Il Razzismo Occidentale dei Perbenisti Che Hanno Dimenticato Le Migliaia di Bambini Morti In Iraq A Causa Di Sanzioni e Invasione Americana

_χρόνος διαβασματός : [ 5 ] minutes

 

Quelli non erano bambini come gli altri?

Dove era il “Mondo” nel 2003 quando i bambini a Baghdad venivano maciullati dalle bombe americane e alleate?
La bandiera americana e gli atleti americani venivano forse rimossi come avviene oggi per quelli Russi?

La prova provata di come vi lavino il cervello e di come siete predisposti a farvelo lavare.

Una Massa di milioni e milioni di ignoranti che merita solo una cosa:

TheGuardian:

Contando le vittime dell’Iraq

I bambini morti sono sempre molto presenti nella propaganda delle atrocità e Osama bin Laden è solo l’ultimo a sfruttarli. Ma qual è la verità?

Proprio come si diceva che i tedeschi nella prima guerra avessero lanciato bambini belgi con le baionette, e durante la guerra del Golfo che gli iracheni avessero gettato i bambini kuwaitiani fuori dalle loro incubatrici, così – secondo Osama bin Laden – gli americani sono stati dei bambini- omicidio su larga scala. Riproduce ripetutamente questo tema. Eppure il numero di “bambini morti” varia alquanto.

Questa settimana, Bin Laden ha fatto di tutto per annunciare nella sua videocassetta ovviamente pre-preparata: “Un milione di bambini innocenti stanno morendo in questo momento mentre parliamo, uccisi in Iraq senza alcun senso di colpa“.

La stessa accusa è stata utilizzata per l’autogiustificazione nel processo statunitense a un associato di Bin Laden, condannato per l’attentato del 1998 all’ambasciata americana a Nairobi, in Kenya.

Ci sono stati più di un milione di morti in Iraq, ha affermato la difesa lo scorso giugno a New York. Il prigioniero 24enne, Mohamed Rashed Daoud al-Owali, ha detto all’FBI di essere stato pronto a morire come martire per “asciugare le lacrime delle madri i cui figli sono stati assassinati dalla politica americana”.

Tre anni prima, nel febbraio 1998, il testo della fatwa di Bin Laden che sollecitava la jihad contro gli americani era stato pubblicato su al-Quds. Bin Laden ha descritto “la grande devastazione inflitta al popolo iracheno dall’alleanza crociato-sionista, e … il numero enorme di persone uccise, superiore a 1 milione”.

Diciotto mesi prima, la sua stima era stata leggermente più modesta. In un’intervista con la rivista Nida’ul Islam nell’ottobre 1996, Bin Laden è stato citato in riferimento a: “L’America e Israele uccidono gli uomini, le donne e i bambini più deboli nel mondo musulmano e altrove … la morte di oltre 600.000 bambini iracheni a causa della scarsità di cibo e medicine… risultata dai boicottaggi e dalle sanzioni contro il popolo musulmano iracheno”.

Sembra agghiacciante che, nei campi di addestramento e intorno ai fuochi, i giovani musulmani di Bin Laden si siano ripetuti più e più volte che gli americani uccidono i bambini.

Un modo di guardare a queste deliberate evocazioni di bambini iracheni morti da parte di Bin Laden è dire che forniscono semplicemente una prova di conferma di un’empia alleanza di lunga data tra Saddam Hussein, l’ateo “Macellaio di Baghdad”, e Bin Laden, il pazzo mullah delle montagne afghane.

Questa sarebbe senza dubbio la posizione di falchi come l’ex ministro degli Esteri, David Owen, che questa settimana al Mirror ha sostenuto che i legami dell’intelligence tra l’Iraq e al-Qaeda di Bin Laden giustificano l’azione della seconda ondata per rimuovere definitivamente Saddam.

Ma il fatto imbarazzante è che non è stato Bin Laden a dare origine a queste affermazioni sull’uccisione di bambini in Iraq. Ma i critici americani in Occidente.

Il regista John Pilger è stato tra i più taglienti. Scrivendo sul Guardian l’anno scorso ha dichiarato: “Questa è una guerra contro i bambini dell’Iraq… l’embargo più spietato della storia moderna. Secondo l’Unicef, il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia, il tasso di mortalità dei bambini sotto i cinque anni è superiore a 4.000 al mese, ovvero 4.000 in più rispetto a quelli che sarebbero morti prima delle sanzioni. Questo è mezzo milione di bambini morti“. Bin Laden ha solo preso la cifra di Pilger ma l’ha raddoppiata.

Ma Pilger e i suoi colleghi occidentali hanno ragione? In parte la risposta è che non ci sono mai stati bambini morti. I “bambini morti dell’Iraq” sono un costrutto statistico.

La cifra di mezzo milione può essere fatta risalire a un rapporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità pubblicato il 25 marzo 1996: Le condizioni di salute della popolazione in Iraq dalla crisi del Golfo. L’OMS ha inviato un consulente epidemiologo in Iraq nel 1995 e, basandosi sui dati iracheni, ha affermato che i tassi di mortalità infantile sono aumentati del 600% nei quattro anni dal 1990 al 1994. Il Center for Economic and Social Rights con sede a New York ha quindi estrapolato, affermando : “Questi tassi di mortalità si traducono in una cifra di oltre mezzo milione di morti infantili in eccesso”.

E così, nel programma televisivo statunitense 60 Minutes del 12 maggio, all’allora segretario di Stato, a Madeleine Albright, è stato chiesto: “Abbiamo sentito che sono morti mezzo milione di bambini. Voglio dire, sono più bambini di quelli che sono morti a Hiroshima. Ne vale il prezzo?”

Albright: “Penso che questa sia una scelta molto difficile, ma il prezzo – pensiamo che ne valga la pena.

Nel luglio 2000 un’indagine più approfondita dell’Unicef ​​suggeriva che la cifra precedente fosse il doppio della verità, ovvero che 250.000 bambini sarebbe una conta congrua. Ma poiché le sanzioni erano durate il doppio del tempo, il totale statistico è rimasto lo stesso.

L’Unicef ​​ha affermato: “Se la sostanziale riduzione della mortalità infantile in tutto l’Iraq durante gli anni ’80 fosse continuata negli anni ’90, ci sarebbero stati mezzo milione di morti in meno di bambini sotto i cinque anni nel paese nel suo complesso negli otto anni dal 1991 al 1998. ”

Saddam incolpa le sanzioni, mentre gli Stati Uniti incolpano Saddam. Ma per quanto teoriche le cifre, e per quanto discutibili le ragioni, sembra difficile contestare che i bambini muoiono inutilmente. L’anno scorso, il dottor Peter Pellett, professore di nutrizione all’Università del Massachusetts, che ha servito in tre missioni delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura in Iraq, ha scritto: “Tutte le recenti indagini su cibo e nutrizione hanno riportato essenzialmente la stessa storia: bambini malnutriti… aumento della mortalità, e un crollo generale nell’intero tessuto della società“.

La propaganda di Bin Laden può essere esagerata e unilaterale. Ma forse ha ragione.

Per gli Stati Uniti le sanzioni e l’invasione dell’Iraq hanno portato alla morte di migliaia e migliaia di bambini, dove era la solidarietà del mondo allora? E le Sanzioni agli Stati Uniti?

ScientificAmerican:

Translation results
Secondo Iraq Body Count, tra il 2003 e il 2011, le forze della coalizione statunitense hanno ucciso almeno 1.201 bambini nel solo Iraq. Airwars.org stima che attacchi più recenti delle forze alleate degli Stati Uniti contro le forze islamiche in Iraq e Siria abbiano ucciso almeno 1.239 civili, tra cui un numero imprecisato di bambini.

Per gli Stati Uniti è stato un valore uccidere quei bambini con le sanzioni e con l’intervento armato senza reale giustificazione se non una ipotesi poi smentita dai fatti e dall’assassinio di David Kelly.

Tutti coloro che supportano il Nuovo Ordine Mondiale guardano la televisione, pensano quello che la televisione suggerisce loro di pensare, agiscono some automi.

Chi supporta i nazisti ucraini è feccia al loro pari.

Nel 2018, Human Rights Watch, Amnesty International e altre organizzazioni umanitarie hanno scritto al governo ucraino esortandolo ad affrontare “un’atmosfera di quasi totale impunità” quando si tratta di gruppi militanti radicali in Ucraina e in generale, cioè dei neo nazisti.

Ecco Il Meme perfetto di Voi e dell’Elite che vi manipola:

*
Se sei interessato da uno dei problemi sollevati in questo articolo, chiama i Samaritani gratuitamente al +44 116123 o visita la loro divisione a : www.samaritans.org

Se ti è piaciuto il post e vuoi contribuire alla sua causa lasciaci un contributo, anonimato garantito grazie a Monero :

Contribute

Leave a Reply