I Tiranni Stanno Tramutando Le Nostre Case e Le Nostre Vite In Vetro, E In Milioni Hanno Tacitamente Acconsentito

_χρόνος διαβασματός : [ 9 ] minutes

 

E’ dal 2001 che sosteniamo progetti legati alla Privacy su Internet ed altrove con attività ai limiti dei confini immaginabili…
poichè un vetro…può essere tramutato in frantumi, e non tornare più come era prima…

Authored by Tyler Durden Via ZeroHedge

Già, non tornare più come era prima, devo averla sentita in qualche altro post….

Zerohedge:

Non ci sono vite private. Questo è un aspetto più importante della vita moderna. Una delle più grandi trasformazioni che abbiamo visto nella nostra società è la diminuzione della sfera del privato. Dobbiamo ora ragionevolmente considerare tutti il ​​fatto che non ci sono segreti e nulla è privato. Tutto è pubblico“.

– Philip K. Dick

Niente è privato.

Siamo in bilico sull’apice di una rivoluzione culturale, tecnologica e sociale mai vista prima.

Mentre la sinistra e la destra politiche continuano a fare dell’aborto il volto del dibattito sul diritto alla privacy in America, il governo e i suoi partner aziendali, aiutati dalla tecnologia in rapido progresso, stanno trasformando il mondo in un mondo in cui non c’è affatto privacy .

Nulla di ciò che una volta era privato è protetto.

Non abbiamo nemmeno iniziato a registrare le ricadute dello tsunami che ci sta abbattendo sotto forma di sorveglianza AI (intelligenza artificiale), eppure sta già ri-orientando il nostro mondo in un mondo in cui la libertà è quasi irriconoscibile.

La sorveglianza AI sfrutta il potere dell’intelligenza artificiale e della tecnologia di sorveglianza diffusa per fare ciò che allo stato di polizia non hanno la manodopera e le risorse per fare in modo efficiente o efficace: essere ovunque, guardare tutti e tutto, monitorare, identificare, catalogare, effettuare controlli incrociati, riferimenti incrociati , e colludere.

Tutto ciò che una volta era privato è ora in palio per l’acquirente giusto.

Governi e aziende allo stesso modo hanno adottato incautamente tecnologie di sorveglianza dell’IA senza alcuna cura o preoccupazione per il loro impatto a lungo termine sui diritti dei cittadini.

Come avverte un rapporto speciale del Carnegie Endowment for International Peace, “Un numero crescente di stati sta implementando strumenti avanzati di sorveglianza dell’IA per monitorare, tracciare e sorvegliare i cittadini per raggiungere una serie di obiettivi politici, alcuni legali, altri che violano i diritti umani, e molti dei quali cadono in una torbida terra di mezzo”.

In effetti, con ogni nuova tecnologia di sorveglianza dell’IA adottata e implementata senza alcun riguardo per la privacy, i diritti del quarto emendamento e il giusto processo, i diritti dei cittadini vengono emarginati, minati ed eviscerati.

Indica l’ascesa dell’autoritarismo digitale.

Esiste anche l’autoritarismo giudiziario.

E’ cosa nota che il Sistema Giudiziario in Italia sia non governato dal Giudizio, ma dal Pregiudizio. Significa che non sono le prove o gli indizi a creare un colpevole ma il pregiudizio che si ha contro un qualcuno. Se poi viene “toccato” uno dell’Elite allora partono ufficialmente e dietro le quinte, fasciste, massoniche, e mafiose, tutti gli interventi per salvaguardare uno dei loro, finchè è possibile farlo. Uno ricco davanti ad un giudice non apparirà mai allo stesso modo di un commoner agli occhi del secondo.

Questo per passare al fatto che le grandi Compagnie, Società, Corporation, Banche e quant’altro la spuntano da sempre, tranne in rarissimi casi, sui comuni cittadini.

I governi hanno bisogno di questi DATI, di questi FLUSSI di DATI, sono essenziali, unici, definibili come una crema di vite da usare a proprio piacimento.

L’utilizzo di MILIONI di DATI è UGUALE all’utilizzo di MILIONI di VITE.

Studiando la –Simulazione– ora tutto mi appare chiarissimo, limpido, cristallino. Spero avremo il tempo di scriverne in seguito.

L’autoritarismo digitale, come avverte il Center for Strategic and International Studies, implica l’uso della tecnologia dell’informazione per sorvegliare, reprimere e manipolare la popolazione, mettendo in pericolo i diritti umani e le libertà civili e cooptando e corrompendo i principi fondamentali delle società democratiche e aperte , “compresa la libertà di movimento, il diritto di parlare liberamente ed esprimere il dissenso politico e il diritto alla privacy personale, online e offline”.

I semi dell’autoritarismo digitale sono stati piantati sulla scia degli attentati dell’11 settembre, con l’approvazione dell’USA Patriot Act. Un enorme elenco di desideri di 342 pagine di poteri estesi per l’FBI e la CIA, il Patriot Act giustificava una più ampia sorveglianza interna, la logica è che se gli agenti del governo sapessero di più su ogni americano, potrebbero distinguere i terroristi dai cittadini rispettosi della legge.

Ha suonato la campana a morto per le libertà sancite dalla Carta dei diritti, in particolare il quarto emendamento, e ha normalizzato i poteri di sorveglianza di massa del governo.

Con il 9 11 2001 volevano creare un Nuovo Ordine Mondiale basato sul controllo globale.

E la cosa triste è che una massa enorme, oceanica, di incompetenti ha avallato a colpi di registrazioni sui social sui social, specialmente facebook, la fine della propria privacy e di quella di tutti gli altri.

Quest’era adesso finisce, e violentemente. Queste gioie violente hanno fine violenta…..

Leggi anche:

Sorveglianza di Massa : Facebook Raccoglie I Dati Anche Dei Non Utenti, Cosa Sono I Profili Ombra e Perchè Dobbiamo Preoccuparci

Scrivendo per il New York Times, Jeffrey Rosen ha osservato che “prima dell’11 settembre, l’idea che gli americani avrebbero accettato volontariamente di vivere la propria vita sotto lo sguardo di una rete di telecamere di sorveglianza biometrica, scrutandoli negli edifici governativi, nei centri commerciali, nelle metropolitane e stadi, sarebbe sembrata impensabile, una fantasia distopica di una società che si fosse arresa alla privacy e all’anonimato.

Chi avrebbe potuto prevedere che 50 anni dopo che George Orwell aveva digitato le ultime parole del suo romanzo distopico 1984, “Amava il Grande Fratello”, saremmo arrivati ​​ad amare il Grande Fratello-=?

Eppure questo è esattamente ciò che è accaduto.

Dopo l’11 settembre, Rosen ha scoperto che “le persone erano felici di rinunciare alla privacy senza subire un corrispondente aumento della sicurezza. Più preoccupati di sentirsi al sicuro che di essere effettivamente al sicuro, hanno chiesto la costruzione di vaste architetture tecnologiche di sorveglianza anche se gli studi più empirici suggerivano che la proliferazione delle telecamere di sorveglianza “non ha avuto alcun effetto sulla criminalità violenta” o sul terrorismo”.

Nei decenni successivi all’11 settembre, sorse un enorme complesso industriale e di sicurezza che era ossessionato dalla militarizzazione, dalla sorveglianza e dalla repressione.

La sorveglianza è la chiave.

Siamo osservati ovunque andiamo. Autovelox. Telecamere a luci rosse. Telecamere del corpo della polizia. Telecamere sui mezzi pubblici. Fotocamere nei negozi. Telecamere sui pali dei servizi pubblici. Telecamere in auto. Telecamere negli ospedali e nelle scuole. Telecamere negli aeroporti.

Veniamo registrati almeno 50 volte al giorno.

Si stima che solo negli Stati Uniti ci siano oltre 85 milioni di telecamere di sorveglianza, seconde solo alla Cina.

In un dato giorno, l’americano medio che svolge le sue attività quotidiane è monitorato, sorvegliato, spiato e rintracciato in più di 20 modi diversi da governi e orecchie aziendali.

Fai attenzione a ciò che dici, a ciò che leggi, a ciò che scrivi, a dove vai e con chi comunichi, perché tutto verrà registrato, archiviato e utilizzato contro di te, in un momento e in un luogo a scelta del governo.

Questo abbiamo raccontato invano da due decadi: Non solo le informazioni private che inserisci andranno a tuo discapito e saranno usate contro di te, rimanendo in memoria per secoli forse, ma verranno anche coinvolti persone ignare ed innocenti come i figli, i parenti prossimi.

Uno sfacelo sociale attivo e duraturo per l’intero ciclo vitale dell’individuo che “consapevolmente” ha accettato di consegnare il proprio IO pubblico e privato alle macchine gestite da diversi Governi e diverse Corporation.

Leggi anche:

Internet e Privacy : “Tutto quello che posterai online sarà usato contro di te”, Un Recente Caso che fa Scuola

Tuttavia, non è solo ciò che diciamo, dove andiamo e ciò che acquistiamo a essere monitorato.

Siamo sorvegliati fino ai nostri geni, grazie a una potente combinazione di hardware, software e raccolta di dati che scansiona i nostri dati biometrici – i nostri volti, iridi, voci, genetica, microbiomi, profumo, andatura, battito cardiaco, respirazione, comportamenti – corse attraverso programmi per computer che possono scomporre i dati in “identificatori” univoci e quindi offrirli al governo e ai suoi alleati aziendali per i rispettivi usi.

Come ha affermato un sostenitore della sorveglianza dell’IA, “La sorveglianza non è più solo un occhio vigile, ma anche predittivo”. Ad esempio, Emotion AI, una tecnologia emergente che sta guadagnando popolarità, utilizza la tecnologia di riconoscimento facciale “per analizzare le espressioni basate sull’impronta facciale di una persona per rilevare le sue emozioni o sentimenti interni, le motivazioni e gli atteggiamenti”. La Cina afferma che la sua sorveglianza AI può già leggere le espressioni facciali e le onde cerebrali al fine di determinare fino a che punto i membri del pubblico sono grati, obbedienti e disposti a conformarsi al Partito Comunista.

Questo è il pendio scivoloso che porta alla polizia del pensiero.

La tecnologia è già utilizzata “dalle guardie di frontiera per rilevare le minacce ai posti di blocco, come ausilio per il rilevamento e la diagnosi di pazienti con disturbi dell’umore, per monitorare le aule per la noia o l’interruzione e per monitorare il comportamento umano durante le videochiamate”.

A tutti gli effetti, ora abbiamo un quarto ramo del governo: lo stato di sorveglianza.

Questo quarto ramo è nato senza alcun mandato elettorale o referendum costituzionale, eppure possiede superpoteri, al di sopra e al di là di quelli di qualsiasi altra agenzia governativa tranne i militari. È onnisciente, onniveggente e onnipotente. Opera al di là della portata del presidente, del Congresso e dei tribunali, e marcia al passo con l’élite aziendale che chiama davvero i colpi a Washington, DC.

L’apparato di sorveglianza della “tecno-tirannia” del governo è diventato così radicato e intricato con il suo apparato dello stato di polizia che è difficile sapere più dove finiscano le forze dell’ordine e dove inizi la sorveglianza.

La risposta breve: sono diventati la stessa entità. Lo stato di polizia ha passato il testimone allo stato di sorveglianza, che ha cambiato marcia con l’aiuto delle tecnologie di intelligenza artificiale. La pandemia di COVID-19 ha contribuito a centralizzare ulteriormente il potere digitale nelle mani del governo a scapito dei diritti alla privacy dei cittadini.

Leggi anche:

Governi e Privacy : Un Racconto di Due Nazioni. Il Governo Australiano Spia I Suoi Cittadini Attraverso la Covid App Nonostante Avesse Assicurato il Contrario

“Dalle telecamere che identificano i volti dei passanti agli algoritmi che tengono d’occhio il sentimento pubblico online, gli strumenti basati sull’intelligenza artificiale (AI) stanno aprendo nuove frontiere nella sorveglianza statale in tutto il mondo”. Così inizia il rapporto del Carnegie Endowment sulla nota di sorveglianza dell’IA.

“Le forze dell’ordine, la sicurezza nazionale, la giustizia penale e le organizzazioni di gestione delle frontiere in ogni regione si affidano a queste tecnologie, che utilizzano il riconoscimento di modelli statistici, l’apprendimento automatico e l’analisi dei big data, per monitorare i cittadini”.

Nelle mani di tiranni e dittatori benevoli allo stesso modo, la sorveglianza dell’IA è il mezzo definitivo di repressione e controllo, in particolare attraverso l’uso di piattaforme di città intelligenti/città sicure, sistemi di riconoscimento facciale e polizia predittiva. Queste tecnologie vengono utilizzate anche da gruppi estremisti violenti, nonché da trafficanti di sesso, bambini, droga e armi per i propri scopi nefasti.

La Cina, il modello per il nostro futuro distopico, è stata una forza importante nel dispiegare la sorveglianza dell’IA sui propri cittadini, in particolare attraverso i suoi sistemi di credito sociale, che utilizza per identificare, tracciare e separare i suoi cittadini “buoni” dal ” cattivo.”

I punteggi di credito dei social media assegnati a individui e aziende cinesi li classificano in base al fatto che siano degni o meno di far parte della società. Un sistema a nome reale, che richiede alle persone di utilizzare carte d’identità emesse dal governo per acquistare sim mobili, ottenere account sui social media, prendere un treno, salire su un aereo o persino acquistare generi alimentari, insieme ai punteggi di credito dei social media assicura che quelli inseriti nella lista nera come Agli “indegni” è vietato accedere ai mercati finanziari, acquistare immobili o viaggiare in aereo o in treno. Tra le attività che possono farti etichettare come indegno ci sono prendere posti riservati sui treni o causare problemi negli ospedali.

Più o meno allo stesso modo in cui i prodotti cinesi si sono infiltrati in quasi tutti i mercati del mondo e hanno alterato le dinamiche dei consumatori, la Cina sta ora esportando la sua “tecnologia autoritaria” ai governi di tutto il mondo, apparentemente nel tentativo di diffondere il suo marchio di totalitarismo in tutto il mondo. In effetti, sia la Cina che gli Stati Uniti hanno aperto la strada nel fornire al resto del mondo la sorveglianza dell’IA, a volte presso un sottomarino .

È così che il totalitarismo conquista il mondo.

Mentre i paesi con regimi autoritari sono stati ansiosi di adottare la sorveglianza dell’IA, come chiarisce la ricerca della Carnegie Endowment, le democrazie liberali stanno anche “usando in modo aggressivo strumenti di intelligenza artificiale per sorvegliare i confini, arrestare potenziali criminali, monitorare i cittadini per comportamenti scorretti ed estrarre sospetti terroristi da folle”.

Inoltre, è facile vedere come il modello cinese per il controllo di Internet sia stato integrato negli sforzi dello stato di polizia americano per stanare i cosiddetti estremisti nazionali anti-governativi.

Secondo il rapporto approfondito del giornalista Adrian Shahbaz, ci sono nove elementi nel modello cinese di autoritarismo digitale quando si tratta di censurare i discorsi e prendere di mira gli attivisti: 1) i dissidenti soffrono di attacchi informatici persistenti e phishing; 2) i social media, i siti Web e le app di messaggistica sono bloccati; 3) vengono rimossi i post che criticano i funzionari del governo; 4) l’accesso mobile e internet è revocato come punizione per attivismo; 5) i commentatori pagati soffocano le critiche del governo; 6) nuove leggi inaspriscono i regolamenti sui media online; 7) il comportamento dei cittadini monitorato tramite AI e strumenti di sorveglianza; 9) individui regolarmente arrestati per incarichi critici nei confronti del governo; e 9) gli attivisti online vengono fatti sparire.

Non devi nemmeno essere un critico del governo per rimanere intrappolato nella rete della censura digitale e della sorveglianza dell’IA.

Il pericolo rappresentato dallo stato di sorveglianza si applica ugualmente a tutti noi: trasgressori e rispettosi della legge allo stesso modo.

Quando il governo vede tutto e sa tutto e ha un’abbondanza di leggi per rendere anche il cittadino più apparentemente onesto un criminale e trasgressore della legge, allora il vecchio adagio che non hai nulla di cui preoccuparti se non hai più niente da nascondere non è più si applica.

Come scrisse Orwell nel 1984, “Dovevi vivere – hai vissuto, per abitudine che è diventata istinto – nel presupposto che ogni suono che hai fatto fosse ascoltato e, tranne nell’oscurità, ogni movimento esaminato”.

In un’epoca di troppe leggi, troppe carceri, troppe spie del governo e troppe società desiderose di fare soldi a spese del contribuente americano, siamo tutti colpevoli di qualche trasgressione.

Nessuno è risparmiato.

Come scrive Elise Thomas per Wired: “La nuova tecnologia di sorveglianza significa che non sarai mai più anonimo”.

Leggi anche:

Internet e Privacy : Perchè Molti Tra le Nostre Fila usano Pseudonimi

*
Se sei interessato da uno dei problemi sollevati in questo articolo, chiama i Samaritani gratuitamente al +44 116123 o visita la loro divisione a : www.samaritans.org

Se ti è piaciuto il post e vuoi contribuire alla sua causa lasciaci un contributo, anonimato garantito grazie a Monero :

Donate