Italia, Governo della Repubblica : Finalmente I Magistrati Non Dovranno Più Fare Finta di Preoccuparsi del Reato di Abuso d’Ufficio

_χρόνος διαβασματός : [ 5 ] minutes

 

Questa è una abrogazione che va incontro più ai Magistrati che ai Politici, non fatevi ingannare.

Authored by anonymous journalist via IlFattoQuotidiano

Ma chi deve credere ancora a Travaglio?

travaglio

Io vi porto il mio esempio, che peraltro ho già scritto diverse volte in diversi post. Sono un dissidente politico, proprio come Jamal Khashoggi. Per mettere fine ad anni di denunce contro la Pubblica Amministrazione, peraltro segnalazioni perdute dentro all’immenso Blackhole della mia Procura, o persino rispedite indietro con motivazioni peraltro molto singolari…per mettere fine a questo inferno di denunce le Istituzioni tutte alla fine si sono mosse.

percyhotspur
Politici corrotti, miliziani e magistrati uniti per tappare la bocca all’unico dissidente coraggioso dell’area. Capisco che lo hanno fatto per il mio bene, evitando che fossi finito a colpi di rivoltella o altra modalità barbara. Però non si dovevano preoccupare così. Persino Cosa Nostra non era assolutamente preoccupata di tutte quelle denunce, paradossalmente.
Paradossalmente però tutte quelle denunce stavano a significare :
A) Voi non fate il vostro lavoro retribuito e Io l’ultima ruota del carro sociale invece si, però senza retribuzione.
B) Si dimostra che quello che dicono nei giornali cominciando con l’omertà della gente, la promozione del senso civico, le Feste della Repubblica, ed altre stronzate sono appunto stronzate.

Politici corrotti, Miliziani e Magistrati allora , per fermarmi, hanno dovuto per forza di cosa APPLICARE L’ABUSO D’UFFICIO. Come? Alterando la grammatica italiana e persino il buon senso comune.
Ad esempio, per questa Triade è diventato Reato chiedere ad un politico se in passato è rimasto coinvolto in un procedimento giudiziario, questo per chi non lo sapesse, e non lo saprà mai se invece di denunciare se ne sta a mettere like sotto i post dei soliti idioti, è Diffamazione, o dovremmo chiamarlo il Reato di Richelieu, dato che mai come in questo caso la celeberrima frase:

Se mi dai sei righe scritte dalla mano dell’uomo più onesto, vi troverò qualcosa che lo impiccherà.” ha avuto un contesto così definito nella modernità.

timothee chalamet the king

Non solo.
Un altro esempio di Abuso di Ufficio commesso nell’esercizio delle funzioni giudiziarie, cioè DECIDERE SULLA REPUTAZIONE E SULLA LIBERTA’ DI UN LIBERO CITTADINO, è il falso in atto pubblico. Prendono sempre una frase o un post del soggetto, LO MUTILANO dei “sembrerebbe che”, “pare che” , “se dovesse” per fare apparire diffamatorio qualcosa che non era, e ti riportano in giudizio per diffamazione. Il materiale probatorio è costituito dall’originale inalterato, e poi dalla parte modificata. Nessuno chiederà conto e ragione a questi che hanno compiuto quattro reati in uno per tramutare una frase in una corda da impiccagione, e ora con questa Abrogazione i Magistrati, i Politici e i Miliziani, potranno LETTERALMENTE inventarsi di TUTTO per mettere fine alla vita dei dissidenti politici.

Ora o dobbiamo credere che i Magistrati non conoscano la grammatica italiana, e siano chiamati ad amministrare la libertà degli individui loro soggetti, oppure dobbiamo credere che i Magistrati abusino del Reato di Abuso d’Ufficio e non ne hanno mai reso conto a nessuno.

kinghead1

Datemi sei condanne per diffamazione che taglierò la testa ad uno di loro….

kinghead2

Fq:

“Procediamo a passi da gigante verso l’Italia del malaffare”. Così il senatore M5s Roberto Scarpinato, ex magistrato antimafia, commenta l’esame del ddl Nordio in corso in Commissione Giustizia a palazzo Madama. Dopo l’ok all’abrogazione del reato di abuso d’ufficio e alla rimodulazione (in senso restrittivo) di quello di traffico di influenze, previste dall’articolo 1 del testo (“Modifiche al codice penale”), mercoledì è in programma il voto sull’articolo 2 (“Modifiche al codice di procedura penale”). E dal testo emergono, come previsto, modifiche a vari strumenti in mano alla magistratura, a partire dalle misure cautelari e dalle intercettazioni.

Spampinato dimentica che l’Italia del Malaffare è quella dove esistono carceri da terzo mondo, e questi reati vengono commessi proprio dai suoi ex colleghi, oltre che dai nuovi suoi colleghi.

king3

Il contenuto più importante è l’introduzione di un obbligo di “interrogatorio preventivo” prima di emettere emissione di qualsiasi misura cautelare: all’indagato andrà notificato l’invito a essere sentito “almeno cinque giorni prima di quello fissato per la comparizione, salvo che, per ragioni d’urgenza, il giudice ritenga di abbreviare il termine, purché sia lasciato il tempo necessario per comparire”. La previsione non vale se sussistono le esigenze cautelari del pericolo di fuga o di inquinamento delle prove, o anche quella di reiterazione dei reati più gravi o “commessi con l’uso di armi o con altri mezzi di violenza personale”. In sostanza, quindi, la nuova garanzia vale quasi solo per i reati dei colletti bianchi: per arrestare un presunto corrotto o tangentista bisognerà “avvertirlo” con un anticipo di almeno cinque giorni.

O un Magistrato.

magistr1

C’è poi una stretta sulle intercettazioni che riguardano terzi: non potranno essere acquisite al procedimento e nemmeno trascritte, “salvo che non ne sia dimostrata la rilevanza”. Anche nelle richieste del pm non potranno più essere citati “i dati personali dei soggetti diversi dalle parti, salvo che ciò sia indispensabile per la compiuta esposizione”. I giornalisti, invece, non potranno più riportare tra virgolette qualsiasi dialogo che non sia stato “riprodotto dal giudice nella motivazione di un provvedimento o utilizzato nel corso del dibattimento”: quindi nemmeno le conversazioni citate nelle richieste di misure cautelari del pubblico ministero. Un “semi-bavaglio” che potrebbe presto essere superato da quello previsto dall’emendamento Costa, inserito nella legge di delegazione europea approvata alla Camera: la norma, infatti, delega il governo a prevedere il divieto di pubblicare letteralmente anche l’ordinanza con cui il gip applica le misure cautelari. L’articolo 2, inoltre, vieta al pm di appellare le sentenze di proscioglimento per i reati per cui è prevista la citazione diretta a giudizio: tutte le fattispecie punite con la pena della reclusione non superiore nel massimo a quattro anni o con la multa, ma non solo. Nell’elenco sono comprese ad esempio anche la falsa testimonianza, la violenza o minaccia a pubblico ufficiale, la ricettazione o la truffa, che nelle ipotesi aggravate prevedono pene più alte.

magistr2

I c.d. giornalisti hanno distrutto, in combutta con Magistrati e Miliziani, la vita di migliaia di innocenti, casi che nemmeno dovevano andare a dibattimento, dove le dichiarazioni , come gli alibi, degli imputati non venivano mai vagliati prima dell’inizio del processo, roba che solo nel Cile di Pinochet si pensava fosse concepibile.

Ecco perchè l’Italia è ancora una Nazione Fascista non dissimile dal Cile di Pinochet.

Intanto Italia viva, che ieri ha votato insieme alla maggioranza per abolire l’abuso d’ufficio, annuncia di volersi ripetere sulle altre previsioni: “Continueremo a votare a favore di questo ddl Nordio perché noi siamo garantisti sempre“, assicura all’Ansa il senatore Ivan Scalfarotto, membro della Commissione Giustizia. “Noi siamo contrari a che si massacrino le persone sui giornali”, dice spiegando il voto a favore alla norma sulle intercettazioni. “Questa posizione di Italia viva purtroppo non è nuova. Fanno solo da stampella al governo ma su un terreno a mio modo di vedere pericoloso”, attacca il dem Walter Verini, secondo cui invece la previsione “va nella direzione di limitare la conoscenza dei cittadini dei processi e dei fatti”. Scarpinato invece torna sull’abuso d’ufficio: “Il problema in questo Paese non è, come ci dice l’Ue, la corruzione o il malaffare, ma la magistratura che ha condannato, dal 1996 (in via definitiva, ndr) ben 3.600 persone che avevano truccato gli appalti, i concorsi pubblici, manomesso le gare, concesso licenze edilizie che non si dovevano concedere, insomma, un vero museo degli orrori ai quali gli italiani dovranno chiedere scusa, perchè, tutte queste persone che sono state condannate oggi sappiamo che non dovevano essere neanche processate”.

Voglio concludere ricordando ancora il Cile di Pinochet, perchè tappando la bocca ai dissidenti, come lo sono Io, ecco dove stiamo finendo.

I miei fratelli e le mie sorelle, I c.d. Desaparecidos, venivano rapiti dalle milizie di Pinochet, venivano legati a dovere, fasciati come mummie, e caricati su voli cargo. Venivano poi , in volo, scaraventati giù di peso dall’aereo finendo rovinosamente nell’oceano pacifico.

I miliziani poi andavano dai parenti di questi dissidenti vittime, e dicevano loro che li avrebbero ricongiunti con i loro figli, nipoti, fratelli, sorelle, ma…prima dovevano intestare loro delle case di proprietà, terreni, o dare grosse somme di denaro. Una volta che il parente dava loro quello che volevano veniva ucciso.

Quell’apparenza di legalità fornita dai Miliziani che avevano avuto l’Atto di Proprietà degli Immobili passando prima dal notaio, è tutta l’apparenza di come funziona e funzionerà la Legge in Italia gestita da gente immune alla Legge stessa.

king4


Non Dubitare della Natura della Propria Realtà è Un Peccato Agli Occhi del Creatore

Se sei interessato da uno dei problemi sollevati in questo articolo, chiama i Samaritani gratuitamente al +44 116123 o visita la loro divisione a : Samaritans Organization

Se ti è piaciuto il post e vuoi contribuire alla sua causa lasciaci un contributo, anonimato garantito grazie a Monero :

Donate