Guerra In Ucraina, Reckoning : Fake News A Raffica Non Fermeranno L’Avanzata Russa; Ancora Nessuno Scontro Azov VS Kadyrov Ma…

_χρόνος διαβασματός : [ 3 ] minutes

 

La batteria missilistica che le news italiane e straniere danno come russa in realtà è una batteria missilistica ucraina, leggete il post precedente.

Sapete dove siamo?

Siamo in un sogno

...nel mio sogno

These violent delights have violent ends

Sui social le fake news sulla guerra sono ormai immensi oceani di merda.

Non c’e’ stato ancora alcuno scontro tra le milizie di Kadyrov e il battaglione nazista degli Azov

ma c’e’ stato un oltraggio :

Rt.com:

La Guardia nazionale ucraina ha suscitato indignazione, domenica, pubblicando un video crudo rivolto ai combattenti russi musulmani. Twitter alla fine ha etichettato il messaggio come “contenuto odioso”.

Il Tweet mostrava un soldato che immergeva le punte dei proiettili nel grasso di maiale prima di metterle in un caricatore.

L’uomo, che secondo quanto riferito appartiene al battaglione Azov nazionalista di estrema destra, apparentemente intendeva questo come una minaccia per i musulmani religiosi che partecipavano all’offensiva militare russa in Ucraina. La carne di maiale è considerata impura nell’Islam, quindi i musulmani uccisi dai proiettili presumibilmente non sarebbero idonei ad entrare in paradiso.

La breve clip è stata pubblicata dall’account ufficiale della Guardia nazionale ucraina, che ha incorporato il battaglione Azov nel 2014. Il soldato che esegue il rituale può essere sentito dire: “Amici musulmani, nel nostro paese non sarà permesso entrare in paradiso“. Il soldato indossava un passamontagna per nascondere il viso.

La minaccia era diretta agli “orchi Kadyrov”, secondo la descrizione. Il leader ceceno Ramzan Kadyrov ha evidenziato la partecipazione delle truppe della sua provincia all’attacco russo all’Ucraina, pubblicando video dei suoi uomini sui social media, elogiando il loro contributo e invitando gli ucraini ad arrendersi.

La Cecenia è una repubblica a maggioranza musulmana, nel sud della Russia, rinomata per l’abilità dei suoi combattenti.

Soros paragona il conflitto ucraino all’assedio della città controllata dai nazisti

Usare “proiettili di maiale” per minacciare i musulmani non è un’invenzione ucraina. Un’azienda con sede in Idaho ha fatto notizia nel 2013 offrendo questo tipo di munizioni agli americani che combattono i terroristi islamici.

Un altro prodotto basato sulla stessa idea era l’olio per armi che includeva il 13% di grasso di maiale, secondo il suo produttore anonimo. Ci sono state voci secondo cui la squadra Navy SEAL che ha ucciso Osama Bin Laden l’ha usata, anche se molto probabilmente è un mito urbano. Le organizzazioni di watchdog che monitorano l’incitamento all’odio hanno criticato entrambi i prodotti come casi evidenti di islamofobia.

Twitter ha segnalato il video ucraino come “contenuto odioso” che viola le sue regole, ma gli ha comunque permesso di rimanere sulla sua piattaforma. “Twitter ha stabilito che potrebbe essere nell’interesse del pubblico che il Tweet rimanga accessibile”, si legge nell’avviso.

La Russia ha lanciato giovedì scorso l’operazione militare contro l’Ucraina, ritenendola necessaria per salvaguardare le repubbliche separatiste di Donetsk e Lugansk dagli attacchi provenienti dall’Ucraina. Uno degli obiettivi dichiarati dell’offensiva russa era quello di “denazificare” l’Ucraina, schiacciando la base di potere dei nazionalisti radicali e delle loro organizzazioni, come il Battaglione Azov.

Sapete.

Ieri ci chiedevano perchè vogliamo lo sterminio degli Azov.

Non è facile capirlo.

Ma per spiegarlo dovreste guardarvi la seconda stagione di Westworld, in particolare quando Dolores fa strage dei guerrieri indiani e dei mercenari di Wyatt, cioè del suo stesso esercito di cyborg.

Non tutti meritano di raggiungere l’Oltrevalle. Non tutti meritano di raggiungere l’Altrove.

Gli Azov devono venire sterminati. Uno dopo l’altro.

*
Se sei interessato da uno dei problemi sollevati in questo articolo, chiama i Samaritani gratuitamente al +44 116123 o visita la loro divisione a : www.samaritans.org

Se ti è piaciuto il post e vuoi contribuire alla sua causa lasciaci un contributo, anonimato garantito grazie a Monero :

Contribute

Leave a Reply