Italia, Governo della Repubblica : Giorgia Mette Fine Alla Dipendenza del Sussidio Ai Poveri, Ma Non A Quella dello Champagne Al Twiga

_χρόνος διαβασματός : [ 4 ] minutes

 

Questo Governo è contro tutte le dipendenze, tranne alcune : Ricchi, Evasione Fiscale, Mussolini, e Washington.

Authored by Anonymous Journalist via IlFattoQuotidiano

Il Governo rappresentato da Giorgia è contro le dipendenze dalle droghe e dallo Stato (sembra un’incongruenza ma non lo è affatto) e , anche se non lo ha fatto ufficialmente, equipara un sostegno economico ad un sostegno chimico, come quello che può essere eroina o metadone per un tossico dipendente.

renton
Giorgia…dammi la mia dose di RDC….come dai la dose di champagne ai ricchi del Twiga…

Ma Giorgia ci farà buttare fuori questa merda della dipendenza chiamata turista in vacanza per sempre…eh voglio dire Reddito di Cittadinanza

giorgiatrainspotting3
Giorgia:”Butta fuori quella merda di RDC dalle tue tasche o vengo personalmente a prenderti a calci nelle tasche per fartela buttare…”

Il Reddito di cittadinanza è una misura di sostegno economico introdotta in Italia nel 2019 per aiutare le famiglie in difficoltà economica. Tuttavia, negli ultimi giorni, 169mila famiglie in Italia hanno ricevuto un SMS che annunciava la sospensione del Reddito di cittadinanza, come previsto dall’articolo 48 del decreto legge 20/23 in attesa di una verifica dell’INPS.

FQ:

Dopo l’interruzione del reddito di cittadinanza per 170mila nuclei famigliari, sono stati segnalati dei problemi tecnici sulla comunicazione dei dati dei “fragili” ai servizi sociali. Una lacuna che, in un contesto di grande pressione su Comuni e operatori, rischia di aggravare ancora di più la situazione. A dare l’allarme è stata l’Associazione nazionale comuni italiani (Anci), assicurando che “il ministero del Lavoro sta cercando di risolvere”: secondo quanto rivelato in queste ore, c’è “uno scarto temporale tra il momento in cui viene revocato il Reddito di cittadinanza e l’effettiva verifica sugli aventi diritto” all’Assegno di inclusione, la misura che prenderà il posto del sussidio per i cosiddetti “non occupabili”. In diversi casi quindi, il reddito potrebbe essere revocato e poi ri-attribuito retroattivamente. L’Inps non avrebbe inoltre potuto mettere a disposizione tutti i dati dei beneficiari e ciò ha creato difficoltà ai Comuni nel redigere gli elenchi dei nuclei familiari fragili. Il tutto mentre le richieste di informazioni da parte di chi non sa cosa sarà del suo futuro crescono sempre di più. Per questo i leader di opposizione chiedono al governo di prendere in mano la situazione: per la segretaria Pd Elly Schlein l’esecutivo deve riferire al più presto in Aula, mentre Giuseppe Conte chiede che sia convocato il Consiglio dei ministri.

Hanno dato per anni questo sussidio, tacciando di pigrizia i beneficiari validi, facendo diventare uno stigma l’essere beneficiario di tale misura. L’hanno chiamata guerra ai poveri, e l’hanno vinta. Come sempre. Peccato nessuno abbia creato lo stesso stigma per chi non paga le tasse ed evade quotidianamente, non rilasciando fatture, scontrini, mal pagando e sfruttando i propri dipendenti. Un vero peccato.

meloni

In Italia, il Reddito di Cittadinanza è stato introdotto come strumento di sostegno per combattere la povertà e l’esclusione sociale, dopo anni che in tanti chiedevano le stesse misure adottate da paesi come l’Inghilterra, Francia, Svezia, Svizzera, etc.
Molti cittadini si sono avvalsi di questa misura e hanno fatto benissimo, la Redistribuzione della Ricchezza è un Pilastro della Civiltà. Tuttavia c’è anche chi ha criticato il programma, sostenendo che esso non favorirebbe la ricerca di un lavoro e che rappresenta un incentivo alla pigrizia, mentre nessuno ha criticato la mancanza di una guerra all’evasione dicendo che tale rinuncia alla lotta ai ricchi è un incentivo all’acquisto di champagne e auto di lusso….

Ma i ricchi sono dipendenti proprio dal lusso,così come i fascisti italiani sono dipendenti dagli americani, e così come i drogati dalle droghe. Quindi la domanda finale per i fascisti è: perchè non combattete voi stessi?

renton2

La notizia, al pari di un lutto, ha scatenato proteste a Napoli e in altre città italiane, ma prevediamo e prevedono che non accadrà nessun tumulto o protesta violenta, non siamo all’estero, fa caldo. D’altra parte, in Francia e in Belgio, i movimenti di protesta come i Gilet Gialli sono stati organizzati per protestare contro le politiche economiche e sociali dei rispettivi governi e non per avere sostegni economici. I Gilet Gialli sono nati in Francia nel 2018 come protesta contro l’aumento delle tasse sui carburanti, ma si sono evoluti in un movimento più ampio che chiede maggiori diritti sociali ed economici per i cittadini. In Belgio, quindi nati nel 2019 per protestare contro l’aumento del costo della vita e la mancanza di politiche sociali adeguate.

I movimenti di protesta in Francia e in Belgio hanno visto la partecipazione di migliaia di persone che chiedevano un cambiamento politico e sociale. In particolare, i “gilet gialli” francesi hanno riempito le strade di Parigi e di molte altre città, protestando contro le politiche economiche del governo e la disuguaglianza sociale.
Scontri durissimi che difficilmente, rasentando l’impossibile, vedremo in Italia.

begbierentonsickboy

La differenza tra le masse che hanno perso il Reddito di cittadinanza e i movimenti di protesta come i Gilet Gialli è che le prime sembrano limitarsi a brontolare senza fare nulla di concreto per cambiare la situazione, mentre i secondi organizzano manifestazioni e proteste per far sentire la loro voce e chiedere un cambiamento. I movimenti di protesta come i Gilet Gialli sono un esempio di come i cittadini possano unirsi per chiedere un cambiamento e ottenere risultati concreti. In conclusione, la sospensione del Reddito di cittadinanza in Italia ha scatenato proteste, ma la differenza tra le masse che hanno perso il Reddito di cittadinanza e i movimenti di protesta come i Gilet Gialli è che questi ultimi organizzano manifestazioni e proteste per far sentire la loro voce e chiedere un cambiamento. I movimenti di protesta sono un esempio di come i cittadini possano unirsi per chiedere un cambiamento e ottenere risultati concreti.

Ovviamente, queste due situazioni non pongono entrambe l’accento sul tema dell’equità economica allo stesso modo.

sickboy

La Massa del RDC non vuole il cambiamento ma solo un sostegno economico per sopravvivere.

spud

Lo sfacelo sociale che deriverà dalla fine del RDC potrebbe costare molto di più del mantenimento del RDC stesso se finisse a la francais ;P

Ma non finirà così.


Non Dubitare della Natura della Propria Realtà è Un Peccato Agli Occhi del Creatore

Se sei interessato da uno dei problemi sollevati in questo articolo, chiama i Samaritani gratuitamente al +44 116123 o visita la loro divisione a : Samaritans Organization

Se ti è piaciuto il post e vuoi contribuire alla sua causa lasciaci un contributo, anonimato garantito grazie a Monero :

Donate