampiamente denunciata per tratta di esseri umani nelle Filippine, per la quale ha è stato condannato all’ergastolo.

Il crimine di Sederholm è venuto alla luce per la prima volta nel 2009, quando la polizia di Manila ha fatto irruzione in un negozio che pretendeva di essere la sezione locale del Movimento per la pace dei popoli di Mindanao e ha scoperto circa 17 donne in cubicoli con webcam che eseguivano spettacoli sessuali per clienti stranieri. È stato condannato nel 2011.

Un rappresentante di Sederholm ha affermato che Credit Suisse non ha mai congelato i suoi conti e non li ha chiusi fino al 2013, quando non è stato in grado di fornire materiale di due diligence. Alla domanda sul motivo per cui Sederholm avesse bisogno di un conto svizzero, hanno detto che viveva in Thailandia quando è stato aperto, aggiungendo: “Puoi dirmi se preferisci mettere i tuoi soldi in una banca tailandese o svizzera?”

Le banche svizzere hanno coltivato la loro reputazione di fiducia fin dal 1713, quando il Gran Consiglio di Ginevra proibì ai banchieri di rivelare dettagli sulle fortune depositate dagli aristocratici europei. La Svizzera divenne presto un paradiso fiscale per molte delle élite mondiali e i suoi banchieri coltivarono un “dovere di silenzio assoluto” sugli affari dei loro clienti.

L’usanza è stata sancita nello statuto nel 1934 con l’introduzione della legge svizzera sul segreto bancario, che ha criminalizzato la divulgazione delle informazioni bancarie dei clienti alle autorità estere. Nel giro di decenni, clienti facoltosi provenienti da tutto il mondo si sono riversati nelle banche svizzere. A volte, questo significava clienti con qualcosa da nascondere.

Uno dei casi più noti nella storia del Credit Suisse ha coinvolto il corrotto dittatore filippino Ferdinand Marcos e sua moglie, Imelda. Si stima che la coppia abbia sottratto fino a 10 miliardi di dollari dalle Filippine durante i tre mandati presidenziali, terminati nel 1986.

Mi ricordo quando ero amministratore a Unitethecows mi scagliai contro un utente svizzero nicknamed Drakula. Lo trattai proprio male. Gli altri amministratori cercarono di consolarlo. Un pò poi mi sentii dispiaciuto. Era solo un povero ragazzo. Ma ero un povero ragazzo anch’Io allora.
Oggi però so che lui era svizzero, e Io no.

È noto da tempo che Credit Suisse è stata una delle prime banche ad aiutare i Marcose a devastare il proprio paese e in un famigerato episodio li ha persino aiutati ad aprire conti svizzeri con i nomi falsi “William Saunders” e “Jane Ryan”. Nel 1995, un tribunale di Zurigo ha ordinato al Credit Suisse e a un’altra banca di restituire 500 milioni di dollari di fondi rubati alle Filippine.

I dati trapelati contengono un account che apparteneva a Helen Rivilla, un avvocato condannato nel 1992 per aver aiutato a riciclare denaro per conto di Ferdinand Marcos. Nonostante ciò, è stata in grado di aprire un conto svizzero nel 2000, così come suo marito, Antonio, che ha dovuto affrontare accuse simili che sono state successivamente ritirate.

È difficile sapere come il Credit Suisse possa essersi perso il caso di riciclaggio di denaro che lega la coppia al leader corrotto delle Filippine, riportato dall’Associated Press. La coppia, che non è stata contattata per un commento, è stata in grado di detenere circa 8 milioni di franchi svizzeri (£ 3,6 milioni) con la banca prima che i loro conti venissero chiusi nel 2006.

Un ex dipendente del Credit Suisse all’epoca afferma che c’era una cultura profondamente radicata nelle banche svizzere di guardare dall’altra parte quando si trattava di clienti problematici. “I dipartimenti di conformità della banca [erano] maestri della negazione plausibile”, hanno detto a un giornalista dell’Organized Crime and Corruption Reporting Project, uno dei coordinatori del progetto Suisse Secrets. “Non scrivere mai nulla che possa esporre un account non conforme e non fare mai una domanda di cui non vuoi conoscere la risposta”.

Gli anni 2000 sono stati anche un decennio in cui le autorità di regolamentazione e le autorità fiscali straniere sono diventate sempre più frustrate per la loro incapacità di penetrare nel sistema finanziario svizzero. Le cose sono cambiate nel 2007, quando il banchiere di UBS Bradley Birkenfeld si è rivolto volontariamente alle autorità statunitensi con informazioni su come la banca stesse aiutando migliaia di ricchi americani a evadere le tasse con conti segreti.

Leggeteci.

Porci dalla Svizzera.

*
Se sei interessato da uno dei problemi sollevati in questo articolo, chiama i Samaritani gratuitamente al +44 116123 o visita la loro divisione a : www.samaritans.org

Se ti è piaciuto il post e vuoi contribuire alla sua causa lasciaci un contributo, anonimato garantito grazie a Monero :

Contribute

Leave a Reply